2.652 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 5 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 13 minuti fa
Opinioni
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
26 Settembre 2022
07:00

Perché l’astensione da record deve preoccuparci più della destra al governo

Il crollo della partecipazione al voto di dieci punti percentuali è un dato epocale, molto più della vittoria della destra guidata da Giorgia Meloni. Perché racconta di una rabbia e di una disillusione profondissime nei confronti della politica, con cui tutti i partiti politici dovranno fare i conti.
2.652 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Sì ok, ha vinto la destra più destra che si sia mai vista in Italia. E sì ok, con ogni probabilità avrà una maggioranza importante sia alla Camera sia al Senato, seppur non abbastanza per cambiare da sola la Costituzione. E sì ok, con ogni probabilità per la prima volta in Italia avremo un (anzi una) presidente del Consiglio espressione di un partito post-fascista. Sì ok, dobbiamo preoccuparci. Ma rischia di esserci molto peggio, all'orizzonte.

Perché di epocale, nella vittoria della destra, a ben vedere, c'è soprattutto la simbologia. La coalizione, al netto dell’ennesimo travaso di voti tra i partiti che la compongono – dalla Lega e Fratelli d’Italia, dopo essere passati quattro anni fa da Forza Italia alla Lega – è sempre la stessa che ha governato l’Italia tra il 2001 e il 2006 e tra il 2008 e il 2011. Può non piacervi, ma è una minestra che avete già mangiato. E che buona parte degli italiani già mangia nelle quattordici regioni in cui governa il centrodestra.

Peraltro, è una coalizione con una legittimazione elettorale molto inferiore che in passato – 12 milioni di voti, come nel 2018, contro i 17 milioni del 2008. Allo stesso modo, l’exploit campano dei Cinque Stelle nei collegi uninominali al Senato e le fibrillazioni interne alla coalizione, rendono molto più fragile di quanto sembri la maggioranza della destra a Palazzo Madama, dove una sparuta decina di parlamentari, complice il taglio dei seggi made in Cinque Stelle, può cambiare i destini della legislatura e rendere impervio il cammino di un governo Meloni prossimo venturo, non bastasse la situazione politica ed economica che attraversa il nostro Paese.

Il vero dato epocale di queste elezioni è un altro, semmai. Ed è l’astensione al voto di un terzo dell’elettorato, un’astensione che cresce di 10 punti in soli quattro anni. È una diserzione dalle urne che apre un vuoto enorme nella politica italiana, come mai si è visto nel nostro Paese, anche nelle fasi drammatiche degli anni di piombo o nel cupio dissolvi della Prima Repubblica, tra il 1992 e il 1994. È un vuoto che racconta la rabbia la disillusione e la disaffezione profondissima nei confronti della politica che nessun partito è stato in grado di attrarre e rappresentare, a differenza di quanto accadde tra il 2013 e il 2018 con l’exploit del Movimento Cinque Stelle e della Lega, o nel 1994 con la nascita di Forza Italia.

Quel vuoto ci deve spaventare perché racconta lo stato della nostra democrazia più e meglio di qualunque vittoria di qualunque schieramento. Perché racconta quanto capitale politico sia stato dissipato in dieci anni a vellicare la pancia del Paese con promesse impossibili, a chiamare salvatori della patria a prendere decisioni impopolari, a formare grandi coalizioni affinché nessuno se ne prendesse la responsabilità, e a fare la gara a dissociarsene appena s’intravedeva l’inizio di una campagna elettorale.

Con tutto questo, tutti i partiti sono chiamarti a fare i conti, quelli che hanno vinto e quelli che hanno perso. E non c’è sfida più difficile di questa. Perché i vuoti in politica si riempiono in fretta. Ed è da quei vuoti che prendono forma gli incubi peggiori.

2.652 CONDIVISIONI
Francesco Cancellato è direttore responsabile del giornale online Fanpage.it. Dal dicembre 2014 al settembre 2019 è stato direttore del quotidiano online Linkiesta.it. È autore di “Fattore G. Perché i tedeschi hanno ragione” (UBE, 2016), “Né sfruttati né bamboccioni. Risolvere la questione generazionale per salvare l’Italia” (Egea, 2018) e “Il Muro. 15 storie dalla fine della guerra fredda” (Egea, 2019)
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Le quattro bombe economiche che agitano il sonno di Giorgia Meloni e del suo governo
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Al governo Meloni non gliene frega nulla del cambiamento climatico, e questo sarà un grosso problema
Se la sinistra facesse la sinistra, non si stupirebbe della destra che fa la destra
Se la sinistra facesse la sinistra, non si stupirebbe della destra che fa la destra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni