645 CONDIVISIONI
Crisi di Governo 2022
20 Luglio 2022
20:39

Perché il governo Draghi è finito anche se ha incassato la fiducia al Senato

Nonostante il voto favorevole in Senato Draghi sta per dimettersi, anche se non andrà questa sera al Quirinale: il presidente del Consiglio ha chiesto la fiducia e gran parte della sua maggioranza è uscita dall’Aula.
A cura di Tommaso Coluzzi
645 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Crisi di Governo 2022

Il governo Draghi ha appena incassato la fiducia al Senato, in un voto con chiama uninominale surreale a cui gran parte dei senatori non ha partecipato. I parlamentari di Lega e Forza Italia sono usciti dall'Aula, quelli del Movimento 5 Stelle sono rimasti dentro come presenti non votanti. Sui 192 presenti, alla fine, i votanti sono stati 133 con la maggioranza fissata a 67: hanno votato sì alla fiducia in 95, mentre i contrari sono stati 38 con zero astenuti. Nonostante ciò il governo Draghi è finito e il presidente del Consiglio salirà domattina – molto probabilmente – al Quirinale dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, per rassegnare le sue dimissioni.

Nonostante i tentativi di mediazione degli ultimi giorni tutto è precipitato nella giornata di oggi, prima con il discorso duro del presidente del Consiglio e poi con la reazione dei partiti. Il centrodestra ha messo il veto sul Movimento 5 Stelle, i pentastellati si sono detti insoddisfatti del discorso di Draghi. Così il governo ha incassato la fiducia in Aula senza che Lega, Forza Italia e Movimento 5 Stelle partecipassero al voto, ma ha visto concretizzarsi la fine del suo mandato. La maggioranza che per un anno e mezzo ha sostenuto l'esecutivo guidato da Mario Draghi si è sgretolata improvvisamente, in una discussione generale – seguita dalle dichiarazioni di voto sullo stesso tono – fatta di accuse e controaccuse.

A questo punto il presidente del Consiglio non può far altro che dimettersi, avendo preso atto che la sua maggioranza non esiste più – come per altro lui stesso aveva detto una settimana fa – nonostante il tentativo di oggi fatto esclusivamente "perché e solo perché lo hanno chiesto gli italiani", come ha detto lo stesso Draghi questa mattina. Il governo ha deciso di andare alla conta in Senato per mettere spalle al muro i partiti e i parlamentari e chiedere la fiducia nella formula che Draghi aveva in mente: stesso governo, stessa maggioranza. La risposta non è stata no, ma l'uscita dall'Aula. Per Draghi poco cambia, alla fine. Ha avuto la risposta che voleva.

645 CONDIVISIONI
342 contenuti su questa storia
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Le notizie del 23 luglio sulla crisi del governo Draghi
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Cannabis, salario minimo, aiuti: quali provvedimenti saltano con la crisi di governo e quali no
Delmastro (Fdi) a Fanpage:
Delmastro (Fdi) a Fanpage: "Noi dalla parte dell'Ucraina, Putin festeggia quando il popolo non vota"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni