Carmine Piscopo nuovo vicesindaco di Napoli, silurato Enrico Panini, che potrebbe restare fuori anche dalla Città Metropolitana: come pensionato potrebbe essere incompatibile con il contratto da Capo di Gabinetto, equiparato ad un dirigente esterno. Entrano due nuovi assessori: l'ambientalista Marco Gaudini, consigliere comunale di Davvero Verdi e presidente della commissione consiliare Ambiente, che prende la delega ai Trasporti, e Giovanni Pagano, sindacalista dell'Usb che si è battuto in questi anni per la vertenza dei lavoratori Apu (Attività di Pubblica Utilità), vicino al centro sociale Zero81 di Largo Banchi Nuovi, al quale va il Lavoro. Sacrificata sull'altare della politica anche Monica Buonanno, l'assessora al Welfare entrata con l'ultimo rimpasto di novembre 2018 che a Palazzo San Giacomo è rimasta poco più di due anni. Si chiude così l'ultima consiliatura del sindaco Luigi De Magistris, con un bilancio da record: 11 rimpasti (7 nella prima consiliatura, 4 nella seconda), 40 collaboratori cambiati in 10 anni, di cui 36 assessori e 4 vice. Un rimpasto a tempo quello del sindaco, ormai in scadenza di mandato il prossimo giugno.

Il neo–assessore al Lavoro del Comune di Napoli, Giovanni Pagano
in foto: Il neo–assessore al Lavoro del Comune di Napoli, Giovanni Pagano

Deleghe, a Galiero il Bilancio, alla Palmieri il Welfare

Al valzer delle nomine si accompagna anche un mini-rimpasto di deleghe. Tra gli assessori “premiati”, Rosaria Galiero, che eredita da Panini l'importante delega al Bilancio. Mentre il Welfare passa ad Annamaria Palmieri, l'unica superstite della prima giunta arancione De Magistris del 2011. La carica di vicesindaco, dopo lunghi dibattiti, va invece a Carmine Piscopo, fedelissimo di De Magistris, di cui è stato compagno di scuola, docente universitario di Architettura e uomo di cultura, nonché responsabile nazionale di DemA, il partito del sindaco (è succeduto nell'incarico a Panini a maggio dello scorso anno), preferito all'assessore al Patrimonio e Polizia Locale, Alessandra Clemente, in corsa per la fascia tricolore alle prossime elezioni, che perde le deleghe ai Parcheggi e mobilità sostenibile (acquisita da Gaudini) e start up e innovazione (che passano a Pagano). Ciro Borriello acquisisce Cimiteri e Politiche per la casa.

Il neo–assessore ai Trasporti Marco Gaudini
in foto: Il neo–assessore ai Trasporti Marco Gaudini

Tutte le deleghe nuove:

Carmine Piscopo

Vice Sindaco, con deleghe ai beni comuni; spazio pubblico e rigenerazione urbana; urbanistica; edilizia pubblica; edilizia privata; antiabusivismo edilizio; condono edilizio; coordinamento grandi progetti; centro storico unesco; metropolitana; porto; finanziamenti europei; rapporti con il consiglio comunale; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Ciro Borriello

Assessore allo sport, con deleghe a: sport; impianti sportivi; pubblica illuminazione; sicurezza abitativa; cimiteri; diritto all'abitare e politiche per la casa; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Alessandra Clemente

Assessore al patrimonio, ai lavori pubblici e ai giovani, con deleghe a: patrimonio; lavori pubblici; infrastrutture; strade, suolo e sottosuolo; giovani; polizia municipale; sicurezza urbana; trasporto pubblico non di linea; personale; toponomastica; immagine e promozione della città; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Eleonora De Majo

Assessore alla cultura e al turismo, con deleghe a: cultura; turismo; biblioteche; archivi; cooperazione decentrata; relazioni internazionali.

Raffaele Del Giudice

Assessore all’ambiente, con deleghe a: ambiente; rifiuti; lotta ai cambiamenti climatici; ossigeno bene comune; acqua pubblica e ciclo integrato delle acque; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Luigi Felaco

Assessore al verde, con deleghe a: verde; qualità della vita; decoro e arredo urbano; creatività urbana; beni confiscati; agricoltura urbana; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Rosaria Galiero

Assessore al commercio, ai mercati e alle attività produttive con deleghe a: attività produttive; commercio; mercati; bilancio; tributi; lotta all'evasione; direzione, coordinamento e controllo delle partecipate di concerto con gli assessori competenti nei rispettivi settori; protezione civile e gruppi volontari civici; rapporti con le municipalità; informatizzazione; avvocatura; trasparenza; centro unico acquisti; statistica; censimenti; anagrafe e stato civile; servizio elettorale; protocollo; pubblicità e pubbliche affissioni.

