188 CONDIVISIONI
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai
1 Novembre 2021
9:35

Whirlpool Napoli, effetto a catena sull’indotto: licenziati 56 operai della Scame Mediterranea

Chiude la Scame Mediterranea di Sant’Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino: produceva componenti in plastica in esclusiva per la Whirlpool Napoli: scaduta da ieri anche la cassa integrazione, a casa 49 dipendenti dello stabilimento irpino (41 operai e 8 impiegati) ed altri 7 di quello di Napoli (5 operai e 2 impiegati).
A cura di Giuseppe Cozzolino
188 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Whirlpool chiude a Napoli, la rabbia degli operai

La vertenza Whirlpool Napoli fa registrare i primi effetti anche sull'indotto, vale a dire sulle aziende che lavorano proprio in funzione dello stabilimento maggiore. Come ad esempio la Scame Mediterranea, azienda dell'indotto diretto Whirlpool che produce componenti in plastica per il settore degli elettrodomestici, e che appunto dal 1992 lavora esclusivamente per lo stabilimento Whirlpool di Napoli. Con la chiusura di quest'ultimo, anche la Scame è costretta dunque a chiudere i battenti. La cassa integrazione, infatti, è scaduta 24 ore fa, il 31 ottobre.

Una mazzata per quasi sessanta persone: per i 49 dipendenti dello stabilimento di Sant'Angelo dei Lombardi (41 operai e 8 impiegati) ed altri 7 di quello di Napoli (5 operai e 2 impiegati) da oggi scatta il licenziamento. "Questa vicenda è l’ennesima prova del chiaro fallimento di tutta la classe dirigente Irpina, me compreso per il ruolo che ricopro", ha detto Carmine De Maio, segretario generale Filctem Cgil Avellino nei giorni scorsi, alla vigilia dei licenziamenti di massa, che ha parlato di:

un triste epilogo dopo quasi due anni di richieste inviate al ministero, manifestazioni, presidi sotto la prefettura, interventi nel consiglio regionale, richieste di interlocuzioni con la politica provinciale, regionale e nazionale. Il dramma e la crisi in cui sono piombati gli addetti dell’indotto irpino ,con il serio rischio di perdere centinaia di posti di lavoro in un' area di profonda crisi umana ed industriale, non è diventata una vertenza comune ad ogni livello ma è stata soffocata da un silenzio assordante.

E ora la paura è che l'effetto domino si estenda a tutte le aziende dell'indotto, anche indiretto, legate allo stabilimento Whirlpool di Napoli la cui vertenza, dopo quasi tre anni, è ancora insoluta e vede a rischio tutti i quattrocento operai di via Argine.

188 CONDIVISIONI
Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
Whirlpool Napoli è chiusa. Il 22 dicembre si smontano gli impianti. Verso la vendita dello stabilimento
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
È morto Giuseppe Borrelli, il "nonno Whirlpool". Ai lavoratori disse: "La fabbrica è nostra. Non mollate"
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Whirlpool Napoli, la rabbia degli operai: il Governo non si presenta al tavolo del Mise
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni