403 CONDIVISIONI
8 Giugno 2022
20:39

A Verona la Lega invita il “Capofamiglia” a votare per il suo candidato

Un volantino elettorale della Lega a Verona si rivolge al “capofamiglia” per invitare i cittadini a votare per il candidato sindaco Sboarina, sostenuto anche da Fdi.
A cura di Giacomo Andreoli
403 CONDIVISIONI

"Alla cortese attenzione del Capofamiglia". Inizia così una lettera con annesso volantino elettorale spedita dalla Lega ai cittadini di Verona per convincerli a votare per Federico Sboarina. Domenica prossima, infatti, nella città veneta si voterà per eleggere il nuovo sindaco, con Sboarina che corre per il secondo mandato (sostenuto anche da Fratelli d'Italia, ma non da Forza Italia, che si è schierata per Flavio Tosi).

La lettera fa molto discutere, con le foto del volantino diventate virali sui social, suscitando reazioni critiche da parte di tutto il centrosinistra, a partire dal Partito democratico. "La Lega e Sboarina – commentano proprio i dem- ancora una volta dimostrano di essere indietro di 50 anni rispetto alla storia. Il capofamiglia non esiste più, ma evidentemente non lo sanno e preferiscono indirizzare le lettere a una figura che non è più l’uomo, al quale venivano riconosciuti giuridicamente e socialmente autorità sugli altri membri, dal 1975″.

La Lega risponde dicendo che la formula "è tutt’oggi utilizzata anche da Istat e la polemica dimostra che a sinistra  sono completamente lontani dai bisogni delle persone, che alla politica chiedono risposte concrete ai loro problemi e bisogni e non dispute lessicali". In realtà il termine "capofamiglia" non è presente nel glossario ufficiale dell'Istituto nazionale di statistica. Tuttavia la parola viene ancora utilizzata in alcune pubblicazioni ufficiali dell'ente. Ad esempio la si ritrova nel documento "L'indagine sperimentale web sulle famiglie italiane" del 2019. Qui sono fornite due definizioni della parola: in un caso è "il maggiore percettore di reddito", nell'altro "la persona più informata sull’economia familiare".

403 CONDIVISIONI
Zaia a Fanpage:
Zaia a Fanpage: "Maroni entra nel Pantheon della Lega, l'autonomia deve andare avanti anche per lui"
Assolto consigliere leghista che fece il saluto romano in Aula contro le attiviste di Non una di meno
Assolto consigliere leghista che fece il saluto romano in Aula contro le attiviste di Non una di meno
"I gay sono contro natura": dopo quasi trent'anni Verona cancella le mozioni omofobe
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni