370 CONDIVISIONI

Gennaro, a 11 anni Alfiere della Repubblica, promotore della svolta green a San Giovanni

Gennaro Dragone, Alfiere della Repubblica, ha promosso un progetto per la produzione di energia pulita distribuita alle famiglie più povere del suo quartiere.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Napoli Fanpage.it
A cura di Federica Grieco
370 CONDIVISIONI
Immagine

Gennaro Dragone, napoletano classe 2010, è stato insignito dell'onorificenza di Alfiere della Repubblica del 2021. Frequenta la prima media e, ad appena 11 anni, si è distinto per la sensibilità sviluppata nei confronti della tematica ambientale. Nella motivazione del riconoscimento si legge: «Per la tenacia e l'impegno civico con i quali si fa portavoce, nel suo quartiere, del progetto di ‘comunità energetica e solidale', finalizzato a produrre e condividere energia pulita. Nonostante la giovanissima età è diventato un motivatore ascoltato dagli adulti e quindi uno degli artefici del progetto».

Gennaro partecipa attivamente al progetto nato dall'idea di Legambiente e di Fondazione con il Sud che hanno permesso di installare sul tetto della sede della Fondazione Famiglia di Maria a San Giovanni a Teduccio, quartiere della periferia orientale di Napoli, pannelli solari: l'energia prodotta verrà distribuita tra quaranta famiglie più povere del quartiere. Un esperimento, di cui Gennaro si è fatto portavoce, che costituisce un unicum in Italia. Il ruolo di Gennaro è stato fondamentale per realizzare questo progetto.

Gennaro portavoce e motivatore del progetto

«Gennaro – si legge ancora nel documento della motivazione – pur con la sua giovane età, ha svolto un ruolo di motivatore per la costituzione della comunità energetica: porta a porta, ha spiegato ai vicini adulti il senso e i vantaggi dell'iniziativa. Si è reso protagonista, insieme agli educatori, di percorsi di pedagogia ambientale e di cittadinanza attiva, monitorando in consumi elettrici e le dispersioni di calore».

«Genny ha convinto la mamma, lei ha convinto la nonna – spiega Anna Riccardi, presidente della Fondazione Famiglia di Maria, a Fanpage.it – così abbiamo messo in circolo amore per un territorio, per l'ambiente e anche tra le varie generazioni». Riccardi ha invitato le altre realtà partenopee, ma anche nazionali, ad emulare il loro progetto: «L'ambiente e l'ambientalismo sono sempre visti come qualcosa di lontano dalla realtà quotidiana di ciascuno di noi. L'ambientalismo di nicchia oggi deve fare spazio all'ambientalismo popolare e che parte dei bambini. Copiateci: fate tante comunità energetiche a Napoli come in Italia».

Il riconoscimento delle istituzioni

«Dovrò partire il 14 dicembre – racconta emozionato Gennaro a Fanpage.it – Vado da Sergio Mattarella, il Presidente della Repubblica, al Quirinale a Roma». Il bambino di 11 anni ha accolto con stupore la notizia di questo riconoscimento: «All'inizio, quando la presidente mi ha chiamato, non ci credevo io e invece poi era tutto vero». Un premio che darà visibilità a questo progetto solidale e attento all'ambiente, permettendo ad altre realtà locali e sparse sul suolo nazionale di ispirarsi alla storia di Gennaro e della fondazione di San Giovanni a Teduccio, magari decidendo di replicarne l'esempio. «Grazie a Mattarella – spiega Anna Riccardi a Fanpage.it – si potrà parlare, non soltanto di Genny, non soltanto dei tanti bambini che abitano quotidianamente la fondazione e della comunità energetica, ma del riscatto sociale di una periferia che spesso è raccontata solo per la camorra e che oggi invece è orgoglio di una città e di un Paese».

Anche Gaetano Manfredi, sindaco della città di Napoli ha voluto congratularsi con il giovane cittadino per l'onorificenza ottenuta dalla più alta carica dello Stato. «È lodevole – scrive Manfredi in un post sulla sua pagina Facebook – l'impegno di Gennaro a favore del progetto di comunità energetica e solidale della Fondazione Famiglia di Maria volto a produrre e condividere energia pulita. Ha il doppio valore di voler contribuire a innalzare la qualità della vita e a gettare i semi nel proprio quartiere per alimentare il senso di comunità, solidarietà e appartenenza».

370 CONDIVISIONI
Nebbia a Napoli, avvolte strade e piazze dal centro a Fuorigrotta e San Giovanni
Nebbia a Napoli, avvolte strade e piazze dal centro a Fuorigrotta e San Giovanni
Il murales di Maradona a San Giovanni a Teduccio sarà demolito. Ma Jorit ne farà uno nuovo: accordo col Comune
Il murales di Maradona a San Giovanni a Teduccio sarà demolito. Ma Jorit ne farà uno nuovo: accordo col Comune
Lutto a Napoli per la morte di Andrea, 17 anni. Era il figlio del cantante Gennaro Mellone
Lutto a Napoli per la morte di Andrea, 17 anni. Era il figlio del cantante Gennaro Mellone
Bimbo di 4 anni muore dopo un malore: aperta inchiesta. Lutto cittadino a Mugnano
Bimbo di 4 anni muore dopo un malore: aperta inchiesta. Lutto cittadino a Mugnano
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views