18 Agosto 2021
8:58

Camorra, in manette il latitante Giuseppe Savino: l’arresto in un ristorante nel Lazio

È stato arrestato in un ristorante del litorale romano il latitante vicino alla Camorra Giuseppe Savino. Nei suoi confronti era stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per l’accusa è di riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ed altri reati finanziari. Al momento dell’arresto è stato trovato in possesso di documenti falsi.
A cura di Giorgia Venturini

Sono scattate le manette per il latitante vicino alla Camorra Giuseppe Savino. L'arresto è avvenuto la sera del 16 agosto in un ristorante a Santa Severa, paese sul litorale romano: l'operazione è stata eseguita dagli uomini della sesta sezione sul Contrasto al crimine diffuso della Squadra mobile della Questura di Roma. Da tempo Savino, uomo vicino a clan camorristici operanti nella zona di Napoli Orientale nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, era nel mirino degli investigatori. Da quando il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli aveva emesso nei suo confronti un'ordinanza di custodia cautelare in carcere su richiesta della Direzione distrettuale antimafia della Procura di Napoli. L'accusa è di riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita ed altri reati finanziari.

Il latitante aveva con sé documenti falsi

Secondo quanto sostenuto dagli inquirenti e come si legge in una nota della Questura di Roma, Savino nel tempo aveva messo a segno importanti operazioni finanziarie per riciclare denaro proveniente da attività illegale. Nel dettaglio, il latitante guadagnava dalla commercializzazione di carburanti tramite alcune società "cartiere" create ad hoc. Tutte società intestate a prestanomi e tutte utilizzate all'unico fine di delinquere. A svelare tutto e portare avanti le indagini è stata la Squadra mobile di Napoli e dalla guardia di finanza di Casalnuovo di Napoli. Così subito dopo l'arresto Giuseppe Savino è stato avvicinato dagli agenti che gli hanno chiesto i documenti, tutti risultati falsi. Così sono scattate le manette subito per il reato di possesso di documenti falsi validi per l'espatrio. Per questo reato dovrà chiarire tutto davanti ai giudici del Tribunale di Civitavecchia dove verrà sentito per direttissima.

Camorra, arrestato l'imprenditore Giuseppe Diana: "Figura di rilievo dei Casalesi"
Camorra, arrestato l'imprenditore Giuseppe Diana: "Figura di rilievo dei Casalesi"
Rapina a Casavatore, uno dei tre fermati fu arrestato in un blitz contro il clan Di Lauro
Rapina a Casavatore, uno dei tre fermati fu arrestato in un blitz contro il clan Di Lauro
L'agguato di camorra nel ristorante annullato all'ultimo momento: lo scooter dei killer si ruppe
L'agguato di camorra nel ristorante annullato all'ultimo momento: lo scooter dei killer si ruppe
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni