382 CONDIVISIONI
Ultime notizie sul Ponte sullo Stretto di Messina

Ponte sullo Stretto, Salvini conferma la tabella di marcia: “Prima pietra entro un anno”

Il ministro dei Trasporti Matteo Salvini conferma la tabella di marcia per la realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina: “Contiamo che la prima pietra del ponte sullo Stretto possa essere posata tra un anno e siamo convinti che il progetto, che aveva già superato tutti i passaggi tecnici e burocratici, debba solo essere aggiornato”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Annalisa Cangemi
382 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sul Ponte sullo Stretto di Messina

Il ministro dei Trasporti Matteo Salvini conferma le tempistiche per l'avvio dei lavori: il cantiere per la costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina si aprirà tra un anno, come previsto. "Contiamo che la prima pietra del ponte sullo Stretto possa essere posata tra un anno e siamo convinti che il progetto, che aveva già superato tutti i passaggi tecnici e burocratici, debba solo essere aggiornato. Sarà un'opera green che consentirà di ripulire un tratto di mare dove oggi c'è un traffico pazzesco con relativo inquinamento e disagio dei cittadini", ha detto il vicepremier, atteso oggi al Meeting di Rimini, intervistato da "ilSussidiario.net".

"Le ultime grandi opere pubbliche sono state realizzate grazie alla legge obiettivo voluta dal governo di centrodestra guidato da Silvio Berlusconi – ha ricordato Salvini – In Italia abbiamo un problema di eccesso burocratico, di sfiducia e purtroppo una forte componente ideologica che si contrappone a qualsiasi novità ingegneristica e infrastrutturale". 

Salvini ha quindi citato "il no del Pci all'Autostrada del Sole, come i più recenti no al Mose di Venezia, che ora invece si sta confermando una scelta azzeccata, per non parlare di Tap, Tav, Ponte sullo Stretto… A me piace incarnare l'Italia che vuole correre, sognare, costruire. Con buonsenso e rispetto del territorio e con risultati concreti". Secondo il segretario della Lega "Il collegamento stabile tra Calabria e Sicilia, per esempio, sarà una straordinaria opera green perché consentirà l'abbattimento di inquinamento a partire da quello del mare. Abbiamo già approvato il nuovo codice degli appalti, che semplifica e velocizza le procedure per i nuovi cantieri. E i primi dati sono molto incoraggianti". 

‘Il Sussidiario' ha poi domandato al ministro se sia vero che ha tagliato 2,5 miliardi di infrastrutture al Sud per finanziare opere al Nord. "Falso. Tutte le opere verranno realizzate, da Sud a Nord. In questi mesi abbiamo fatto un approfondimento sull'andamento dei vari cantieri e abbiamo semplicemente rimodulato le dotazioni finanziarie", ha risposto Salvini.

"Abbiamo dato fondi per i cantieri che ne necessitavano già nel 2023, trasferendoli da quelle opere che invece partiranno solo dal 2024 e che otterranno tutti gli stanziamenti necessari al momento giusto. Ricordo che ho l'onore di guidare il Mit da circa nove mesi, il centrosinistra che polemizza è stato al ministero quasi ininterrottamente nell'ultimo decennio. Mi stupisce che ora vogliano dare lezioni su opere che evidentemente non sono stati in grado di realizzare".

"Nessuno spostamento di fondi da una parte all'altra del Paese: con questa logica, significa che dovremmo rinunciare ad alcuni investimenti e non è nostra intenzione. Peraltro ricordo che abbiamo rilanciato il progetto di Ponte sullo Stretto che porterà almeno 100mila posti di lavoro tra Calabria e Sicilia, e tra investimenti già concretizzati o in previsione, ci ha convinti a prevedere maxi interventi nelle due regioni da 75 miliardi complessivi tra strade e ferrovie. In Italia abbiamo già attivato 4mila cantieri per migliorare la circolazione di auto e treni. Solo in infrastrutture ferroviarie ci sono 125 miliardi di euro. I numeri sono più forti di qualsiasi fake news". 

Salvini rilancia sul "nucleare di ultima generazione"

Un passaggio dell'intervista è dedicato anche al nucleare: "Sì al nucleare, senza se e senza ma. Ne ho parlato con i colleghi di governo, ritengo indispensabile che l'Italia ragioni seriamente sul nucleare sicuro e pulito di ultima generazione. Non farlo significherebbe condannare i nostri figli e nipoti a vivere in un Paese costantemente in emergenza".

382 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views