Grande successo per i monopattini elettrici a Napoli che stanno andando a ruba. Nelle prime 48 ore sono state prenotate 12.474 corse, per un totale di 32.432 km percorsi: 4,2 km la corsa più lunga, 83 minuti quella con la durata maggiore, con una media di 2,4 km a corsa e 36 tonnellate di CO2 risparmiate. La novità è piaciuta ai napoletani, che presi dalla curiosità li hanno affittati in massa. A qualcuno forse sono piaciuti anche troppo, visto che ha cercato addirittura di portarselo a casa. Sono 10 le segnalazioni di recupero di monopattini arrivate alla società Helbiz, che gestisce il servizio a Napoli in partnership col Comune, nelle ultime 24 ore. Monopattini, in pratica, lasciati regolarmente in strada con tanto di pagamento tramite l'App dedicata e foto del luogo di rilascio. Ma trascinati successivamente all'interno dei portoni dei palazzi o nei cortili dei condomini. Non per rubarli, ma magari per poterli ritrovare più comodamente il giorno dopo e fare un'altra corsa senza doverli cercare per strada. Una cosa che ovviamente non è possibile ed è contraria allo spirito del monopattino elettrico, che è basato sullo sharing. I monopattini devono essere al servizio di tutti, chiunque deve avere la possibilità di affittarli in strada e lasciarli al prossimo utente. L'App consente di individuare quello più vicino. Tutti i monopattini infatti hanno un doppio Gps e vengono subito individuati tramite satellite.

A Napoli scoppia la "Monopattini-mania", 12mila corse in 48 ore

Nel capoluogo campano il servizio dei monopattini in affitto è attivo da ieri e nelle prime 24 ore sono già state prenotate circa mille corse, per un totale di 1.700 km, secondo i dati del Comune. E nelle prime 48 ore si è arrivati a 12.474 corse prenotate, per un totale di 32.432 km percorsi: 4,2 km la corsa più lunga, 83 minuti quella con la durata maggiore, con una media di 2,4 km a corsa e 36 tonnellate di CO2 risparmiate. Da Napoli, insomma, è arrivata una grande risposta, ma bisognerà analizzare i dati dei prossimi giorni per avere il quadro dell'utilizzo. Al momento, inoltre, la flotta è ancora a scartamento ridotto. Sono attivi circa 150 monopattini, sui 900 che si avranno a regime. Si è scelto una strategia soft per consentire ai napoletani di prendere confidenza col nuovo mezzo di trasporto. Ma il progetto prevede un anno di sperimentazione e nei prossimi mesi arriveranno anche gli altri monopattini e saranno estese le aree dove si potranno usare.

I primi giorni saranno impiegati molto per lo studio dei dati. Fenomeni come tentativi di furto, come quello capitato ieri nella zona di piazza Garibaldi e sventato dalla Polizia, o atti di vandalismo sono purtroppo frequenti e messi in preventivo. A Bari sono stati addirittura ritrovati monopattini a mare. Ma la maggioranza delle persone alla fine li usa correttamente, riconoscendone l'utilità per muoversi agevolmente in città. I monopattini elettrici della Helbiz peraltro sono molto avanzati tecnologicamente. Sono dotati tutti di doppio Gps, per cui rubarli è impossibile, perché appena sono spostati senza autorizzazione arriva la segnalazione al supercervellone centrale. Stessa cosa anche per gli atti di vandalismo che vengono segnalati subito da sensori sofisticati interni. Degli addetti della società sono attivi h24 poi per recuperare i monopattini lasciati in posti dove non dovrebbero stare, ad esempio davanti ai portoni dei palazzi, o addirittura all'interno.