Un gruppo di contrabbandieri napoletani, laziali e di altre nazionalità trafficava sigarette di contrabbando dalla Grecia per l’Italia. Ma sono stati colti sul fatto dalla Guardia di Finanza di Nola, che hanno individuato il tir in piena notte, con targa bulgara, che trasportava il carico sospetto. I baschi verdi hanno così sequestrato circa 4,5 tonnellate di stecche di contrabbando, in un capannone di Sabaudia, nota località balneare in provincia di Latina, e arrestato i 7 contrabbandieri. Si tratta di un 28enne napoletano pluripregiudicato, un 51enne napoletano incensurato, un pregiudicato 53enne della provincia di Latina, un 36enne incensurato di Sabaudia (Latina), un 45enne greco, un senegalese di 31 anni e un ucraino di 32.

Le sigarette illegali imbarcate in Grecia

Ad insospettire i militari delle fiamme gialle il mezzo che viaggiava con targa bulgara, in piena notte, in base ad indicatori di analisi di rischio elaborati per l’esecuzione di controlli economico-criminali del territorio più mirati. Accertata telematicamente la provenienza del mezzo da un porto ellenico e una dichiarazione di trasporto “anomala”, la Guardia di Finanza ha prontamente organizzato un’operazione di inseguimento e controllo del mezzo fino a destinazione, che ha condotto le pattuglie delle Fiamme Gialle fino a un capannone a Sabaudia, in provincia di Latina.

All’atto di irrompere all’interno dello stabile, i finanzieri sono riusciti a cogliere in flagranza di reato 7 soggetti (autista e squadra scaricatori) mentre estraevano dal carico di copertura oltre 4 tonnellate di “bionde”, marca “Chesterfield” e “Mark1”, nascoste all’interno di blocchi in lamiera elettrosaldati.