Monopattini elettrici in sosta vietata, 23 sanzioni a Napoli. Abbandonati in strada dopo aver sconfinato al di fuori dell'area rossa riservata alla smart mobility, che a Napoli corrisponde ad una fetta di territorio che va da piazza Garibaldi fino al lungomare Caracciolo. In città sono state elevate diverse sanzioni per queste infrazioni, da quando è partito il servizio a metà settembre. Si tratta di penali che scattano quando si viola il contratto sottoscritto dagli utenti con la società Helbiz, che gestisce il servizio in città. Una sorta di “multa”, ma il termine è improprio perché non viene elevata da un agente di polizia amministrativa, per non essersi comportato correttamente. Ci sono solo 3 condizioni in cui scatta la penale: nel caso in cui si parcheggia nel posto sbagliato, se si lascia il monopattino fuori dalla zona autorizzata (cosiddetta geofence), ovvero l'area operativa, oppure per atti di vandalismo.

Monopattini elettrici a Napoli, quando scatta la penale

Il monopattino elettrico, infatti, è uno strumento di trasporto comodo, veloce ed ecologico, e a Napoli, da quando è stato attivato il servizio offerto da Helbiz, l'8 settembre scorso, ha riscosso un grandissimo successo. Ma per utilizzarlo bisogna comunque osservare delle regole, che sono comunicate all'atto della registrazione sull'App dedicata. Prima di procedere con la sanzione, poi, il customer care di Helbiz chiama o avvisa l'utente, dopodiché arriva la sanzione tramite posta elettronica, all'indirizzo col quale ci si è registrati. La cifra della sanzione è di 10 euro. Una somma quasi simbolica che serve più che altro per scoraggiare questi comportamenti che hanno un costo importante perché i mezzi devono essere recuperati e riportati nella zona coperta. Non sono previste, invece, sanzioni per eccesso di velocità con il monopattino, che non può superare i 20-25 chilometri orari, altrimenti si blocca automaticamente. In alcune zone, poi, quelle pedonali per esempio, la velocità si riduce automaticamente a 6 chilometri orari. Il monopattino autoregola la sua velocità in base alla posizione indicata dal localizzatore Gps che indica che si sta entrando in un'area a velocità ridotta.

Il regolamento per l'uso corretto

“Qualora l'utente utilizzi il monopattino fuori dall'area operativa della città dove è iniziato il noleggio – chiarisce la società – Helbiz potrà addebitare al cliente a titolo di importi anticipati, la somma di Euro 10,00 al superamento del limite esterno dell'area Helbiz. Eventuali importi a credito del cliente, maturati per i predetti addebiti anticipati, saranno riaccreditati al cliente al termine del noleggio all'interno dell'area operativa dove p iniziato il noleggio, se superiori al costo complessivo del noleggio. In ogni caso gli addebiti anticipati saranno in tutto o in parte compensati con il costo finale del noleggio”.