Far ripartire matrimoni ed eventi in sicurezza. L'idea presentata oggi a Montecitorio da Luigi Auletta, responsabile settore wedding e eventi di Confesercenti Campania e presidente di Impero Couture, consiste nell'effettuare un tampone salivare non invasivo, affidabile al 97%, a tutti gli invitati a due giorni dal matrimonio o dall'evento. Per gli sposi, la loro famiglia e i testimoni, invece, è previsto un ulteriore tampone due settimane prima delle nozze. Secondo Auletta l'unico modo per permettere al settore di risollevarsi è ripartire, ma per farlo serve assolutamente un protocollo sanitario. La sua proposta, articolata in 23 pagine, è stata ascoltata e recepita da alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle: i deputati Alessandro Amitrano e Maria Soave Alemanno e il senatore Iunio Valerio Romano. L'obiettivo, ha spiegato Auletta, è ripartire "tutelando gli sposi, tutti gli invitati e gli operatori stessi del settore wedding nella massima attenzione".

Il protocollo, molto complesso, prevede una procedura di triage per accedere alla struttura e poi il monitoraggio dell'attività degli invitati. C'è una procedura che permette di valutare il livello di rischio di chi partecipa alla cerimonia, con conseguenti misure di protezione. Igienizzazione degli spazi, ingressi contingentati e tanto altro. Oltre ad una valutazione per colori, da verde a viola, per definire il rischio di contagio da Covid-19. Ci si affiderebbe a degli esperti e si compilerebbe un verbale.

"Cari amici, a causa della pandemia molti settori sono in ginocchio ed uno di questi è il wedding", commenta il deputato del Movimento 5 Stelle, Alessandro Amitrano, su Facebook. "Da un anno il comparto dei matrimoni, e tutto ciò che gira attorno ad esso, è in grandissima difficoltà – continua – Il mio obiettivo è ascoltare tutti gli attori del settore e contribuire alla sua ripartenza in sicurezza. Consentire la ripresa del wedding vuol dire sostenere l’economia e il lavoro, e farà anche sì che le coppie possano finalmente realizzare il proprio sogno d’amore".