500 CONDIVISIONI
News sul reddito di cittadinanza 2023
6 Dicembre 2022
13:30

Quante persone perderanno il Reddito di cittadinanza, secondo i dati dell’Istat

“La riduzione della durata del Reddito di cittadinanza nel 2023 riguarderà “circa 846 mila individui, vale a dire poco più di un beneficiario su cinque”: sono le stime dell’Istat.
A cura di Annalisa Girardi
500 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sul reddito di cittadinanza 2023

Oltre ottocentomila persone perderanno il reddito di cittadinanza il prossimo anno, quando entrerà in vigore la riforma inserita dal governo di Giorgia Meloni in manovra. Lo affermano le stime dell'Istat. Il presidente dell'Istituto, Gian Carlo Blangiardo, intervenuto in audizione in Parlamento sulla Legge di Bilancio, ha precisato che la riduzione della durata del Reddito di cittadinanza nel 2023 riguarderà "circa 846 mila individui, vale a dire poco più di un beneficiario su cinque".

Quante persone perderanno il Reddito di cittadinanza nel 2023

Insomma, un percettore ogni cinque perderà il sussidio il prossimo anno. E se si considerano solo i beneficiari tra i 18 e i 59 anni, il taglio riguarderà addirittura un terzo di questi. "Secondo le stime, sono soggetti a riduzione della durata del beneficio circa 846mila individui, vale a dire poco più di un beneficiario su cinque: la loro incidenza tuttavia è di oltre un terzo se si considerano i soli beneficiari in età compresa fra 18 e 59 anni", ha infatti precisato il presidente dell'Istat.

Chi non avrà diritto all'assegno con la riforma del governo

"Come atteso la decurtazione della durata coinvolgerebbe in prevalenza i nuclei familiari di ridotte dimensioni (in particolare coinvolge più della metà degli individui soli) e la componente maschile, e investirebbe quasi la metà dei beneficiari in età compresa fra 45 e 59 anni", ha poi proseguito.

La riforma voluta dal governo Meloni colpirà anche i più giovani, una delle categorie in cui è più alto il tasso di disoccupazione in Italia: "La sottopopolazione soggetta a riduzione della durata comprende inoltre un terzo dei Neet fra 18 e 29 anni beneficiari del RdC e si caratterizza per livelli di istruzione appena più elevati rispetto alla restante platea dei beneficiari appartenenti alla stessa classe d'età", ha concluso Blangiardo.

Cosa cambia dal prossimo anno

Il prossimo anno non entrerà in vigore la riforma completa della misura, voluta dal Movimento Cinque Stelle nel primo governo di Giuseppe Conte. Ma ci saranno una serie di modifiche che avranno comunque un notevole impatto, come certificano i numeri dell'Istat. Chi non può lavorare (o ha nel proprio nucleo minori, anziani o disabili a carico) continuerà a ricevere l'assegno nel 2023, mentre i cosiddetti "occupabili" potranno riceverlo solo per otto mesi. Dopodiché il beneficio scadrà.

"Il lavoro ti può portare ovunque, mentre il reddito di cittadinanza ti lascia dove sei. E noi abbiamo scelto di credere nell'Italia e negli italiani", ha commentato la presidente del Consiglio, condividendo sui social una pillola video in cui ha ribadito che in uno Stato giusto non possano essere messe sullo stesso piano le politiche di assistenza e quelle del lavoro.

500 CONDIVISIONI
406 contenuti su questa storia
Reddito di cittadinanza: a Napoli il doppio dei percettori della Lombardia
Reddito di cittadinanza: a Napoli il doppio dei percettori della Lombardia
Il reddito di cittadinanza ha aiutato 1,7 milioni di famiglie nel 2022 ed è costato 8 miliardi di euro
Il reddito di cittadinanza ha aiutato 1,7 milioni di famiglie nel 2022 ed è costato 8 miliardi di euro
Cosa bisogna fare entro il 31 gennaio per non perdere il reddito di cittadinanza nel 2023
Cosa bisogna fare entro il 31 gennaio per non perdere il reddito di cittadinanza nel 2023
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni