10.574 CONDIVISIONI
D. Tommasi
53.4%
F. Sboarina
0%
sezioni su 265
Ultimo aggiornamento: 7 minuti fa
Elezioni Comunali 2022
13 Giugno 2022
17:44

Mario Adinolfi candidato sindaco a Ventotene: prende zero voti

Nessun voto al Popolo della Famiglia di Mario Adinolfi, che a Ventotene prende zero voti. Il suo obiettivo era fare dell’isola un esperimento sociale, senza aborto e con reddito di maternità.
A cura di Natascia Grbic
10.574 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni Comunali 2022

Mario Adinolfi, candidato per la carica di sindaco a Ventotene, ha preso zero voti. Questo il clamoroso risultato raggiunto dalla sua lista, ‘Il popolo della famiglia', con cui si è presentato alle elezioni. A Ventotene ha votato il 73,91% degli aventi diritto, eleggendo a sindaco dell'isola pontina Carmine Caputo. "A Ventotene lo scontro tra bande rende impraticabile lo spazio democratico – ha dichiarato Adinolfi subito dopo aver saputo del risultato elettorale – Un voto al partito gay, nessun voto al Popolo della Famiglia, 500 voti alle due bande. Brutto segnale di controllo del voto, ma in alcune piccole realtà funziona così. Insisteremo perché l’isola cambi". Insomma, per Adinolfi la sua sconfitta non sarebbe dovuta al fatto che nessuno ha voluto votare Il popolo della famiglia, ma al ‘controllo del voto' di quelle che definisce ‘due bande'. E annuncia che alle prossime elezioni si ripresenterà per "cambiare Ventotene", "perché il cambiamento è necessario come l’aria".

Adinolfi voleva Ventotene senza aborto e con reddito di maternità

L'obiettivo di Mario Adinolfi era fare di Ventotene un esperimento sociale, un'isola senza aborto e con reddito di maternità. Aveva definito il programma del Partito Gay (che ha preso un voto) una "pappardella in pieno stile frocesco" e "un fogliettino da gay Pride". Il primo cittadino uscente Santomauro per Adinolfi è dannoso a causa del suo "iperrealismo concretista", così come il candidato vincente Caputo. "Appena sbarcato a Ventotene, mentre iniziavo la campagna elettorale casa per casa con la mia brava spilletta del PdF al bavero, la prima signora bionda che ho incontrato mi ha detto: ‘Non sono più residente a Ventotene e uno dei giorni più belli della mia vita è stata quando a Roma, la mia nuova residenza, sono andata a votare per le comunali potendo scegliere liberamente a chi dare il mio voto. A Ventotene alle comunali è impossibile' – scriveva Adinolfi giorni fa in una nota – Non mi stupisco e neanche particolarmente giudico questo metodo che pure ha caratteri paramafiosi. So che è così, lo sapevo prima di candidarmi, quindi non lo accamperò a scusante anche se il rischio di chiudere la campagna con zero voti nel carniere c’è". Una frase evidentemente profetica quest'ultima, che si è concretamente avverata.

Adinolfi dopo la disfatta: "Non mi ha votato manco il mio cane"

Adinolfi ha commentato la totale disfatta in un post pubblicato sui social network: "A Ventotene non mi ha votato manco il mio cane" ha scritto su Facebook, definendo quella politica "un’avventura romantica contro la logica del controllo paramafioso del voto tipico un piccolo centro meridionale e ho perso. Un voto al partito gay, nessuno al PdF".

10.574 CONDIVISIONI
79 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni