Valentina Crepax (Facebook)
in foto: Valentina Crepax (Facebook)

Lutto nel mondo della cultura a Milano: è morta all'età di 68 anni la giornalista e scrittrice Valentina Crepax, nipote del celebre illustratore Guido. Valentina Crepax era malata da tempo, ma la notizia della sua scomparsa, avvenuta ieri a Milano, dov'era nata, ha suscitato profonda commozione tra tutti coloro che la conoscevano e la stimavano. Valentina, stesso nome della celebre protagonista dei fumetti ideata dallo zio Guido, fratello del padre Franco, noto discografico, aveva iniziato a scrivere come giornalista di costume e società per la testata "la Repubblica". In seguito si era distinta anche come autrice di libri: aveva scritto "Gli uomini: istruzioni per l'uso" (edito da Mondadori nel 1986) e "Tipi metropolitani" (edito sempre da Mondadori, 1988), due estrosi cataloghi di "tipi maschili" illustrati con le tavole in bianco e nero a piena pagina dello zio.

A settembre uscirà un suo libro postumo

Un altro libro uscirà postumo a settembre, edito da Bompiani. Si intitola "Io e l'asino mio. Storie di Crepax raccontate da Valentina". Lo scorso anno il marito di Valentina Crepax, il giornalista Gigi Zazzeri, era morto lasciando vedova Valentina. In tanti oggi hanno sottolineato come la coppia si sia ricongiunta. Valentina Crepax, che si divertiva a porsi agli antipodi dell'omonima protagonista dei fumetti dello zio, lascia una figlia, Alice, avuta dal regista Marco Tullio Giordana. Tra coloro che l'hanno ricordata sui social lo scrittore Jonathan Bazzi: "Vorrei tutti sapessero che Valentina Crepax era un elevamento a potenza, faceva vibrare più forte qualsiasi situazione ti fosse capitato di vivere con lei".