23.263 CONDIVISIONI
Opinioni
20 Luglio 2020
17:27

G8 di Genova: quando provarono ad ammazzare una generazione

Vi capita mai, a voi, di svegliarvi sentendo nelle narici l’odore dei gas lacrimogeni? A chi è stato a Genova, sì. Vi capita mai, ascoltando all’improvviso il nome di una città, di non pensare al mare, o al testo di Paolo Conte, ma alle torture? A chi è stato a Genova, sì. Ricordare Genova 2001 significa mettere il dito dentro una ferita mai rimarginata.
A cura di Saverio Tommasi
23.263 CONDIVISIONI
Genova G8 - 2001
Genova G8 – 2001

Ogni anno è il solito dolore. In quelli che furono i giorni del G8 a Genova, nel 2001, sale più forte il ricordo ed è dura resistere alla lettura di certi commenti violenti come un manganello tonfa.

Avevamo ragione su tutto, in quei giorni. Su tutto. L'ambiente, l'ecologia, il sistema capitalista che faceva schifo fino al midollo, i diritti, l'accesso alle cure, l'immigrazione, la povertà, l'uguaglianza, la redistribuzione della ricchezza. Avevamo ragione su tutto, e proprio per questo provarono ad ammazzare una generazione. Noi che c'eravamo, lo sappiamo.

Picchiarono con i manganelli chi aveva le idee libere, lo picchiarono così forte per dargli una lezione, che capisse lui e capissero quelli a casa, e lasciarono che i black bloc seminassero il terrore. Arrestarono sistematicamente e picchiarono, picchiarono Dio solo sa quanto. Dita delle mani divaricate fino a spezzare il tendine, schiaffi, le urla "ti stupriamo" nelle orecchie delle donne, l'ordine di restare in piedi pisciandosi addosso, orecchini strappati dai lobi delle orecchie.

In quei giorni, a Genova, venne sospesa la democrazia. "La più grave violazione dei diritti umani dalla fine della Seconda guerra Mondiale", come disse Amnesty International.

Vi capita mai, a voi, di svegliarvi sentendo nelle narici l'odore dei gas lacrimogeni? A chi è stato a Genova, sì.
Vi capita mai, ascoltando all'improvviso il nome di una città, di non pensare al mare, o al testo di Paolo Conte, ma alle torture? A chi è stato a Genova, sì.

Genova resta una ferita nelle nostre vite. C'è stato un prima di Genova e un dopo Genova, come accade con i terremoti, o gli eventi traumatici.

Una cosa è sicura: "Non ci avrete mai come volete voi".

23.263 CONDIVISIONI
Sono giornalista e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Scrivo libri, quando capita. Il più recente è "Siate ribelli. Praticate gentilezza". Ho sposato Fanpage.it, ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Mi nutro di video e respiro. Tutti i miei video li trovate sul canale Youmedia personale.
Gaia scomparsa su nave Genova-Palermo, al vaglio immagini delle telecamere:
Gaia scomparsa su nave Genova-Palermo, al vaglio immagini delle telecamere: "Di lei nessuna traccia"
Ragazza sparisce nel nulla durante la navigazione, mistero sul traghetto Genova-Palermo
Ragazza sparisce nel nulla durante la navigazione, mistero sul traghetto Genova-Palermo
Gaia scomparsa su nave Genova-Palermo, i famigliari escludono il suicidio: “Le hanno fatto del male”
Gaia scomparsa su nave Genova-Palermo, i famigliari escludono il suicidio: “Le hanno fatto del male”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni