Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Serata decisamente movimentata lo scorso 30 dicembre su un treno regionale lombardo della linea Saronno-Seregno. Un ragazzo minorenne ha cercato di rapinare un viaggiatore che si trovava sul convoglio, puntandogli contro una pistola. La reazione della vittima e degli altri passeggeri presenti a bordo del treno lo ha convinto a fuggire: il giovane è sceso alla stazione di Seregno, ma è stato in seguito individuato e rintracciato dai carabinieri e denunciato con l'accusa di tentata rapina.

Il giovane messo in fuga dalla reazione della vittima e degli altri passeggeri

L'episodio è avvenuto attorno alle 19.30 del 30 dicembre. Il ragazzo, residente a Seregno, in provincia di Monza e Brianza, è salito su un convoglio regionale tra le stazioni di Cesano Maderno e Seregno. Quindi ha individuato la sua potenziale vittima, un uomo di 40 anni residente a Monza e di nazionalità ucraina: minacciandolo con una pistola, non è ancora chiaro se finta o vera, gli ha intimato di consegnargli il portafogli. La vittima però si è rifiutata e, grazie anche alla reazione di altri passeggeri presenti sul treno, ha spinto il giovane rapinatore alla fuga.

Il baby rapinatore era già noto alle forze dell'ordine

A quel punto il giovane rapinatore ha cercato di raggiungere quanto prima un'uscita, e ha atteso che il treno raggiungesse la stazione di Seregno per scendere e cercare di far perdere le proprie tracce. Il suo tentativo di fuga è stato però inutile: i carabinieri, anche grazie alla descrizione fornita dalla vittima, lo hanno individuato nel giro di poche ore e denunciato. Il baby rapinatore, a quanto pare, era già noto alle forze dell'ordine per via di precedenti reati contro il patrimonio.