Per chi, soprattutto tra i suoi avversari politici, pensava che Matteo Salvini e la Lega potessero perdere voti in seguito all’inchiesta sui presunti fondi russi al Carroccio, potrebbe arrivare una grande delusione. Perché, stando all’ultimo sondaggio realizzato da Swg per il Tg La7, non solo la Lega non arretra, ma anzi recupera lo 0,2%, torna a crescere e si riavvicina al punto più alto toccato finora nella sua storia nelle rilevazioni, il 38% stimato sempre da Swg solo un paio di settimane fa. Il Carroccio sale dal 37,5% della scorsa settimana al 37,7% di questo lunedì. E mantiene un vantaggio nettissimo rispetto a tutti gli inseguitori, riuscendo persino a rafforzare il suo primato.

Il Partito Democratico, infatti, fa segnare un calo dello 0,7% negli ultimi sette giorni e si trova così a quasi 16 punti di distanza dal partito di Matteo Salvini. I dem non riescono ad approfittare dell’inchiesta che tocca da vicino la Lega e, invece, perdono consensi fermandosi al 22%. In leggera risalita troviamo il Movimento 5 Stelle, che guadagna mezzo punto percentuale: i pentastellati passano dal 17,4% di una settimana fa al 17,9% registrato nel sondaggio di questo lunedì 15 luglio.

Nel centrodestra cambiano poco gli equilibri in campo: Forza Italia rafforza la sua posizione nei confronti di Fratelli d’Italia, pur rimanendo vicini e separati da poco più di mezzo punto percentuale. Il partito di Silvio Berlusconi si attesta al 7%, guadagnando un pochino rispetto a sette giorni fa, quando si fermava al 6,8%. Per Fdi, invece, leggero calo dal 6,6% al 6,4%. I tre partiti di centrodestra – Lega, Fi e Fdi – raccolgono insieme più del 51% dei voti, continuando a crescere nelle intenzioni di voto degli italiani. Passando al centrosinistra, sale al 3% (+0,1%) +Europa, mentre i Verdi restano stabili al 2,4%. Più indietro troviamo la Sinistra all’1,8% (era all’1,7%). Le altre liste raccolgono insieme l’1,8%. Non si esprime il 38% del campione.