8 Gennaio 2022
16:44

La circolare del ministero alle scuole sulle nuove regole per la quarantena

Il ministero dell’Istruzione ha inviato alle scuole una nota su come applicare le nuove regole per la quarantena in classe in caso di casi positivi. Ecco cosa viene specificato.
A cura di Annalisa Girardi

Il ministero dell'Istruzione ha inviato alle scuole una nota su come applicare le nuove regole per la quarantena in classe in caso di casi positivi. I protocolli di sicurezza sono stati aggiornati con il decreto dello scorso 5 gennaio e poi illustrati questa mattina ai sindacati. Nel documento si specifica che, nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, quando si registrano due contagi nella stessa classe gli altri studenti devono essere in grado di dimostrare i requisiti per poter frequentare le lezioni in presenza durante il periodo dell'autosorveglianza. In altre parole, il proprio status vaccinale: secondo il decreto, infatti, chi ha concluso il ciclo vaccinale primario o è guarito da meno di quattro mesi, così come chi ha ricevuto la terza dose, non è soggetto a quarantena e non è quindi obbligato alla didattica a distanza. Potrà continuare a seguire le lezioni in presenza in regime di autosorveglianza.

Il fatto che le scuole visionino lo status vaccinale degli studenti non è quindi considerato, si evince dalla nota, una violazione della privacy. Inoltre, nella nota si specifica che durante il periodo dell'autosorveglianza devono essere messi a disposizione tamponi gratuiti: questi potranno essere effettuati nelle farmacia e nelle strutture convenzionate.

Ecco le nuove regole, riassunte nella nota.

Sistema integrato di educazione e di istruzione 0 – 6 anni

In presenza di un caso di positività nella sezione o gruppo classe vengono disposte le seguenti misure. Per i bambini appartenenti alla stessa sezione/gruppo del caso positivo si prevede:

  • attività didattica: sospesa per 10 giorni;
  • misura sanitaria: quarantena della durata di 10 giorni con test di uscita – tampone molecolare o antigenico con risultato negativo.

Scuola primaria

In presenza di un solo caso di positività nella classe vengono disposte le seguenti misure. Per gli allievi frequentanti la stessa classe del caso positivo si prevede:

  • attività didattica: in presenza. Si raccomanda di consumare il pasto ad una distanza interpersonale di almeno 2 metri;
  • misura sanitaria: sorveglianza con test antigenico rapido o molecolare da svolgersi prima possibile (T0) dal momento in cui si è stati informati del caso di positività e da ripetersi dopo cinque giorni (T5). In merito all’esito dei tamponi si precisa che se il risultato del tampone T0 è negativo si può rientrare a scuola. Se invece è positivo, è necessario informare il DdP e il MMG/PLS e non si rientra a scuola. Analogamente, per il tampone T5 se il risultato è positivo, è necessario informare il DdP e il MMG/PLS e non recarsi a scuola.In caso di tampone con esito positivo il referente scolastico COVID-19/dirigente scolastico sarà informato secondo la procedura adottata localmente per i casi positivi occorsi tra gli studenti e gli operatori scolastici.

In presenza di almeno due casi positivi vengono disposte le seguenti misure per i compagni di classe:

  • attività didattica: è sospesa l’attività in presenza, si applica la didattica a distanza per la durata di dieci giorni;
  • misura sanitaria: quarantena della durata di 10 giorni con test di uscita – tampone molecolare o antigenico – con risultato negativo.

Scuola secondaria di I e II grado e percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP)

In presenza di un caso di positività nella classe vengono disposte le seguenti misure. Per gli allievi frequentanti la stessa classe del caso positivo si prevede:

  • attività didattica: in presenza, con l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni; si raccomanda di non consumare pasti a scuola a meno che non possa essere mantenuta una distanza interpersonale di almeno due metri;
  •  misura sanitaria: Auto-sorveglianza.

In presenza di due casi positivi nella classe, le misure previste sono differenziate in funzione dello stato vaccinale:

A) per gli alunni che non abbiano concluso il ciclo vaccinale primario o che lo abbiano concluso da più di centoventi giorni, che siano guariti da più di centoventi giorni e ai quali non sia stata somministrata la dose di richiamo si prevede:

  •  attività didattica: è sospesa l’attività in presenza, si applica la didattica digitale integrata per la durata di dieci giorni;
  • misura sanitaria: quarantena della durata di 10 giorni con test di uscita – tampone molecolare o antigenico – con risultato negativo.

B) per gli alunni che abbiano concluso il ciclo vaccinale primario, o che siano guariti, da meno di centoventi giorni e per coloro ai quali sia stata successivamente somministrata la dose di richiamo, si prevede:

  • attività didattica: in presenza con l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni; si raccomanda di non consumare pasti a scuola a meno che non possa essere mantenuta una distanza interpersonale di almeno due metri;
  • misura sanitaria: Auto-sorveglianza.

In presenza di almeno tre casi di positività nella classe vengono disposte le seguenti misure. Per gli allievi frequentanti la stessa classe dei casi positivi si prevede:

  • attività didattica: è sospesa l’attività in presenza, si applica la didattica a distanza per la durata di dieci giorni;
  • misura sanitaria: si applica quanto previsto dalla Circolare del Ministero della Salute 0060136-30/12/2021 per i contatti stretti (ad ALTO RISCHIO).
Caos sulla circolare contro l'omofobia a scuola, per Fdi e Lega è "propaganda gender"
Caos sulla circolare contro l'omofobia a scuola, per Fdi e Lega è "propaganda gender"
Nuove regole Covid dal 1º maggio, cosa cambia per mascherine al chiuso, Green Pass e vaccini
Nuove regole Covid dal 1º maggio, cosa cambia per mascherine al chiuso, Green Pass e vaccini
Nuove regole per i condizionatori, arrivano le multe: limiti alla temperatura negli edifici pubblici
Nuove regole per i condizionatori, arrivano le multe: limiti alla temperatura negli edifici pubblici
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni