Mario Draghi ha firmato il nuovo Dpcm. Si tratta del primo del nuovo governo, che entrerà in vigore il 6 marzo, dopo la scadenza dell'ultimo firmato da Giuseppe Conte, e detterà le regole fino al 6 aprile. Due giorni dopo Pasqua, uno dopo pasquetta. Le nuove misure restrittive, quindi, saranno valide anche durante le prossime vacanze pasquali. Resiste la linea dura che aveva portato avanti l'esecutivo precedente, soprattutto in un momento in cui le varianti circolano sempre più velocemente in tutto il Paese e la curva epidemiologica del Covid-19 torna a crescere in modo preoccupante. Le nuove misure sono state annunciate questa sera dai ministri Speranza e Gelmini, insieme a Silvio Brusaferro e Franco Locatelli.

Ecco il testo integrale in pdf del nuovo Dpcm firmato da Mario Draghi:

Le novità riguardano principalmente alcune categorie: cinema, teatri e sale da concerto potranno riaprire dal 27 marzo, ma solo in zona gialla. Per riaprire, però, dovranno seguire alcune regole precise: "Posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento", mentre "la capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala".

Grandi novità anche per le scuole: in zona rossa resteranno chiuse tutte, di ogni ordine e grado. Tutti gli studenti seguiranno le lezioni in didattica a distanza. Ma non finisce qui: la stessa misura scatterà anche per quei territori, a prescindere dal colore, che supereranno l'incidenza di 250 contagi per 100mila abitanti sui sette giorni. Niente da fare per palestre, piscine e impianti sciistici, che non potranno riaprire. In zona rossa chiudono anche barbieri e parrucchieri, considerati negli scorsi mesi come attività essenziali: dal 6 marzo, in caso di colore rosso, non potranno aprire ai clienti.