13 Ottobre 2021
10:02

Green Pass per non vaccinati con tampone, quanto dura il certificato con test rapido e molecolare

Si stima che siano poco più di 3 milioni i lavoratori non ancora vaccinati e che quindi dovranno sottoporsi periodicamente a tampone per ottenere il Green Pass, che dal 15 ottobre sarà obbligatorio per accedere a tutti i luoghi di lavoro. Tuttavia, a seconda del test effettuato cambia la durata della validità della certificazione. Ecco quanto dura il Green Pass ottenuto dopo un test rapido o molecolare.
A cura di Giuseppe Pastore

È la settimana decisiva per il mondo del lavoro. Dal 15 ottobre, infatti, sarà obbligatorio il Green Pass per i dipendenti pubblici e privati che non potranno presentarsi in azienda o in ufficio senza una certificazione verde valida. Con il superamento dell'80% della popolazione vaccinata è cresciuto anche il numero di lavoratori che hanno ottenuto il Green Pass dopo la prima o la seconda dose di vaccino. Restano però 6,2 milioni di persone in età lavorativa (dai 20 ai 69 anni) non ancora vaccinate tra cui si stima siano poco più di 3 milioni quelle occupate. Queste, per accedere al luogo di lavoro, non avranno altra alternativa che ottenere il Green Pass attraverso un tampone rapido o molecolare. La validità della certificazione, tuttavia, è diversa a seconda del test eseguito e, in ogni caso, è inferiore ai 12 mesi previsti per il Green Pass generato da vaccinazione e ai 6 mesi per quello ottenuto dopo la guarigione dal Covid.

Quanto dura il Green Pass con tampone rapido

Il Green Pass generato dopo un tampone rapido ha validità di 48 ore a partire dal prelievo effettuato. Il governo ha fissato dei prezzi calmierati per questo tipo di test, a cui hanno aderito gran parte delle farmacie, pari a 8 euro per i ragazzi tra i 12 e i 18 anni e a 15 euro per gli over 18. Al momento, invece, la certificazione verde non può essere ottenuta attraverso test "fai da te", test salivari, né attraverso test sierologici. Ci si può sottoporre a tampone rapido recandosi in farmacia, purché ad effettuarlo sia un operatore sanitario che, attraverso una procedura informatizzata, trasmette i dati personali e l'esito negativo del tampone alla piattaforma nazionale da cui sarà possibile scaricare il Green Pass. Questo tipo di test (fatto attraverso tamponi nasali, orofaringei o nasofaringei) consente di conoscere la presenza o meno degli antigeni del virus. In caso di positività, tuttavia, sarà necessario sottoporsi a tampone molecolare che gode di un grado di attendibilità più elevato.

La durata del Green Pass con test molecolare

È proprio la maggiore attendibilità del test molecolare che consente di ottenere un Green Pass di una durata più lunga. La validità della certificazione verde rilasciata dopo un tampone molecolare, infatti, è di 72 ore. Anche questo tipo di test può essere eseguito in farmacia, sempre in presenza di un operatore sanitario e, al contrario del primo, difficilmente può generare falsi positivi o falsi negativi. Infatti, i test molecolari sono in grado di indagare direttamente sulla presenza dell'Rna, prelevando parti di muco che rivestono le pareti nasali e quelle della gola. Questo tipo di test viene utilizzato prevalentemente per confermare l'esito positivo di un  tampone rapido. Per questo, può essere eseguito gratuitamente dell'Asl di riferimento oltre che a pagamento, ma in questo caso il prezzo varia a seconda delle farmacie o dei laboratori di analisi a cui ci si rivolge. Come avviene per i test rapidi, inoltre, il Green Pass viene generato in seguito alla trasmissione al sistema informatico dei dati personali e dell'esito del tampone.

Le proposte della politica sui tamponi per il Green Pass

Gli scontri ad opera dei no Green Pass avvenuti a Roma e culminati nell'assalto alla sede della Cgil non hanno solo portato alla luce violenze e gruppi estremisti, ma hanno anche evidenziato un problema già segnalato nei giorni precedenti all'introduzione dell'obbligo di Green Pass sul lavoro. Infatti, le Regioni hanno parlato di "rischio caos" per il 15 ottobre proponendo al governo di riorganizzare il sistema per il rilascio delle certificazioni dopo il tampone. In particolare, i governatori Massimiliano Fedriga e Luca Zaia hanno chiesto di allungarne la validità e di permettere alle aziende di organizzarsi in modo autonomo nell'esecuzione dei test. Sul tema è tornato anche il leader della Lega, Matteo Salvini che ha riproposto di allungare a 72 ore anche la durata dei Green Pass rilasciati a seguito di test rapido. Un invito all'estensione, addirittura a 96 ore, è arrivato anche dalla Coisp, il sindacato di Polizia. E poi c'è l'ipotesi dell'obbligo vaccinale che resta sul tavolo del governo, come confermato dal ministro alla Salute Roberto Speranza: "L'obbligatorietà del vaccino è ancora una possibilità, ma in questo momento abbiamo scelto un'altra strategia".

Farmacie in campo per aumentare i test

Subito dopo l'annuncio del Green Pass obbligatorio sul lavoro, si è notato un incremento di persone vaccinate in età lavorativa. Un aumento di prime di dosi, a dire il vero, c'era già stato con la progressiva estensione del Green Pass alle diverse attività e con le somministrazioni era aumentata anche la richiesta di tamponi. Molte farmacie, infatti, "hanno dovuto assumere personale e riorganizzare i turni", ha detto il presidente di Federfarma, Marco Cossolo. Adesso, la sfida è prepararsi al 15 ottobre  quando i prezzi dei tamponi saranno calmierati, anche se Federfarma fa notare che avevano già aderito al prezzo ribassato quasi il 90% delle farmacie: "Speriamo che il servizio di testing sia offerto da un numero sempre maggiore di farmacie".

Green pass, Liguria è la prima Regione che offre tamponi gratis a chi è in attesa di certificato
Green pass, Liguria è la prima Regione che offre tamponi gratis a chi è in attesa di certificato
Green pass al lavoro: perché è impossibile eseguire 7,5 milioni di tamponi a settimana ai non vaccinati
Green pass al lavoro: perché è impossibile eseguire 7,5 milioni di tamponi a settimana ai non vaccinati
Effetto green pass, Gimbe: "Tamponi raddoppiati in una settimana, ma anche 400mila vaccinati in più"
Effetto green pass, Gimbe: "Tamponi raddoppiati in una settimana, ma anche 400mila vaccinati in più"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni