136 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Beretta a Fanpage: “Governo limita la trasparenza sull’export di armi a favore delle aziende produttrici”

In un’intervista con Fanpage.it, Giorgio Beretta – analista di Opal – denuncia come il governo stia modificando la legge sull’esportazione degli armamenti per “limitare i divieti, l’informazione al Parlamento e la trasparenza a favore delle aziende produttrici di armi”, reintroducendo “una sorta di “segretezza di Stato” dando al Parlamento e alla società solo poche e generiche informazioni su un business miliardario e che riguarda la sicurezza di tutti come l’export di armamenti”.
A cura di Annalisa Girardi
136 CONDIVISIONI
Fonte: Facebook
Fonte: Facebook

Il governo di Giorgia Meloni sta mettendo mano alla legge che regola l'esportazione delle armi, con delle modifiche che secondo alcuni osservatori finiranno per ridurre il controllo e la trasparenza rispetto agli armamenti che l'Italia importa o vende all'estero. Il nuovo testo è già stato approvato in Senato e si trova ora in esame alla Camera: Giorgio Beretta, analista dell’Osservatorio permanente sulle armi leggere (OPAL), è intervenuto in commissione a Montecitorio per fare il punto sul disegno di legge, sottolineando come sia il Parlamento che la società civile rischino ora di non essere più adeguatamente informati sul commercio delle armi nel nostro Paese. "Un business miliardario e che riguarda la sicurezza di tutti come l’export di armamenti", ha ribadito Beretta, legato anche alla Rete italiana Pace e Disarmo, in un'intervista con Fanpage.it, denunciando come il governo stia tentando di "reintrodurre una sorta di “segretezza di Stato” dando al Parlamento e alla società solo poche e generiche informazioni".

Informazioni che però fino a oggi hanno permesso "di ricostruire e documentare numerose esportazioni di materiali d’armamento a Paesi a rischio e di conoscere gli istituti di credito che le hanno appoggiate". In un contesto geopolitico sempre più complesso, con la guerra in Ucraina e il drammatico conflitto a Gaza, la collettività non può non essere informata su dove finiscono le armi prodotto nel nostro Paese. Anche contando che, come denuncia di nuovo l'analista, "da ottobre scorso l’Italia ha esportato “armi e munizioni”, tra cui munizionamento pesante, verso Israele per un valore pari a 2,1 milioni di euro".

Avete rivolto diverse critiche alla revisione della legge 185/90, già approvata in Senato. Partiamo dalla prima, che riguarda la questione dei divieti: qual è il punto principale?

Con la riforma prospettata dal Disegno di legge di iniziativa governativa, l’individuazione dei Paesi verso cui applicare i divieti ad esportare armamenti non dipenderà più dal ministero degli Esteri, ma viene sottoposta alla discrezione del governo attraverso il Comitato interministeriale per gli scambi di materiali di armamento per la difesa (CISD) presieduto dal Presidente del Consiglio. Un simile Comitato era previsto in origine dalla legge, ma successivamente era stato cancellato. Adesso viene reintrodotto per “assicurare un coordinamento adeguato al massimo livello politico delle scelte strategiche in materia di scambi di armamento”. Ma, di fatto, con un’unica funzione: porre il veto ai divieti alle esportazioni di armi che il ministero degli Esteri, su proposta dell’Autorità nazionale UAMA, decide in applicazione delle norme stabilite dalla legge 185/90 e del Trattato sul Commercio di armi. Il CISD avrà infatti quindici giorni di tempo per esaminare i divieti proposti dal ministero degli Esteri e potrà annullare ogni proposta di divieto senza a che nessuno, nemmeno il parlamento, ne sappia nulla.

Anche sul tema della trasparenza avete espresso dei dubbi: perché le modifiche sono peggiorative, secondo voi?

Ciò a cui il governo mira con il disegno di legge è soprattutto ridurre l’informazione al Parlamento e alla società civile. Informazione che è già stata erosa negli anni, ma che è tuttora garantita dalla Relazione che la Presidenza del Consiglio deve inviare ogni anno alle Camere riportando tutte le operazioni autorizzate e svolte riguardo alle esportazioni di armamenti. Oggi la Relazione deve infatti contenere “indicazioni analitiche – per tipi, quantità e valori monetari – degli oggetti concernenti le operazioni contrattualmente definite indicandone gli stati di avanzamento annuali sulle esportazioni, importazioni e transiti di materiali di armamento e sulle esportazioni di servizi oggetto dei controlli e delle autorizzazioni previste dalla presente legge” (Art. 5). Con la modifica già approvata al Senato non sarà più richiesto, come previsto fin dall’entrata in vigore della legge 185/90, che la Relazione annuale contenga le succitate “indicazioni analitiche”, ma soltanto “i Paesi di destinazione finale con il loro ammontare suddiviso per tipologia di equipaggiamenti” e “con analoga suddivisione, le imprese autorizzate” e “l’elenco degli accordi da Stato a Stato”.  Praticamente non sapremo il tipo specifico di armi e di materiali militari che vengono esportati ai vari Paesi. E’ un’informazione fondamentale per il controllo del Parlamento e delle nostre associazioni sull’attività del governo.

