1.651 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 4 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 12 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
26 Settembre 2022
16:03

Il partito di Adinolfi e Di Stefano prende 50mila voti: il grande flop di Alternativa per l’Italia

Alternativa per l’Italia, il partito di Adinolfi e Di Stefano, ha raccolto appena lo 0,06% alla Camera e lo 0,15% al Senato alle elezioni politiche. Molto meno di quanto dicevano di poter ottenere i due leader.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.651 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Alternativa per l'Italia non farà parte del prossimo Parlamento. Non c'erano grossi dubbi, in verità, ma il partito di Mario Adinolfi e Simone Di Stefano – secondo i dati pubblicati in tempo reale da Eligendo, quando lo scrutinio è praticamente concluso in tutta Italia – non raccoglie più di qualche decina di migliaio di voti. Certo in ogni caso è un risultato migliore di quello raccolto dallo stesso Adinolfi alle amministrative di pochi mesi fa, quando si presentò in corsa a Ventotene e non ottenne neanche un voto. Battere questo record negativo, per il leader del Popolo della Famiglia, era sostanzialmente impossibile.

A luglio Adinolfi ha presentato il suo nuovo partito: Alternativa per l'Italia, appunto, che si ispira – neanche troppo velatamente – al partito tedesco di estrema destra Alternative für Deutschland. Con lui in questa avventura, non a caso infatti, c'è l'ex leader di Casapound Simone Di Stefano. Secondo i dati ufficiali pubblicati da Eligendo, però, il partito si è fermato molto al di sotto della soglia di sbarramento fissata al 3% per entrare in Parlamento. Alla Camera dei deputati Alternativa per l'Italia ha raccolto 16.882 voti in totale, che corrispondono ad appena lo 0,06% del totale. Al Senato è andata un poco meglio: 40.132 voti totali con lo 0,15% in percentuale.

Insomma, in ogni caso si tratta dell'ennesima sconfitta per i due estremisti, che non sono riusciti a riscuotere un vasto consenso elettorale. Lo sbarramento del 3%, infatti, lascia fuori anche loro – come tanti altri, anche personalità di rilievo – dal prossimo Parlamento.

E pensare che poco più di due mesi fa lo stesso Adinolfi diceva che i sondaggi davano questo nuovo soggetto politico tra l'1,9% e il 4,8%. Poi rilanciava pure: "Nel 2018 abbiamo raccolto oltre 500mila voti, l'area vasta dell'opposizione a Draghi credo valga venti volte tanto e possa andare al governo del Paese". Non è andata così, alla fine.

1.651 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni