La nave Ocean Viking, della Ong Sos Mediteranee, ha soccorso oggi 236 migranti nel Mar Mediterraneo. Tra questi c’erano anche 114 minori non accompagnati, sette donne e un neonato. I migranti si trovavano a bordo di due diverse imbarcazioni sovraffollate. “Oggi la Ocean Viking ha soccorso 236 persone a bordo di 2 gommoni sovraffollati in acque internazionali, a 32 NM da Zawiyah, in Libia. Diversi sopravvissuti erano deboli e disidratati e ora si stanno riprendendo. Alcune donne hanno subito ustioni da carburante e inalato del fumo”, fa sapere la stessa Ong su Twitter. Comunicando successivamente, in un secondo tweet, che a bordo dei due gommoni soccorsi erano “presenti anche 114 minori non accompagnati”.

Secondo quanto riporta l’agenzia Dire dopo aver parlato con la stessa Ong, l’Ocean Viking ha ricevuto l’allerta da parte di Alarm Phone, con la richiesta di soccorso arrivata intorno alle 6 di questa mattina. Alle 9 è stata quindi avviata l’operazione di salvataggio dei due gommoni in difficoltà, che è stata completata poco prima di mezzogiorno. Dalla Ong raccontano alla Dire che “molti sopravvissuti erano deboli, disidratati e soffrivano di mal di testa e vertigini. Ora si stanno riprendendo. Molte delle donne soffrono di ustioni da carburante e hanno inalato i gas di scarico, soffrendo in conseguenza di vertigini, nausea e mal di testa”.

Per quanto riguarda le persone che si trovavano a bordo dei due barconi soccorsi dall’Ong, la stessa Ocean Viking sottolinea che “tra i sopravvissuti ci sono 114 minori non accompagnati, 7 donne e un neonato”. La maggior parte di loro “proviene da paesi dell'Africa occidentale. Il salvataggio è avvenuto in acque internazionali a 32 miglia nautiche al largo delle coste libiche”.