Perché per voi è importante difendere l’impianto originario di quella legge, nata soprattutto per la spinta arrivata dalla società civile? 

Perché la legge ha finora garantito controlli precisi e trasparenza. La legge 185/90 è stata una conquista delle associazioni cattoliche e laiche che negli anni Ottanta con la campagna “Contro i mercanti di morte” hanno promosso un’ampia mobilitazione nazionale denunciando gli scandali del commercio italiano di armamenti: mobilitazione che ha portato il Parlamento a definire norme rigorose per impedire l’esportazione di materiali militari non solo agli Stati sottoposti a misure di embargo, ma anche a Paesi coinvolti in conflitti armati, a governi responsabili di gravi violazioni dei diritti umani e verso Paesi la cui politica contrasta con i principi dell’articolo 11 della Costituzione. Prima, per cinquant’anni, era rimasta in vigore la legge fascista promulgata col Regio Decreto n. 1161 dell’11 luglio 1941, firmato da Mussolini, Ciano, Teruzzi e Grandi, con cui l’intera materia delle esportazioni di armamenti era vincolata al “segreto di Stato”. Con la modifica promossa dal governo si vuole, di fatto, reintrodurre una sorta di “segretezza di Stato” dando al Parlamento e alla società solo poche e generiche informazioni su un business miliardario e che riguarda la sicurezza di tutti come l’export di armamenti.

In audizione alla Camera il ministro Crosetto ha detto che la revisione ha l’obiettivo di rendere la legge più efficace e trasparente: come giudica queste parole?

Totalmente fuorvianti. Non c’è nessuna norma nell’attuale disegno di legge che renderà più veloce o faciliterà l’iter burocratico delle aziende per ottenere le licenze. Come ho detto, è invece una modifica che mira a limitare i divieti e soprattutto l’informazione al Parlamento e la trasparenza a favore delle aziende produttrici di armi. La riprova è nel fatto che il disegno di legge governativo intende eliminare anche tutte le informazioni sulle attività degli istituti di credito nell’export di armamenti. Sono proprio queste informazioni che hanno finora permesso di ricostruire e documentare numerose esportazioni di materiali d’armamento a Paesi a rischio e di conoscere gli istituti di credito che le hanno appoggiate. I correntisti non sapranno più dalla Relazione annuale quali sono le banche, nazionali ed estere, che traggono profitti dal commercio di armi in particolare verso regimi autoritari e Paesi coinvolti in conflitti armati.

Sulla questione degli export di armi verso Kiev (417 milioni nel 2023), Crosetto ha anche detto che non è di competenza del suo ministero e che comunque l’autorizzazione viene fatta “sulla base di valutazioni sul rischio che i singoli materiali possono rappresentare in funzione del loro utilizzo”: queste valutazioni vengono condivise? Sappiamo che armi stiamo vedendo all’Ucraina? Sono informazioni compatibili con il segreto militare?

L’Italia ha inviato all’Ucraina armamenti con due modalità. La prima come forniture militari tra Stato e Stato, in gran parte materiali in possesso delle nostre Forze armate: su questi materiali la titolarità è del ministero della Difesa e su questi, come noto, è stato posto il segreto. Ma, come dimostra la Relazione governativa di cui abbiamo ottenuto anticipazione, il governo ha anche autorizzato le aziende italiane ad esportare armi e sistemi militari a Kiev. E da quanto abbiamo potuto vedere si tratta soprattutto di munizionamento pesante e su questo non è accettabile nessun forma di segreto militare.

C’è poi la questione delle armi a Israele: diversi parlamentari di opposizione hanno affermato che l’Italia sta continuando a vendere armi a Tel Aviv anche dopo il 7 ottobre, tema su cui il ministero della Difesa è stato poco chiaro. Avete informazioni a riguardo? Come stanno le cose?

Le cose stanno come ho detto fin dall’inizio smentendo il governo. Quello che è stato sospeso è solo il rilascio di nuove licenze all’esportazione,  mentre invece tutte le esportazioni già autorizzate negli anni scorsi e prima del 7 ottobre sono continuate. Lo ha, finalmente, dovuto ammettere anche il ministro Tajani. E, infatti, come ha rilevato un’inchiesta di Altreconomia sulla base dei dati Istat sul commercio estero, da ottobre scorso l’Italia ha esportato “armi e munizioni”, tra cui munizionamento pesante, verso Israele per un valore pari a 2,1 milioni di euro. Non solo: nella categoria merceologica ‘Aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi’ da ottobre a dicembre 2023 risultano esportati a Israele 14.800.221 euro di materiali, di cui 8.795.408 euro, oltre la metà, da Varese. Provincia nella quale ha sede Alenia Aermacchi del gruppo Leonardo, l’azienda che negli anni scorsi ha fornito a Israele 30 aerei addestratori militari M-346 che vengono utilizzati  per addestrare i piloti della Israeli Air Force, quella che sta attualmente bombardando la Striscia di Gaza.

136 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views