Marco Gaudini

Assessore al trasporto pubblico e alla mobilità con deleghe a: trasporto pubblico locale e viabilità; mobilità sostenibile; parcheggi; politiche energetiche; smart city; autoparchi; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Lucia Francesca Menna

Assessore alle pari opportunità, libertà civili e alla salute con deleghe a: pari opportunità; centri antiviolenza; tratta; politiche di contrasto alle violenze di genere; diritti civili e libertà civili; diritto alla salute; sanità e rapporti con enti di programmazione e gestione dei servizi sanitari; tutela degli animali; mare; diritto alla pace; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Giovanni Pagano

Assessore alle politiche del lavoro, innovazione e autonomia della città con deleghe a: politiche del lavoro; reti di partenariato; sviluppo; innovazione sociale e digitale; start up; terzo settore; lavoro autonomo; makers ed artigianato digitale; lavoro atipico; autonomia e mezzogiorno; made in Naples; nuove piattaforme di comunicazione e partecipazione; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza;

Annamaria Palmieri

Assessore all’istruzione e alle politiche sociali con deleghe a: istruzione; scuola; asili nido; edilizia scolastica; diritto allo studio; lotta alla dispersione scolastica; politiche sociali; politiche per minori, famiglie e anziani; coesione sociale; immigrazione e politiche di integrazione dei migranti; contrasto alle povertà; città solidale e della fratellanza; solidarietà popolare; diritti di cittadinanza; coordinamento funzionale delle partecipate operanti nei settori di competenza.

Il sindaco: “Innesti giovani in giunta”

“La mia è una scelta che guarda anche al futuro – spiega il sindaco Luigi De Magistris – non solo amministrativa. Inseriamo due giovani. Ho sempre pensato all'importanza dei giovani nel governo della cosa pubblica. La scelta di Alessandra Clemente come sindaco futiro e di immettere due giovani con storie diverse, uno di provenienza ambientalista più moderata, l'altro più radicale di movimento, connessa alle fragilità della città. Scelta importante e coraggiosa, rischiosa. Abbiamo una giunta giovane con 6 molto giovani: è in segnale importante in città giovane come Napoli”.

Gaudini: "Miglioreremo i trasporti nel 2021"

"Una delega impegnativa e di grande responsabilità quella ai trasporti – commenta a Fanpage.it Marco Gaudini – Ci sono occasioni importanti per rilanciare il settore e programmare il miglioramento dei servizi di trasporto e sulla delega alla mobilità c'è tanto da lavorare. Sono al lavoro già da oggi per verificare la possibilità di potenziare i trasporti anche di sera compatibilmente con le norme anti-Covid, sentirò nelle prossime ore i vertici dei trasporti e lavoreremo per comprendere in che modo intervenire su vari aspetti. Siamo fiduciosi di poter dare il nostro contributo".

Il rimpasto spacca la maggioranza del sindaco

Il rimpasto al Comune di Napoli spacca la maggioranza del sindaco Luigi De Magistris. Ad essere sacrificati infatti sono stati due assessori, come Enrico Panini, ex dirigente della Cgil, e Monica Buonanno, vicini alla Sinistra. La scelta di estrometterli non è piaciuta al Gruppo Consiliare “Napoli in Comune a Sinistra”: "Prendiamo atto delle decisioni assunte dal sindaco di modificare l’attuale Giunta con amarezza e delusione. L’estromissione dalla Giunta del Vicesindaco Panini e dell’Assessore Buonanno, nota esperta delle politiche del lavoro, rappresenta una svolta sbagliata e poco utile all’unità del Consiglio Comunale, già pesantemente leso nella sua maggioranza, per il
venir meno di tanti Consiglieri che hanno lasciato de Magistris. Esprimiamo parere negativo per questo ultimo ed inutile rimpasto. La città non ne esce rafforzata. Sono prevalsi improvvisazione e bisogno politico ristretto e limitato e non certamente quale bisogno amministrativo per la città".

I sindacati: "Sorpresi da uscita Panini e Buonanno"

"Ci lascia sorpresi – affermano i segretari generali di CGIL CISL UIL Napoli, Nicola Ricci, Gianpiero Tipaldi e Giovanni Sgambati – la decisione del sindaco De Magistris, a quattro mesi dal rinnovo del consiglio comunale, di effettuare un rimpasto. In questi anni il rapporto con la giunta non è stato eccellente e l'unica interlocuzione improntata ad un ascolto vero la abbiamo constatata e mantenuta con Enrico Panini e Monica Buonanno". "Non possiamo che apprezzare il loro lavoro – concludono i segretari di Cgil Cisl Uil Napoli – e il loro rapporto costante col mondo del lavoro e non crediamo che i prossimi quattro mesi, soprattutto con questi ultimi cambiamenti, saranno utili per una nuova e proficua collaborazione tra giunta comunale e organizzazioni sindacali".