65 CONDIVISIONI
Campi Flegrei

Vertice sui Campi Flegrei con Meloni. Si parlerà di soldi per case danneggiate dal sisma e vie di fuga

A Palazzo Chigi si dovrà parlare dei soldi per i Campi Flegrei, destinati a case danneggiate e vie di fuga. L’esercitazione di maggio rischia di saltare perché siamo già sotto sciame sismico.
65 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

È sempre questione di soldi. Anche per la crisi bradisismica dei Campi Flegrei, quella che a suon di boati e terremoti sta scuotendo un pezzo di costa vulcanica con mezzo milione di persone che ci vive sopra.  I soldi non cancellano la caldera vulcanica né la placano. Ma servono per verificare e riparare i palazzi danneggiati dai continui scuotimenti sismici. Servono ad allargare le vie di fuga in caso di necessità.

Servono – sono fondamentali – per garantire in caso di nuove sciame sismico un piano d'azione per gli sfollati che non possono restare in tende ma hanno bisogno di sistemazioni adeguate. I vulcanologi e i sismologi dicono che ai Campi Flegrei dobbiamo attenderci altri sciami sismici e altri terremoti che potrebbero anche essere oltre magnitudo 4, come quello di lunedì sera.

A Palazzo Chigi la riunione per fare il punto sulla situazione flegrea, cui parteciperà la premier Giorgia Meloni, il ministro alla Protezione Civile Nello Musumeci e il capo dipartimento Fabrizio Curcio, dovrà proprio parlare di soldi, non di altro. Situazione e soldi. La situazione è quella di uno scenario già previsto e, per fortuna non è di evacuazione.

C'è un tema oltre l'emergenza: per rafforzare gli alloggi pre-esistenti che si fa? I sindaci flegrei vogliono il sisma-bonus: soldi per rendere antisismiche vecchie abitazioni. Il governo nicchia perché sui bonus in edilizia si sono consumati troppi errori negli anni. De Luca invece si schiera: «Sisma bonus? Sarebbe ragionevole. È uno dei tanti motivi di differenziazione tra Sud e Nord che sono incomprensibili».

Il ministro Musumeci – che il Partito Democratico vuole relazioni in Parlamento sul caso Campi Flegrei –  se la prende col passato: «I piani di evacuazione – dice – non basta metterli sulla carta, vanno testati periodicamente». E proprio l'esercitazione di evacuazione prevista a fine mese in zona Flegrea però potrebbe saltare: lo stress test c'è già e non è simulato, è reale, sono i terremoti, spiegano dalla Protezione Civile.

65 CONDIVISIONI
265 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views