9.378 CONDIVISIONI
Coronavirus
12 Marzo 2021
12:02

Italia in zona rossa a Pasqua: consentite visite a parenti e amici dal 3 al 5 aprile

Dal 15 marzo al 2 aprile e nella giornata del 6 aprile saranno consentite le visite a parenti e amici, per un massimo di due persone, nello stesso comune in zona arancione. A Pasqua e Pasquetta, con tutta l’Italia in zona rossa, le visite nelle abitazioni private saranno ugualmente consentite in ambito regionale: dal 3 al 5 aprile. Sono queste le indicazioni che il governo sembra voler seguire, stando alla bozza del decreto Covid che verrà approvato a breve.
A cura di Stefano Rizzuti
9.378 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Spostamenti nelle abitazioni private consentiti a Pasqua in tutta Italia all’interno della stessa Regione e vietati dal 15 marzo al 2 aprile nelle zone rosse. Per i giorni di Pasqua e Pasquetta (e anche per il sabato prima di Pasqua) sarà quindi possibile andare a fare visita a parenti e amici per un massimo di due persone, eventualmente accompagnate da minori di 14 anni o conviventi disabili o non autosufficienti. È questa la direzione che il governo sembra intenzionata a seguire e a mettere nero su bianco nel decreto Covid che verrà approvato a breve in Consiglio dei ministri. Secondo la bozza del decreto legge che circola in queste ore le visite nelle abitazioni private saranno consentite solamente in zona arancione dal 15 marzo al 2 aprile e poi nella giornata del 6 aprile. E saranno poi consentite anche il 3, 4 e 5 aprile (quindi per Pasqua) su tutto il territorio nazionale, che sarà però in zona rossa. Si replica, almeno per i giorni di Pasqua, il modello Natale.

Dal 15 marzo al 2 aprile visite a casa solo in zona arancione

Nella bozza del decreto si spiega che dal 15 marzo al 2 aprile e nella giornata del 6 aprile tutte le zone gialle diventeranno in automatico arancioni. Il che vuol dire che in Italia ci saranno solamente zone arancioni e rosse, fatta eccezione per eventuali zone bianche. Nelle zone arancioni – ma non in quelle rosse – in questi giorni sarà consentito in ambito comunale “lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle conviventi”, a cui si possono aggiungere minori di 14 anni e persone disabili o non autosufficienti conviventi. Lo spostamento viene consentito, dal 15 marzo al 2 aprile e poi il 6 aprile, solamente nelle zone arancioni e non in quelle rosse.

A Pasqua consentite visite a parenti e amici

Le regole sulle visite nelle abitazioni private saranno diverse per i giorni di Pasqua, cioè il sabato, la domenica e il lunedì di Pasquetta. In questi giorni tutta l’Italia sarà zona rossa, fatta eccezione per eventuali Regioni in zona bianca (attualmente solo la Sardegna è in zona bianca). Per i giorni di Pasqua, però, le visite a parenti e amici nelle abitazioni private saranno consentite esattamente come previsto prima per le zone arancioni: lo spostamento potrà essere effettuato massimo una volta al giorno e per massimo due persone più minori di 14 anni o disabili conviventi. Dovrà essere rispettato sempre il coprifuoco alle 22. In questi giorni di festa – quindi il 3, 4 e 5 aprile – gli spostamenti verso le abitazioni private verranno consentiti in ambito regionale.

9.378 CONDIVISIONI
27147 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni