(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Futili motivi: è questa la causa di una lite scoppiata tra due uomini, entrambi cittadini marocchini, di 33 e 51 anni fuori da un bar di Milano in via Laura Ciceri Visconti in zona Calvairate. Una discussione iniziata alle ore 18 di domenica 25 ottobre e che in pochi attimi è degenerata in violenza portando così alla morte del 51enne.

L'uomo è caduto a terra e avrebbe sbattuto la testa sul marciapiede

Il battibecco è durato pochi minuti. La lite infatti è sfociata subito in un'aggressione: l'uomo di 33 anni – già noto alle forze dell'ordine a causa di alcuni precedenti – avrebbe sferrato un pugno in pieno volto al 51enne. Il colpo avrebbe quindi causato la perdita dell'equilibrio dell'aggredito che sarebbe caduto sbattendo la testa sul marciapiede. L'impatto è stato talmente forte da far perdere conoscenza al 51enne. Sono stati quindi allertati i soccorsi e le forze dell'ordine che una volta arrivati e constata la gravità della situazione hanno trasportato d'urgenza l'uomo all'ospedale San Paolo.

Il 33enne è accusato di omicidio preterintenzionale

In poche ore la situazione è diventata irreversibile. Ricoverato nella serata di sabato il 51enne, a causa delle gravi lesioni riportate, è stato dichiarato morto lunedì 26 ottobre. Visto il decesso, i carabinieri della stazione di Milano Monforte hanno quindi fermato il 33enne che è stato accusato di omicidio preterintenzionale. L'uomo quindi è stato portato al carcere di San Vittore dove attende l'udienza di convalida. Intanto i militari stanno ricostruendo la dinamica dell'evento, ma ancora non sono chiari i motivi che avrebbero portato alla lite.