957 CONDIVISIONI
Opinioni
12 Maggio 2016
16:03

Per il Tribunale di Torino “dare del nazista a Salvini non costituisce reato”

Il Gip del tribunale di Torino ha decretato il non luogo a procedere nei confronti del segretario di Rifondazione Paolo Ferrero, querelato del leader della Lega Nord per un post su Facebook. Secondo il Giudice, il fatto non costituisce reato perché “nell’ambito della critica politica la continenza verbale assume una peculiare elasticità, in ragione dei toni abitualmente accesi ed aspri che caratterizzano la lotta politica”.
A cura di Charlotte Matteini
957 CONDIVISIONI

Il 19 aprile dello scorso anno, in un post su Facebook, il segretario di Rifondazione comunista Paolo Ferrero definì Matteo Salvini un "nazista". Per la precisione, nella chiusa, Ferrero scrisse: "Salvini non è uno sciacallo ma un nazista, come quelli che all'inizio degli anni '30 gridavano al complotto giudaico massonico". Per questo accostamento, il leader del Carroccio sporse querela, ma ieri il giudice per indagini preliminari del Tribunale di Torino ha decretato il non luogo a procedere nei confronti di Ferrero perché il fatto non costituisce reato: "Nell'ambito della critica politica la continenza verbale assume una peculiare elasticità, in ragione dei toni abitualmente accesi ed aspri che caratterizzano la lotta politica", ha motivato il Gip, rigettando la richiesta di emissione di decreto penale nei confronti del segretario di Rifondazione.

Secondo il Gip, infatti, "l'accostamento di Salvini al nazismo pare riferirsi non già alle politiche criminali di xenofibia e genocidio, quanto alla politica iniziale del movimento suddetto volto a produrre falsi nemici versi cui creare odio sociale". A dare notizia dell'assoluzione è stato lo stesso Paolo Ferrero, che ieri sera ha pubblicato su Facebook il testo integrale della sentenza emessa, esprimendo la sua soddisfazione: "Il Tribunale di Torino ha emesso sentenza in cui dichiara di non doversi procedere nei miei confronti perché il fatto non costituisce reato. Si tratta di una sentenza importante che riconosce la piena legittimità di denunciare come Salvini sia un nazista in quanto usa argomenti simili a quelli dei nazisti che all'inizio degli anni '30 hanno basato i loro consensi sulla costruzione della guerra tra i poveri e dei capri espiatori. Si tratta di una acquisizione rilevante perché ‘historia magistra vitae', dalla storia si può e si deve imparare".

957 CONDIVISIONI
Milanese, classe 1987, da sempre appassionata di politica. Il mio morboso interesse per la materia affonda le sue radici nel lontano 1993, in piena Tangentopoli, grazie a (o per colpa di) mio padre, che al posto di farmi vedere i cartoni animati, mi iniziò al magico mondo delle meraviglie costringendomi a seguire estenuanti maratone politiche. Dopo un'adolescenza turbolenta da pasionaria di sinistra, a 19 anni circa ho cominciato a mettere in discussione le mie idee e con il tempo sono diventata una liberale, liberista e libertaria convinta.
La sentenza per Alex Pompa: assolto il ragazzo che uccise il padre violento
La sentenza per Alex Pompa: assolto il ragazzo che uccise il padre violento
28.584 di Susanna Picone
Alex Pompa è innocente, il fratello: “È solo grazie a lui se siamo vivi, ci ha difesi da papà”
Alex Pompa è innocente, il fratello: “È solo grazie a lui se siamo vivi, ci ha difesi da papà”
A Novara la protesta dei No Green Pass vestiti come i prigionieri dei lager nazisti
A Novara la protesta dei No Green Pass vestiti come i prigionieri dei lager nazisti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni