Una bomba è esplosa questa notte a Torre Annunziata, nel Napoletano: la deflagrazione ha distrutto una vettura, forse il reale obiettivo degli attentatori, e danneggiato un cancello ed un muro nei pressi di un'abitazione, la stessa dove vive il proprietario dell'automobile distrutta. Non è escluso che dunque potesse essere "destinata" proprio a lui. Danni anche ad altri edifici circostanti.

La vicenda è accaduta questa notte sua via Caccia, all'altezza del civico numero 36. Un ordigno artigianale è stato appoggiato da uno o più ignoti accanto all'automobile di un pregiudicato del posto che vive nella palazzina. L'esplosione ha distrutto la vettura e causato danni al cancello di ingresso e a un muro dell'edificio stesso, dove vive l'uomo, mentre sono andati in frantumi i vetri di altri edifici vicini. I carabinieri sono giunti sul posto per i rilievi del caso. Non è esclusa la pista della criminalità organizzata: da qualche settimana infatti nella città oplontina episodi che in qualche modo sembrano collegati tra loro si sono moltiplicati. A fine agosto, un uomo di 25 anni era stato ferito da cinque colpi di arma da fuoco e ricoverato in ospedale. Pochi giorni prima, invece, era stata crivellata di proiettili l'automobile che apparterrebbe alla compagna di un boss locale, anch'essa con precedenti per droga: fatto inquietante che è avvenuto nel giorno dell'anniversario della strade di Sant'Alessandro. A luglio, cinque colpi di pistola furono esplosi contro un bar, pochi giorni dopo che alcune persone, fingendosi carabinieri, si erano presentati a casa di un pregiudicato, sparandogli nelle gambe. Una escalation che sembra in questo momento non avere fine.