Raddoppiano i monopattini elettrici in sharing a Napoli: in arrivo altri 900 al Vomero e a Mergellina, messi a disposizione dalla società Reby. Si aggiungono ai 900 che hanno cominciato ai circolare da settembre dal Lungomare a piazza Garibaldi, gestiti invece da Helbiz. I nuovi monopattini elettrici di Reby, un mezzo di trasporto smart ed ecologico per potersi muovere agevolmente in città per spostamenti brevi, saranno di colore viola, a differenza di quelli neri di Helbiz. La sperimentazione al Vomero con i primi 250 monopattini è partita ieri e si estenderà gradualmente ad altre aree della città. Presenti al taglio del nastro in via Scarlatti, l'assessore alla viabilità Alessandra Clemente, il presidente della V Municipalità Vomero-Arenella, Paolo De Luca, e l'amministratore di Reby.

Monopattini elettrici viola, arrivati i primi 250

I veicoli potranno circolare in modalità free-floating, ovvero senza la necessità di partire e giungere in punti specifici di raccolta, con sosta libera (a meno di alcune aree vincolate) e con le regole delle biciclette. “La promozione di servizi di sharing mobility – spiega il Comune di Napoli – è un obiettivo strategico del redigendo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile, che punta a facilitare gli spostamenti brevi nell’area urbana da parte di residenti, city-users e turisti. “Con i monopattini di Reby – commenta l’Assessore Alessandra Clemente – si rafforzano le dotazioni e le possibilità di spostamento del cosiddetto “ultimo miglio” per i cittadini e turisti napoletani. A regime Reby metterà a disposizione un totale di 900 veicoli in modo da consentire diffusi spostamenti brevi nell’area urbana”.

Potranno circolare dal Vomero a Mergellina

“Il servizio – aggiunge Clemente – parte nell’area del Vomero e nell’area centrale – da Mergellina a piazza Municipio – in aggiunta all’altro operatore. Abbiamo dato la possibilità a questi operatori della sharing mobility di operare sul territorio comunale con l’unico obiettivo di migliorare le possibilità di mobilità della città. I monopattini non vogliono essere sostitutivi bensì complementari del trasporto pubblico – oggi particolarmente in difficoltà a causa delle limitazioni per l’emergenza sanitaria da Covid-19 e per le difficoltà di bilancio – e possono contribuire alla progressiva limitazione dell’uso dell’auto in centro città. Un servizio alla città, facile, ecologico, efficiente e rispettoso delle regole del distanziamento fisico imposto dall’emergenza sanitaria da Covid-19 che ci impegna in termini di controlli e dell’uso in sicurezza. Oggi più che mai dobbiamo seguire le indicazioni delle autorità sanitarie, indossare la mascherina, igienizzare le mani, anche sui monopattini. A tutti gli utilizzatori raccomandiamo un uso attento per la sicurezza propria e degli altri utenti della strada”.