12 Ottobre 2021
12:03

Parla il calciatore del Matese salvato da un avversario in campo: “Ha evitato che soffocassi”

Durante la partita di serie D tra l’Fc Matese e il Vastese Calcio, un giocatore della prima squadra, Pompeo Tretola, di 18 anni, si è accasciato al suolo privo di sensi: il ragazzo aveva ricevuto un involontario calcio al volto. Fondamentale è stato l’intervento di un giocatore della squadra avversaria, Edoardo Monza, che ha allertato i soccorsi e evitato che il ragazzo soffocasse.
A cura di Federica Grieco
Pompeo Tretola, calciatore del Matese
Pompeo Tretola, calciatore del Matese

È una storia di solidarietà oltre la competizione sportiva quella che arriva da Piedimonte Matese, Comune in provincia di Caserta. Protagonista della vicenda è Pompeo Tretola, 18 anni, calciatore dell'Fc Matese, che domenica 10 ottobre, stava disputando una partita contro il Vastese calcio, quando ha avuto un malore e si è accasciato al suolo. Fondamentale è stato l'intervento di un ragazzo della squadra avversaria, Edoardo Monza. «Ringrazio Edoardo Monza per avermi soccorso», dichiara Pompeo a Fanpage.it. «A parte lo spavento – ha raccontato Luigi Rega, presidente dell'Fc Matese – la società è contenta che il ragazzo stia bene e soccorso sanitario sia intervenuto immediatamente».

Lo spavento e l'intervento dell'avversario in campo

Domenica 10 ottobre, durante la partita di serie D allo stadio comunale Pasqualino Ferrante di Piedimonte Matese, Pompeo, 18enne di Paduli, Comune in provincia di Benevento, si è sentito improvvisamente male ed è crollato sul campo. «Ho ricevuto un calcio in faccia involontario mentre giocavamo – spiega il ragazzo – ma ho continuato a giocare, perché pensavo fosse una botta come tante altre. Dopo 10 minuti, ricordo che mi si sono bloccati gli occhi e sono caduto a terra. Da lì, il vuoto fino a quando sono arrivato in ospedale». Pompeo spiega di aver visionato il video della partita e di aver visto che durante quei 10 minuti si toccava la testa.

Vicino a sé aveva Edoardo Monza, ventenne della squadra di Vasto, che è intervenuto immediatamente, quando ha visto il ragazzo cadere. La prontezza di Edoardo è stata fondamentale: allertati i soccorsi, il ragazzo ha girato sul fianco Pompeo, evitando che potesse ingoiare la lingua. Trasportato subito all'ospedale, il ragazzo racconta che non ricordava nulla. «Dicevo agli infermieri che stavo bene – racconta il 18enne – e che volevo andare a giocare, perché ero convinto che la partita non fosse ancora iniziata. La seconda volta che mi sono svegliato, l'infermiere mi ha spiegato che mi trovato in ospedale e da lì ho cominciato a ricordare tutto, a parte quel vuoto di circa 10 minuti».

Nonostante lo spavento iniziale, Pompeo ora sta bene ed è stato dimesso la sera stessa. «Mi hanno detto che forse è stato il calcio la causa del mio malore – racconta Pompeo – nei prossimi giorni, però, dovrò fare una risonanza magnetica e un elettroencefalogramma per capire se la crisi sia stata causata dal calcio oppure no». Il giovane calciatore del Matese ha ringraziato tutti i suoi compagni di squadra, la società e tutti i tifosi da cui ha ricevuto numerosi messaggi.

Camorra e appalti, ai domiciliari manager e avvocato. Gli indagati traditi dal gruppo su Whatsapp
Camorra e appalti, ai domiciliari manager e avvocato. Gli indagati traditi dal gruppo su Whatsapp
Assolto dall'accusa di camorra Carmine Antropoli, medico ex sindaco di Capua: "L'incubo è finito"
Assolto dall'accusa di camorra Carmine Antropoli, medico ex sindaco di Capua: "L'incubo è finito"
In provincia di Caserta nasce il parco tematico più grande d'Europa
In provincia di Caserta nasce il parco tematico più grande d'Europa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni