È stato denunciato il protagonista del video, che oggi ha fatto il giro di social network e chat private, che mostrava un uomo riempire le tradizionali calze della Befana, vendute per il 6 gennaio, con dolci scaduti. Proprio grazie alle immagini mostrate nel video, i carabinieri del Nas del Comando Provinciale di Napoli sono riusciti a risalire a un ingrosso di Casoria, nella provincia di Napoli, dove sono state rinvenute e sequestrate circa tremila confezioni di cioccolato e dolci scaduti: alla maggior parte delle confezioni, come constatato dai militari dell'Arma, era stata rimossa la data di scadenza al fine di ingannare il consumatore. Come detto, il responsabile dell'attività commerciale è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria con l'accusa di tentata frode in commercio.

Subito dopo la larga diffusione del video, in cui una persona rimuove proprio le date di scadenza dai dolciumi, Luigi Iovino, deputato del Movimento 5 Stelle in Campania aveva annunciato una interrogazione parlamentare. "Presenterò un’interrogazione  per chiedere al Governo di intraprendere una serie di iniziative, con il coinvolgimento anche della magistratura, per risalire a eventuali organizzazioni alle spalle di questo squallido mercato e per avviare una serie di azioni, tra spot e qualunque genere di comunicazione, tese a mettere in guardia i consumatori da prodotti che non presentino determinate indicazioni o contrassegni relativi alla produzione e alla scadenza. Dietro a questo mercato c’è gente senza scrupoli, per questa ragione va fermata con ogni mezzo, cominciando col boicottarne gli affari attraverso una mirata campagna informativa" aveva dichiarato il parlamentare.