28 Giugno 2021
19:05

Adescava minorenni sotto il profilo di “Cattivissima Giulia”: confermati 19 anni di carcere

Confermata in appello la condanna a 19 anni di carcere per il 50enne di Codogno (Lodi) che adescava le sue vittime sotto il falso profilo di “Cattivissima Giulia” e le costringeva ad atti sessuali. L’uomo era stato arrestato nel 2019 dopo che per tre anni aveva abusato di tre minorenni. Quella di oggi è la più alta sentenza in Italia per questi reati.
A cura di Ilaria Quattrone

Si nascondeva sotto il falso profilo di "Cattivissima Giulia" per adescare e violentare minorenni: oggi, lunedì 28 giugno, un 50enne originario di Codogno è stato condannato dalla terza sezione d'appello del tribunale di Milano a 19 anni di carcere. L'uomo era stato arrestato nel 2019 dopo che, per tre anni, aveva abusato di tre ragazzine dagli undici ai tredici anni. Episodi di violenza che la stessa Procura definì "un film dell'orrore".

L'uomo aveva obbligo le vittime ad atti sessuali

Per anni l'uomo aveva obbligato le tre vittime ad atti sessuali per evitare di subire le vendette di "Cattivissima Giulia". Aveva addirittura inscenato il suicidio di una delle tre. All'epoca dei fatti – l'uomo viveva con i suoi genitori e soffriva di disturbi psichici – aveva adescato la figlia di alcuni vicini di casa attraverso i social, per poi coinvolgere anche due sue amiche. Tutte le violenze sessuali, che avvenivano nella sua abitazione, venivano poi riprese. Le denunce sono scattate grazie a un'insegnante. Da quel momento si sono aperte le indagini condotte dal procuratore aggiunto di Milano Letizia Mannella e dal pubblico ministero Alessia Menegazzo.

È la sentenza più alta mai data in Italia per questi reati

Il Tribunale di Lodi aveva condannato l'uomo a 19 anni di carcere il 6 ottobre 2020. Oggi, la terza sezione d'appello del tribunale di Milano, presieduta dal giudice Renata Peragallo insieme ai giudici Edoardo Veronelli e Francesca Marcelli, ha confermato la sentenza. Si tratta della condanna più alta inflitta in Italia per reati legati alla produzione di materiale pedopornografico e abusi sessuali su minori.

Elena Scaini condannata a 21 anni di carcere: aveva ucciso il marito a coltellate
Elena Scaini condannata a 21 anni di carcere: aveva ucciso il marito a coltellate
Milano, abusa di una 15enne con disabilità a casa per la dad: condannato a 10 anni di carcere
Milano, abusa di una 15enne con disabilità a casa per la dad: condannato a 10 anni di carcere
Schianto tra auto e moto: ragazzo di 19 anni ricoverato in gravissime condizioni
Schianto tra auto e moto: ragazzo di 19 anni ricoverato in gravissime condizioni
Covid Lombardia, il bollettino del 21 settembre: 472 contagi e 9 morti
I pazienti ricoverati nei reparti di area medica degli ospedali sono 437, in terapia intensiva 62 persone
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni