830 CONDIVISIONI
Opinioni
15 Aprile 2022
11:05

Asia Argento e la madre: “A otto anni chiesi di succhiarle il seno, avevo bisogno della tetta materna”

Asia Argento non è rieducabile. Asia Argento non è conforme, non si assoggetta e se pensi di domarla sei prima uno stupido e poi uno sciocco: un’intervista senza argini alla diva maledetta del cinema italiano.
A cura di Saverio Tommasi
830 CONDIVISIONI

Se gli aggettivi qualificativi valessero qualcosa io per Asia Argento ne userei cento, e sarebbero tutti positivi. Ma gli aggettivi qualificativi aiutano a raccontare quanto la descrizione di un cielo senza averne mai visto uno, cioè pochissimo.

Per questo credo più negli anfratti che negli aggettivi, più negli spigoli che nelle strade segnate da guarda rail immacolati, e con i cartelli sempre a indicare la direzione giusta.

La direzione giusta serve per non andare fuori argomento durante il tema delle scuole medie, poi però si cresce. E il giudizio sulle direzioni lascia il tempo agli sbadigli.

Asia Argento si è mossa molto nella sua vita, per poi tornare a Roma e affastellare i premi vinti sopra un armadietto vicino alla cappa della cucina, fra l'unto e la dimenticanza, "perché i premi sono degli oggetti volgari", e ride, e me li mostra sbertucciati e "girandoli di culo".

Sono stato a casa di Asia poco prima della primavera, il gancio è stato il suo nuovo libro "Anatomia di un cuore selvaggio".
Le piante nel terrazzo di Asia dovevano ancora fiorire, le ha piantate tutte lei, una dopo l'altra, ci tiene a raccontarlo; e si preoccupa per loro e un po' meno per sé, questo lo dico io.

Asia Argento
Asia Argento

Ti sei mai bruciata?

"Sì, ci fu un periodo di autolesionismo verso i 23 anni, mi facevo del male, poi coprivo le bruciature con dei braccialetti, se guardi il polso ho ancora i segni. Perché provare il dolore, fisicamente, mi aiutava a toglierlo dal tormento interiore. Non lo faccio più."

Come ti sei trovata in America?

"Un posto di bigotti, è tutto un magna magna. Mentre ti parlano cercano con lo sguardo quello dietro di te, se può essergli più utile."

Ci sono parolacce a cui sei affezionata?

"Dico un sacco di volte caz*o, testa di caz*o, cogl*one, cose che hanno a che fare con il pene. Oppure dico moltissimo sticaz*i.
Da ragazzina mi piaceva dire ciucciapalle."

Quando dici sticaz*i?

"Quando qualcuno mi tradisce, o parla male di me."

Ti ricordi il periodo dei rave?

"Certo. Arrivò l'ecstasy, mentre gli acidi c'erano già da un po'. Poi ai rave arrivarono anche i fasci, e lì smisi. Cioè smisi di andare ai rave con la mia amica Angelica, non con le droghe, con quelle continuai fino intorno ai 16 anni, quando ripresi a fare cinema e mi accorsi che il cinema con le droghe non era del tutto compatibile, diciamo così.
Il 70% degli amici di quel periodo è finita malissimo, neuroni bruciati, impazziti o morti."

Hai scritto "Anatomia di un cuore selvaggio", sei stata molto generosa

"Sono stata soprattutto egoista, l'ho fatto per disinfettarmi quelle ferite, erano ancora purulente."

Sei stata male, scrivendolo?

"Sì, moltissimo. Ho sofferto come una bestia. Dovevo forzarmi a scrivere ogni giorno, dovevo premere sui tasti del computer con forza."

Ti va di ricordare tua madre, durante l'infanzia?

"Mia madre mi picchiava, ero l'unica delle sorelle con cui lo faceva. Io anelavo attenzioni, lei però non me le dava e così finivo a chiacchierare nelle case dei vecchi del quartiere, con la mia amica Angelica, almeno loro ci ascoltavano."

Uno dei ricordi più dolci, che mi ha commosso di più, è quando intorno agli 8 anni chiedesti a tua madre di poterle succhiare il seno

"E' stato uno dei giorni più belli della mia vita, per questo me lo ricordo ancora. E' un momento che lei dedicò a me.
Ti racconto questo: io ho una fissazione orale, io devo sempre bere qualcosa, mi metto anche le mani in bocca. A 12, 13 anni, mi comprai un biberon e ci mettevo dentro la coca-cola… ho sempre avuto bisogno della tetta materna."

Grazie Asia.

Lei sorride e riprende a fumare.

830 CONDIVISIONI
Sono giornalista e video reporter. Realizzo reportage e documentari in forma breve, in Italia e all'estero. Scrivo libri, quando capita. Il più recente è "Siate ribelli. Praticate gentilezza". Ho sposato Fanpage.it, ed è un matrimonio felice. Racconto storie di umanità varia, mi piace incrociare le fragilità umane, senza pietismo e ribaltando il tavolo degli stereotipi. Per farlo uso le parole e le immagini. Mi nutro di video e respiro. Tutti i miei video li trovate sul canale Youmedia personale.
Lascia il calcio a 23 anni per salvare la vita alla madre: le ha donato il 70% del suo fegato
Lascia il calcio a 23 anni per salvare la vita alla madre: le ha donato il 70% del suo fegato
8 di Videonews
Salento Pride a Lecce: dopo otto anni tornano i colori arcobaleno in città
Salento Pride a Lecce: dopo otto anni tornano i colori arcobaleno in città
774.991 di Daniele Balestreri
Cerca la madre biologica da quando ha cinque anni:
Cerca la madre biologica da quando ha cinque anni: "Voglio solo abbracciarla"
844.573 di Elia Cavarzan
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni