L’accetta e il trattore utilizzati dall’uomo (Fonte: carabinieri di Brescia)
in foto: L’accetta e il trattore utilizzati dall’uomo (Fonte: carabinieri di Brescia)

Ha affilato la lama di un'accetta, è salito sul suo trattore e si è diretto verso la casa nella quale abitano l'ex moglie e i figli probabilmente per minacciare la donna o farle del male: è successo a Pontoglio, in provincia di Brescia, dove un uomo è stato arrestato. 

L'uomo ha dato inizio a un folle inseguimento

L'uomo è partito dal comune di Canneto, in provincia di Mantova, per dirigersi con il suo trattore fino al paese di Palazzolo, nel Bresciano. A nulla sono serviti i tentativi del fratello di fermarlo: tanto che è stato lo stesso ad allertare i carabinieri di Viadana. Una volta ricevuta la richiesta, i militari hanno lanciato l'allarme a tutte le compagnie vicine. Il 55enne è stato individuato a Chiari (Brescia). Le pattuglie della stazione di Rudiano si sono quindi recate sul posto e hanno provato ad arrestare la sua corsa. Per tutta risposta l'uomo ha dato vita a un folle inseguimento: ogni volta che i carabinieri si avvicinavano al trattore, il 55enne tentava di speronarli con le ruote posteriori.

La corsa fermata da una betoniera e l'arresto

I carabinieri sono riusciti a raggiungerlo a Pontoglio. Una betoniera, impegnata in dei lavori di manutenzione, gli ha infatti bloccato la strada. I militari sono saliti sul trattore e hanno provveduto a disarcionare l'uomo togliendogli dalle mani anche l'accetta che aveva con sé. Il 55enne è stato così arrestato. Da ulteriori accertamenti è emerso che l'uomo già in passato fosse stato accusato di violenza domestica. Nella giornata di ieri, lunedì 9 febbraio, il giudice –  considerati i precedenti e la pericolosità sociale – ha disposto di portare il 55enne nel carcere di Brescia.