149 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Elezioni europee 2024

La lettera dei militanti leghisti a Salvini: “Perché allearsi con chi è attirato da fasci e svastiche?”

“Perché abbiamo smesso di dialogare con le forze autonomiste e federaliste, per accordarci con chi non ha la nostra repulsione nei confronti di fasci e svastiche?”: è quanto si legge in una lettera inviata a Matteo Salvini da diversi militanti – tra ex parlamentari e amministratori locali – della Lega, in cui si mette in discussione tanto l’alleanza con AFD quanto l’apertura alla candidatura di Vannacci.
A cura di Annalisa Girardi
149 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Sono una ventina i militanti della Lega, tra ex parlamentari e amministratori locali, che hanno scritto una lettera al segretario Matteo Salvini facendogli presente una serie di critiche in vista delle elezioni europee. Parlano di "riflessioni urgenti", ma il succo è questo: all'ultima tornata la Lega superava il 30%, in questa rischia di non arrivare alla doppia cifra e bisogna fare qualcosa per risanare la situazione. Anche perché nonostante il risultato del 2019 il Carroccio non è riuscito a essere protagonista a Bruxelles e a imporre la sua agenda: qualche considerazione va fatta.

"Nonostante la storica affermazione elettorale conseguita, la Lega è stata relegata a un ruolo residuale sia nell'assemblea parlamentare che nelle altre istituzioni europee", si legge nella missiva, pubblicata da La Stampa. I firmatari denunciano un "isolamento politico", che "non ci ha permesso di incidere concretamente nella ricerca della soluzione a problematiche di interesse del movimento, siano esse di natura storica o attuale".

I militanti proseguono: "È inevitabile chiedersi dove sia finito il tradizionale pragmatismo che ci ha sempre portati alla ricerca di collocazioni utili al raggiungimento degli obiettivi" e "dove sia finita la tradizione e giusta distanza che abbiamo sempre mantenuto da tutti gli opposti estremisti".

Questa lettera arriva a qualche settimana dal raduno dell'estrema destra a Roma, organizzato proprio da Salvini, nell'evento di Identità e democrazia. "Perché abbiamo smesso di dialogare con le forze autonomiste e federaliste, per accordarci con chi non ha la nostra repulsione nei confronti di fasci e svastiche?", chiedono ancora i firmatari, sottolineando che alcuni movimento non hanno "NULLA A CHE FARE – scritto in maiuscolo nella lettera, sì – con la nostra storia culturale e politica". E ancora: "Non comprendiamo nemmeno come sia possibile coniugare l'alleanza elettorale con l'Udc di Cesa e quella strutturale in Europa con l'Afd tedesca, due alleanze obiettivamente inconciliabili".

Il documento conclude con la richiesta di chiarimenti rispetto ad alcune candidature. Un chiaro riferimento a quella – per ora ipotetica – del generale Roberto Vannacci, a cui Salvini ha più volte aperto: secondo i firmatari queste voci "renderebbero ancor più difficile il perseguimento degli obiettivi storici del partito"

149 CONDIVISIONI
207 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views