Una doppia protesta: contro la nuova legge elettorale, il Rosatellum bis, e per chiedere di approvare la norma che abolisce i vitalizi. Il MoVimento 5 Stelle convoca una nuova manifestazione di piazza per mercoledì 25 ottobre davanti al Senato, chiamando tutti a mobilitarsi con “una benda bianca”: “Siamo in piena emergenza democratica e dobbiamo reagire – si legge sul blog di Grillo -. Renzi, Berlusconi e Salvini ormai stanno sfidando i cittadini a viso aperto e stanno attaccando pesantemente la volontà del popolo italiano. Con una mano stanno affossando la legge sull'abolizione dei vitalizi, con l'altra impediscono agli italiani di eleggersi i propri rappresentanti. Si tengono il malloppo e si nominano anche il prossimo Parlamento”.

L’obiettivo è accerchiare il Senato a partire dalle ore 14: “Mercoledì prossimo dobbiamo essere in migliaia – cittadini, portavoce comunali, regionali, nazionali, europarlamentari, attivisti – ad ‘accerchiare’ il Senato, a partire dalle ore 14:00. Pacificamente e civilmente ma senza sconti, tutti con una benda bianca con cui ci copriremo gli occhi per denunciare che con questa legge elettorale è come se votassimo alla cieca, perché non sai a chi stai dando il tuo voto, pensi di votare una lista ma rischi che il tuo voto vada ad un’altra, voti un candidato ma il tuo voto potrebbe farne eleggere un altro”.

Secondo quanto si legge nel post sul blog di Grillo a firma MoVimento 5 Stelle, in “nessun Paese al mondo il cittadino viene calpestato e disprezzato come in Italia. In nessun Paese democratico al mondo i cittadini permetterebbero ai propri rappresentanti di farla cosi sporca, di far uso dei soldi pubblici e delle istituzioni dello Stato come fossero cosa loro e non dei cittadini”.

Il Rosatellum bis è la terza legge elettorale incostituzionale dopo il Porcellum e l’Italicum, secondo il M5s: “In tutti i Paesi del mondo si fanno leggi elettorali per penalizzare i piccoli partiti in favore della governabilità. In Italia, invece, siamo al paradosso: si fa una legge per penalizzare la prima forza politica del Paese”. Una legge che, secondo quanto scrive il blog, “penalizza gli oltre 9 milioni di elettori del MoVimento il cui voto conterà meno degli altri”. Ma – si legge ancora – “il MoVimento 5 Stelle da tutto ciò ne trarrà più forza. Ma dobbiamo dare battaglia sia dentro che fuori dal Parlamento. Diciamo basta a privilegi e leggi contro i cittadini, diciamo ai partiti: tagliatevi i vitalizi, non la democrazia”.