5.413 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Aprile 2020
08:12

Fase due, il piano Colao per ripartire: over 65 a lavoro da casa, negozi aperti dall’11 maggio

La task force guidata da Vittorio Colao ha presentato il suo piano per la fase due: il progetto prevede che siano 2,8 milioni i lavoratori italiani che riprenderanno le loro attività a partire dal 4 maggio, con l’eccezione degli over 65 che dovrebbero lavorare da casa. Novità anche per le date di riapertura di negozi, bar e ristoranti.
A cura di Stefano Rizzuti
5.413 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il piano per la fase due dovrebbe essere presentato dal governo entro la fine della settimana. Con tanto di calendario delle riaperture di attività produttive, uffici e negozi. Le prime ipotesi sono contenute nel piano Colao, quello che la task force ha presentato al governo guidato da Giuseppe Conte. Un progetto secondo cui dal 4 maggio tornerebbero a lavoro 2,8 milioni di persone, escludendone una fetta che continuerebbe a ricorrere allo smart working, soprattutto nei casi delle persone più a rischio, come quelle con più di 65 anni. I negozi potrebbero riaprire non prima dell’11 maggio, seguiti ad almeno una settimana di distanza da bar e ristoranti. Novità anche per gli spostamenti e le vacanze estive.

Il primo problema riguarderà i mezzi pubblici che verranno usati da molti lavoratori. Dal 4 maggio il 15% delle persone che precedentemente prendeva bus e metro tornerà a farlo. Secondo la task force serve un protocollo per garantire il rispetto di tutte le regole di sicurezza. Così come serve un protocollo per le condizioni di sicurezza sul lavoro, mettendo a disposizione anche i dispositivi come le mascherine. Tanto che si pensa all’ipotesi di calmierare i pezzi. Il principio da seguire, per Conte, rimane quello della “massima cautela”. Ieri ha incontrato le parti sociali, le Regioni, i Comuni e le Province. Nessun “liberi tutti”, ha assicurato. Anche se già dal 27 aprile potrebbe esserci qualche riapertura per chi garantisce le condizioni di sicurezza.

La fase due per le aziende: over 65 da casa

La stima è quella di 2,8 milioni di lavoratori che torneranno in ufficio o in azienda dal 4 maggio. La cifra riguarda coloro i quali torneranno a lavorare in sede, a cui aggiungere chi proseguirà in smart working. Le aziende a riaprire prima dovrebbero essere quelle del settore manifatturiero, delle costruzioni e forse del commercio all’ingrosso. Alcuni lavoratori, però, dovranno essere protetti, magari lavorando da casa. Parliamo degli over 65 e delle altre fasce più fragili. In ogni caso, si chiederà di ricorrere allo smart working ovunque sia possibile.

Gli spostamenti dal 4 maggio

Gli spostamenti, dal 4 maggio, saranno consentiti solamente nella Regione di residenza. Divieto di spostamento da una Regione all’altra, fatta eccezione per i casi di urgenza assoluta o di lavoro. Servirà ancora l’autocertificazione, che potrebbe quindi cambiare con le nuove regole. Ancora da definire la possibilità di andare nelle seconde case, se si trovano al di fuori del proprio comune. Per quanto riguarda le passeggiate, invece, saranno consentite anche meno vicino rispetto alla propria abitazione, magari puntando anche sulla riapertura dei parchi per fare sport all’aperto. In ogni caso le riaperture e il via libera agli spostamenti dipenderanno da tre aspetti, da valutare continuamente: la situazione epidemiologica, quella degli ospedali e la disponibilità dei posti letto, la disponibilità dei dispositivi di protezione. Da valutare in ogni singolo territorio. E nel caso in cui queste tre condizioni non siano rispettate, si potrà tornare a un lockdown della singola area.

La fase due: quando riaprono negozi, bar e ristoranti

Anche per la riapertura dei negozi si fa qualche data: si parla dell’11 maggio. Solo una settimana dopo potrebbe toccare a bar e ristoranti, non prima del 18, quindi. Anche se si pensa all’ipotesi di concedere l’apertura per la vendita da asporto già prima, da affiancare alle consegne a domicilio che vengono già effettuate. I ristoranti, poi, potrebbe riaprire con capienza dimezzata per rispettare le distanze di sicurezza. Per alcuni negozi i problemi, però, saranno molti. Per esempio per quelli di abbigliamento si pone la questione della sanificazione degli abiti, per cui è richiesta anche un’attrezzatura specifica. In tutti i negozi che effettuano servizi per gli utenti, come per esempio i parrucchieri, il rapporto sarà quello di un cliente per ogni dipendente all’interno, non di più.

Le vacanze estive

Sicuramente saranno vacanze diverse dal solito. La capacità di spostamento sarà molto limitata: niente aerei e niente viaggi fuori dall’Italia. D’altronde è lo stesso governo a dirlo chiaramente: le vacanze andranno fatte in Italia. Rispettando una serie di regole, che permetteranno di rispettare le misure di distanziamento. Mentre si pensa a varie soluzioni possibili per le spiagge, l’invito sembra essere quello di dedicarsi a un turismo di prossimità, non allontanandosi troppo dalla propria residenza e puntando sulle seconde case, sulla montagna e sui borghi.

5.413 CONDIVISIONI
32421 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni