I Comuni della Valle Telesina senza nuovi medici di famiglia da un anno e mezzo. A denunciarlo è il sindaco di Puglianello, Francesco Maria Rubano: “Da oltre un anno e mezzo – scrive – il Comune di Puglianello e altri comuni della Valle Telesina e Vitulanese (Guardia Sanframondi, Solopaca e Paupisi) che sono parte integrante del Distretto Sanitario di Telese Terme sono privi di medico di base. Nonostante siano trascorsi mesi dall’approvazione degli elenchi, ad oggi non risulta alcune comunicazione in merito alla Asl Benevento”.

La lettera del sindaco: "Senza medico di base da un anno"

“La Regione Campania – spiega Rubano – nonostante gli annunci del presidente della Giunta e dei vari consiglieri regionali, continua a latitare da questo punto di vista. In Campania non esistono comunità di Serie A e di Serie B, esiste il diritto alla salute che va tutelato a prescindere nel rispetto del principio di equità e solidarietà socio-assistenziale. Pur comprendendo le difficoltà che l’intero sistema sanitario regionale sta attraversando a causa della pandemia, non troviamo giustificata la latitanza della Regione Campania su un tema così delicato. Puglianello e gli altri comuni della provincia di Benevento che sono nelle medesime condizioni, non meritano questo trattamento”.

“Assistenza primaria e continuità assistenziale – aggiunge – vanno assolutamente garantite. Sul Burc n.69 del 6 aprile 2020 è stato pubblicato il Decreto Dirigenziale n.5 del 31/3/2020 con cui viene approvata l’assegnazione delle zone carenti di Assistenza Primaria e Continuità Assistenziale comunicate dalle Asl alle Regioni. Nonostante siano trascorsi mesi dall’approvazione degli elenchi, ad oggi non risulta alcune comunicazione in merito alla Asl Benevento (che ha inoltrato formale richiesta con delibera del direttore generale del 17 febbraio 2020 in ordine all’assistenza primaria 2019) e nello specifico al Comune di Puglianello. Sono trascorsi più di 8 mesi e per quel che ci riguarda c’è il vuoto totale. Non vorremmo si fosse trattato di una mossa strategica fatta in campagna elettorale allo scopo di buttare fumo negli occhi”.

"Bloccate anche le assunzioni"

“Ci hanno raccontato di centinaia di precari da assumere per coprire gli ambiti carenti in Campania con quasi 300 posti assegnati tra nuove assunzioni per il biennio 2018/19 e di altre 150/200 unità da innestare per il 2020. Abbiamo ascoltato vari annunci, tra cui quello che entro il 30 settembre 2020 sarebbero stati assegnati gli ambiti carenti 2019. Ebbene siamo ormai a novembre e nulla di tutto questo è accaduto”.

“È allarmante quanto denunciato dal sindaco Francesco Maria Rubano – commenta Annarita Patriarca, capogruppo di Forza Italia in consiglio regionale – Testimonianza che dà, ancora una volta, la cifra della disorganizzazione della sanità campana e delle consequenziali responsabilità nel garantire assistenza primaria e continuità assistenziale. Ci troviamo di fronte a un fatto gravissimo che coinvolge una utenza di circa 17mila abitanti. Il presidente della Campania continua a parlare di miracolo rispetto al sistema sanitario, ma nei fatti, nella nostra regione si fanno i conti con carenze evidenti, per di più in un periodo critico come quello segnato dall'emergenza Covid”.