200 CONDIVISIONI
Opinioni
Covid 19
24 Dicembre 2021
18:25

Restrizioni Natale 2021, a Napoli l’ordinanza De Luca è stata un mezzo fallimento

L’ordinanza vietatutto di Vincenzo De Luca non è servita granché. Molta gente non ha rinunciato all’aperitivo nonostante il divieto.
A cura di Ciro Pellegrino
200 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L'ordinanza vietatutto di Vincenzo De Luca è stata un mezzo fallimento. Bastava passeggiare nelle ultime ore nel centro Napoli così come in quelli delle altre città della Campania: molta gente se n'è letteralmente fregata del divieto di consumo di cibo e bevande con esclusione dell'acqua disposto dal presidente della Regione Campania a fine dicembre quando ormai si era capito che la variante Omicron del Covid-19 avrebbe moltiplicato i contagi.

Il perché del fallimento non è da attribuire esclusivamente alla mancanza di controlli: carabinieri, polizia e vigili urbani nelle zone principali della movida in Campania si sono visti. Ormai non sapevano più che fare, se controllare la bottiglietta e la pizza fritta, il green pass normale, super, mega iper o la mascherina sotto il naso.

Peraltro era logico che fosse improbabile bloccare così, all'improvviso, una naturale propensione alla socialità, dopo due anni passati fra lockdown, zone rosse, gialle e arancioni e due (o tre) dosi di vaccino. Il provvedimento, seppur giusto e giustificato vista la situazione dell'incremento di contagi, andava preso prima o andava decisa una chiusura delle zone o dei locali.

Invece anche il De Luca che tanto sbraita non se l'è sentita di chiudere niente, cosciente del rischio di crac economico per molte attività. Risultato? Una specie di ordinanza né carne né pesce: parole di fuoco ma risultati scarsi: molta gente è scesa e non ha rinunciato all'aperitivo prenatalizio. Per non parlare poi dei turisti che hanno semplicemente ignorato di sapere.

Toccherà capire se anche per Capodanno ci dovremo rassegnare all'ondata di furbi o di "finti tonti" che in un modo o nell'altro riusciranno a organizzare serate per il Veglione (a questo punto sarebbe giusto chiamarli Covid party) soprattutto in provincia dove più scarsi sono i controlli o se viceversa prevarrà il senso di responsabilità, alquanto improbabile visti i precedenti.

200 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
31051 contenuti su questa storia
Covid Lombardia, bollettino del 22 maggio: oggi 2.276 casi e 4 morti
Covid Lombardia, bollettino del 22 maggio: oggi 2.276 casi e 4 morti
Bollettino Covid Italia, oggi 17.744 contagi e 34 morti per Coronavirus: i dati di domenica 22 maggio
Bollettino Covid Italia, oggi 17.744 contagi e 34 morti per Coronavirus: i dati di domenica 22 maggio
Covid, Shanghai torna alla (quasi) normalità: riaprono i trasporti pubblici, ma ora preoccupa Pechino
Covid, Shanghai torna alla (quasi) normalità: riaprono i trasporti pubblici, ma ora preoccupa Pechino
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni