Il Ddl Anticorruzione è stato approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati con 304 voti a favore, 106 contrari e 19 astenuti. Il cosiddetto "Spazzacorrotti" è un provvedimento che contiene una serie di misure per il contrasto dei reati contro la Pubblica Amministrazione, modifiche alla normativa sulla prescrizione e sulla trasparenza dei movimenti politici. Lo "Spazzacorrotti" è una delle leggi di punta del Movimento 5 Stelle e sin dall'inizio dell'esperienza di governo il vicepremier Luigi Di Maio ha sostenuto che la sua approvazione fosse una priorità.

"Questa è una legge molto importante, il mio primo pensiero va ai giovani italiani e al loro futuro", ha sottolineato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, poco prima del voto in aula. "Oggi è una giornata storica. Il Movimento 5 Stelle porta avanti da sempre la battaglia per la legalità e oggi è una giornata storica che vogliamo dedicare a tutti i cittadini onesti che si spaccano la schiena e che da ora in poi sapranno che lo Stato è dalla loro parte", ha commentato il Guardasigilli dopo il voto.

"Sono sei mesi che il M5S è al governo e questo è uno dei più grandi risultati che portiamo a casa. Nulla sarà più come prima, per i partiti, per i furbi che si sentiranno più soli e abbandonati dallo Stato. I cittadini onesti ora sono al centro. Niente sarà più come prima finora gli onesti erano stati trattati da fessi, ma adesso cambia tutto. Il merito lo rimettiamo al centro. Diamo alle forze dell'ordine gli strumenti per andarsi a prendere chi mette le mani nella marmellata e non fargliele mettere mai più grazie al Daspo per i corrotti", ha invece dichiarato il vicepremier Luigi Di Maio.

"Per la prima volta il nostro Paese ha una legge organica e strutturata per combattere in modo serio la piaga della corruzione. Continua il nostro percorso di cambiamento per rilanciare il ‘sistema Italia'. Un grazie per l’impegno profuso al ministro Alfonso Bonafede", è stato il commento diffuso via Twitter dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte.