235 CONDIVISIONI
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai
3 Novembre 2021
17:23

Whirlpool Napoli, partite oggi le lettere di licenziamento per gli operai di via Argine

Arrivate oggi le prime lettere di licenziamento per gli operai della Whirlpool Napoli, consegnate dagli ufficiali giudiziari. Domani assemblea a via Argine, rabbia dei sindacati: “Atto che arriva durante l’attesa del ricorso presentato al Tribunale del Lavoro, ennesima dimostrazione che Whirlpool, oltre a fare carta straccia degli accordi sindacali siglati con il Governo, non rispetta neanche la magistratura italiana”.
A cura di Giuseppe Cozzolino
235 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai

Doccia gelata per i dipendenti dello stabilimento di Napoli della Whirlpool: quest'oggi sono infatti partite le lettere di licenziamento, consegnate a mano dagli ufficiali giudiziari ai lavoratori della fabbrica di via Argine. Ieri l'ennesimo vertice al Ministero per lo Sviluppo Economico si è concluso con un nulla di fatto, tra la rabbia delle organizzazioni sindacali. Domani, giovedì 4 novembre, convocata un'assemblea straordinaria degli operai presso lo stabilimento di via Argine. Si attende intanto l'esito del ricorso presentato al Tribunale del Lavoro contro i licenziamenti: la decisione del giudice arriverà nei prossimi giorni. I sindacati hanno anche reso note le lettere di licenziamento arrivate quest'oggi ai primi operai:

Con la presente, Le comunichiamo il recesso della nostra società dal rapporto di lavoro con lei intercorrente con effetto immediato al ricevimento della presente, esonerandola dal prestare attività lavorativa durante il periodo di preavviso contrattualmente a lei spettante.

Rabbia da parte dei lavoratori, che si sentano ancora una volta traditi: "L'azienda si mostra senza valori e senza rispetto", e attaccano anche il Governo: "Il ministro Andrea Orlando si era impegnata a garantire la continuità occupazionale dei lavoratori appena 15 giorni fa. Ieri, non ha confermato l'impegno assunto e verbalizzato allo stesso tavolo". Duro attacco anche da parte dei sindacati: in una nota congiunta Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil, e Rosario Rappa, segretario generale Fiom-Cgil Napoli, spiegano che "la tracotanza di Whirlpool non ha limiti", e sulle lettere di licenziamento partite aggiungono:

Questo ennesimo atto di arroganza arriva proprio mentre aspettiamo la sentenza del Tribunale di Napoli che dovrà decidere sul ricorso presentato da Fim Fiom Uilm sulla condotta antisindacale della multinazionale americana. A dimostrazione del fatto che Whirlpool, oltre a fare carta straccia degli accordi sindacali siglati con il Governo, non rispetta neanche la magistratura italiana.

Ed intanto è iniziato anche l'effetto domino sulle aziende dell'indotto: chiude infatti anche la Scame Mediterranea di Sant’Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino, che produceva componenti in plastica in esclusiva per la Whirlpool Napoli: a casa 49 dipendenti dello stabilimento irpino (41 operai e 8 impiegati) ed altri 7 di quello di Napoli (5 operai e 2 impiegati).

235 CONDIVISIONI
Whirlpool Napoli, ex operai crocifissi in piazza Plebiscito davanti alla Prefettura
Whirlpool Napoli, ex operai crocifissi in piazza Plebiscito davanti alla Prefettura
Whirlpool Napoli, operaia licenziata si laurea e dedica la tesi alle colleghe senza più lavoro
Whirlpool Napoli, operaia licenziata si laurea e dedica la tesi alle colleghe senza più lavoro
Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni