L'omicidio di Rosa Alfieri a Grumo Nevano
10 Febbraio 2022
17:03

La storia di Rosa Alfieri, uccisa a Grumo Nevano dal vicino di casa Elpidio D’Ambra

La vicenda ha sconvolto Grumo Nevano, piccola cittadina della provincia di Napoli: Rosa Alfieri, 23 anni, lo scorso 1° febbraio è stata uccisa dal suo vicino di casa, Elpidio D’Ambra, 31 anni.
A cura di Valerio Papadia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Rosa Alfieri a Grumo Nevano

Soltanto ieri, famiglia, amici, conoscenti, l'intera comunità di Grumo Nevano, cittadina dell'hinterland settentrionale di Napoli, ha dato l'ultimo saluto a Rosa Alfieri, la ragazza di soli 23 anni uccisa lo scorso 1° febbraio dal suo vicino di casa, Elpidio D'Ambra, poco più grande di lei, 31 anni. Durante i funerali, la madre della ragazza ha affidato ad un'amica di famiglia la lettura di una lettera scritta di suo pugno, nella quale ha rivolto un commosso e commovente addio a Rosa, davanti a un migliaio di persone, in lutto, sconvolte e arrabbiate per quanto accaduto alla 23enne.

La morte di Rosa Alfieri

Il corpo della ragazza viene rinvenuto in un appartamento di via Risorgimento a Grumo Nevano nel tardo pomeriggio del 1° febbraio scorso. L'edificio è quello in cui la ragazza vive, ma l'abitazione è quella che la sua famiglia ha dato in affitto al 31enne Elpidio D'Ambra: il corpo di Rosa viene ritrovato dal padre e dallo zio in camera da letto, mentre dell'inquilino non ci sono tracce. Da un primo esame esterno, non ci sono ferite evidenti, ma gli inquirenti ipotizzano che la 23enne sia stata strangolata.

L'arresto di Elpidio D'Ambra

I carabinieri, che indagano sulla vicenda, si mettono subito sulle tracce dell'uomo che occupa la casa, come detto il 31enne Elpidio D'Ambra. Dopo circa 24 ore dall'omicidio, sono alcuni poliziotti però a riconoscere D'Ambra grazie alle sue foto diffuse sul web: il 31enne è al Pronto Soccorso dell'ospedale San Paolo, a Napoli, dove si è recato per un malore.

"Ho sentito delle voci": D'Ambra confessa il delitto, ma nega la violenza sessuale

Arrestato e portato davanti al giudice, il 31enne viene interrogato: non ci mette molto a confessare l'omicidio, chiedendo scusa alla famiglia di Rosa e alla sua e dichiarando agli inquirenti di aver sentito delle voci che gli dicevano di uccidere la ragazza, altrimenti avrebbero ucciso lui. D'Ambra però nega categoricamente di aver abusato sessualmente di Rosa Alfieri: la violenza sessuale era già stata ritenuta inverosimile da un primo esame esterno del cadavere e dai primi risultati dell'autopsia sarebbe stata esclusa.

Omicidio di Rosa Alfieri, l'assassino chiede perdono:
Omicidio di Rosa Alfieri, l'assassino chiede perdono: "C'era un mostro nella mia testa"
Omicidio di Rosa Alfieri, la perizia psichiatrica:
Omicidio di Rosa Alfieri, la perizia psichiatrica: "Elpidio D'Ambra è sano di mente"
I funerali di Rosa Alfieri, uccisa dal vicino di casa a Grumo Nevano:
I funerali di Rosa Alfieri, uccisa dal vicino di casa a Grumo Nevano: "Non addio ma arrivederci"
30.109 di Gaia Martignetti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni