1.109 CONDIVISIONI
22 Maggio 2016
13:10

Alessio, zittito dal rettore che vorrebbe l’Università come Ciao Darwin

Nella storia del ragazzo siciliano che contesta la riforma costituzionale davanti al ministro Boschi c’è una sola persona che mi fa orrore: è il Rettore di Catania che ha tolto la parola allo studente dicendo: “Non era previsto alcun contraddittorio. Chi non gradisce il format può anche non partecipare”.
1.109 CONDIVISIONI
Alessio Grancagnolo, il giovane studente di Catania
Alessio Grancagnolo, il giovane studente di Catania
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'Attaccabrighe

Alessio Grancagnolo, il giovane studente di Catania che durante un incontro all'Università col ministro Maria Elena Boschi ha osato contestare la riforma costituzionale del governo Renzi, ha la mia stima. Non dev'essere facile a poco più di vent'anni prendere un microfono e fare le pulci a una complessa riforma, in pubblico, davanti ai tuoi colleghi, a un ministro (anzi al ministro per eccellenza, la più telegenica e comunicativa di tutto il governo) e al Magnifico Rettore del tuo ateneo. Lui ha coraggio, anche se il suo non era un intervento ‘di pancia', era preparato (Alessio è membro del ‘Coordinamento per la Democrazia Costituzionale' di Catania). La Boschi, che ha poi ampiamente replicato alla puntuale contestazione, ha fatto egregiamente il suo lavoro. Ovvero far sembrare la riforma sotto referendum la migliore possibile.
Ma il rettore? Che disastro ha combinato?
Il professore di Economia Giacomo Pignataro per zittire il ragazzo ha usato queste frasi:

«Lei ha chiuso la parola… gliela tolgo io». Poi ha detto: «Questo è un momento di confronto» e infine ha svelato quel che pensava: «Questo è un incontro tra ministro e studenti non era previsto alcun contraddittorio. Chi non gradisce il format anche non partecipare».
Ha usato la parola format. Un anglicismo che sta a significare «modello di produzione televisiva». Il che già la dice lunga sull'idea che il Magnifico ha dell'istruzione universitaria. Che format, rettore? "Ciao Darwin"? O un grande "Uomini e donne" ? Che a scuola non sia previsto contraddittorio in un dibattito è una cosa che uccide ogni idea di insegnamento.
Mi chiedo: i docenti dell'Ateneo catanese la pensano come il loro Rettore?

1.109 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'Attaccabrighe
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni