video suggerito
video suggerito
Evasione dal carcere Beccaria di Milano

Ragazzi evasi dal carcere Beccaria, il cappellano: “Gli altri detenuti probabilmente conoscevano il piano”

“A differenza loro, gli altri detenuti hanno scelto di non fuggire nonostante presumibilmente questo piano fosse premeditato e conosciuto forse da diversi ragazzi”: a spiegarlo a Fanpage.it è il cappellano del carcere minorile Beccaria, Don Claudio Burgio. Ieri sera sono scappati infatti sette detenuti, tre dei quali sono stati presi. Si cercano gli altri quattro.
A cura di Ilaria Quattrone
50 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

La situazione del carcere minorile Beccaria di Milano è al collasso ormai da diversi anni: pochi educatori e agenti di polizia penitenziaria, cambio frequente di direttori (tre in meno di un anno), strutture carenti (i lavori di ristrutturazione nella parte femminile, per esempio, durano da sedici anni) e sovraffollamento.

Nelle ultime settimane, tre episodi hanno riacceso i riflettori su in istituto penitenziario da tempo abbandonato e dimenticato: le violenze e torture subite da un ragazzino di 16 anni, l'evasione di sette ragazzi (tre dei quali ritrovati) e l'incendio appiccato da alcuni detenuti che ha causato il ricovero di quattro agenti. Questi ultimi, come raccontato a Fanpage.it dal cappellano Don Claudio Burgio, si trovano al momento in isolamento: "Non so quali saranno le conseguenze immediate su loro".

Il piano dei detenuti evasi potrebbe essere stato premeditato

I sette avrebbero approfittato proprio dei lavori di ristrutturazione per scappare. Il loro, con ogni probabilità, è stato un piano premeditato: "A differenza loro, gli altri detenuti – spiega Don Claudio – hanno scelto di non fuggire nonostante presumibilmente questo piano fosse premeditato e conosciuto forse da diversi ragazzi".  Nessuno di loro, ha aggiunto il cappellano, in passato non avrebbe mai provato a fuggire.

Probabilmente a influire su questa decisione potrebbero essere state le festività: "Il Natale e le feste peggiorano purtroppo le cose". E di certo le condizioni in cui versa il carcere, non aiutano: "Oltre al problema del sovraffollamento, ci sono i disturbi psichici e le dipendenze. Molte volte i ragazzi arrivano qui dopo il fallimento di un percorso comunitario. Il carcere, che andrebbe usato come extrema ratio, è un ambiente che deriva dalla violenza e genera violenza. Inoltre accoglie adolescenti che sono già di per sé in fuga da loro stessi".

E tra i problemi del carcere Beccaria, c'è la mancanza di un direttore titolare: "Mentre in molti sembrano scoprire solo ora che all’istituto penale per minorenni di Milano, come in molte altre carceri anche per adulti, da anni non è in servizio un direttore titolare, con la manovra di bilancio in corso d’approvazione in Parlamento verrà disposto – spiega Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria – lo scorrimento della graduatoria per Dirigente del dipartimento per la giustizia minorile e di comunità, ma per l’assunzione negli uffici giudiziari (tribunali, etc.)".

Considerate le gravi carenze, il segretario si aspettava uno scorrimento delle graduatorie "per i profili per i quali erano stati banditi i concorsi. Invece, grazie un colpo da far invidia al miglior prestigiatore, chi aveva concorso per fare il direttore di carcere sarà assunto in un tribunale".

50 CONDIVISIONI
17 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views