Vietato sostare sul Ponte Coperto e sedersi sui gradini del Duomo e delle chiese del Carmine e di San Teodoro, nel centro storico della città. Sono alcune delle regole imposte dal sindaco di Pavia, Mario Fabrizio Fracassi, che ha prorogato sino al 31 gennaio 2021 le ordinanze pensate per evitare assembramenti e contenere la diffusione del Covid-19. Chi non rispetterà i divieti rischia un'ammenda da 400 a 3mila euro.

Misure anti covid a Pavia: vietato sostare sul Ponte Coperto e sedersi sui gradini del Duomo

L'amministrazione comunale ha ideato anche alcune misure per sostenere le attività commerciali. Sempre sino a fine gennaio il parcheggio negli spazi blu dell'area a traffico limitato sarà gratuito dopo le 17, in modo da favorire lo shopping. I saloni dei parrucchieri potranno prolungare gli orari di apertura e restare aperti anche la domenica e nei giorni festivi: con questo provvedimento il Comune cerca di venire incontro alle esigenze della categoria, che può ospitare un numero limitato di clienti per rispettare le disposizioni sanitarie.

Divieti anche a Brescia per evitare assembramenti

Nelle ultime 24 ore a Pavia sono stati rilevati 79 nuovi casi di coronavirus. Al momento la situazione è sotto controllo, soprattutto nel confronto con Milano (oltre mille casi ieri) ma anche con le province di Monza e Varese. Il rapido aumento dei contagi sta mettendo nuovamente sotto pressione gli ospedali. Al Policlinico San Matteo i reparti di malattie infettive e anche la terapia intensiva sono tornati ad accogliere pazienti covid. Misure anti contagio sono state messe in atto ieri anche a Brescia dal sindaco Emilio Del Bono, che ha vietato l'asporto di alcolici il venerdì e il sabato dopo le 21 e nei giorni delle festività fino all'epifania.