07 Novembre 22:00 Sanders a Biden: “Le grandi sfide sono razzismo e cambiamento climatico”

Il senatore del Vermont Bernie Sanders si è congratulato con il presidente eletto Joe Biden e la  vicepresidente Kamala Harris. Lo sfidante di Biden alle primarie del Partito Democratico ha ricordato come il risultato delle elezioni avesse sancito il valore dello stato di diritto e della democrazia: "Non invio Joe per le enormi, enormi sfide che deve affrontare, compresi il razzismo, il cambiamento climatico, le infrastrutture fatiscenti. La nostra sfida è ora raggiungere le persone e dir loro: ‘Sentiamo il tuo dolore'. È il momento di ascoltare i lavoratori".

07 Novembre 21:26 Joe Biden presidente Usa, le lacrime dell’attivista afroamericano in diretta tv

07 Novembre 21:06 Biden aggiorna la sua bio su Twitter: “Presidente eletto”

Dovrà attendere il 14 dicembre per essere formalmente eletto Presidente degli Stati Uniti ma Joe Biden, nel frattempo, si è portato avanti con il lavoro aggiornando la sua biografia su Twitter: "Presidente eletto". Il giuramento si terrà invece non prima del 20 gennaio, dopo una transizione che si annuncia non semplice.

07 Novembre 20:43 Lady Gaga esulta: “Solo amore per il nuovo comandante in capo e la prima donna alla Casa Bianca”

Anche la cantante newyorkese Lady Gaga esulta per la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali. In un post su Instagram ha pubblicato una foto con il nuovo presidente: "Joe Biden e Kamala Harris, avete regalato al mondo uno dei più grandi atti di gentilezza e coraggio che l'umanità abbia mai visto. Solo amore per il nuovo comandante in capo e la prima donna alla Casa Bianca".

07 Novembre 20:23 Il momento in cui Donald Trump ha scoperto di aver perso le elezioni

Donald Trump stava giocando a golf al momento dell'annuncio di Joe Biden come nuovo presidente degli Stati Uniti. Una foto dell'Associated Press trasmessa da Fox mostra il presidente con la mazza da golf in mano e scuro in volto.

07 Novembre 20:19 I giornali cinesi deridono Donald Trump

Il People Daily China, quotidiano vicino al governo cinese, ha così commentato il tweet di oggi pomeriggio di Trum: "Ho vinto, e di molto". "Ahaha".

07 Novembre 19:37 Conte: “Congratulazioni a Biden, pronti a lavorare insieme”

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è congratulato con Joe Biden per la vittoria alle elezioni presidenziali USA: "Siamo pronti a lavorare con il presidente eletto Joe Biden per rendere la relazione transatlantica più forte. Gli Stati Uniti possono contare sull'Italia come solido alleato e partner strategico".

07 Novembre 19:26 Obama si congratula con Biden e Harris: “Non potrei essere più orgoglioso”

L'ex presidente Barack Obama ha pubblicato poco fa un tweet di congratulazioni con Joe Biden e Kamala Harris. "Non potrei essere più orgoglioso di congratularmi con il nostro prossimo presidente, Joe Biden, e la nostra prossima First Lady, Jill Biden", ha scritto l'ex capo della Casa Bianca. "È una fortuna che Joe abbia grandi qualità. Da gennaio, quando si insedierà alla Casa Bianca, avrà una serie di sfide straordinarie che nessun presidente entrante ha mai dovuto affrontare: una pandemia furiosa, un'economia e un sistema giudiziario ineguali, una democrazia a rischio e un clima in pericolo ".

07 Novembre 19:20 Macron e Merkel si congratulano all’unisono con Joe Biden

Con due tweet, praticamente in contemporanea, il Presidente della Repubblica francesce Emmanuel Macron e la Cancelliera tedesca Angela Merkel si sono congratulati con Joe Biden. Macron ha invitato il neo presidente USA ad "agire insieme". Merkel parla di "amicizia insostituibile".

07 Novembre 18:49 Giuliani, avvocato di Trump: “È una frode, nessuna ispezione sulle schede postali”

Il capo del team legale di Donald Trump, Rudy Giuliani, ha parlato di "una situazione molto preoccupante" in Pennsylvania e in altri Stati dove a suo avviso si sono consumate "frodi elettorali di vario tipo", contro cui i Repubblicani lanceranno azioni legali. "Dietro di me ci sono una sessantina di osservatori dei seggi che testimonieranno che non è stato loro consentito di esercitare il diritto di ispezionare i voti per posta. È illegale e incostituzionale. Non c'è stata alcuna ispezione, questi plichi potrebbero essere arrivati da qualsiasi parte, potrebbero essere stati compilati da chiunque, in Philadelphia hanno tenuto segreti i voti dei deceduti" e ci sono "300mila schede che non sono state visionate da neanche un repubblicano", ha detto Giuliani.

07 Novembre 18:45 Biden vince anche in Nevada: ora ha 290 grandi elettori

Joe Biden ha già vinto le elezioni, ma ora Ap e altri media statunitensi annunciano che il democratico ha conquistato anche il Nevada. Allo stato attuale, dispone di 290 grandi elettori.

07 Novembre 18:43 Stephen King: “È uno dei giorni più belli della mia vita”

"Uno dei giorni più bella della mia vita". Così il celeberrimo scritto Stephen King ha accolta la vittoria di Joe Biden alla Casa Bianca.

07 Novembre 18:34 Rudolph Giuliani, legale di Trump: “Non riconoscerà la vittoria di Biden”

Il presidente uscente Donald Trump non intende invitare il presidente eletto Joe Biden alla Casa Bianca nei prossimi giorni, come vorrebbe la tradizione. Lo rende noto alla Cnn una fonte vicina al dossier. A confermare che il repubblicano non intende concedere la vittoria al democratico Rudolph Giuliani, il legale personale del presidente uscente.

07 Novembre 18:29 La vice presidente USA Kamala Harris: “Ci attende molto lavoro, iniziamo”

"Con queste elezioni si tratta di molto di più di Joe Biden e me. Si tratta dell'anima dell'America e della nostra determinazione a lottare per essa": a twittarlo, dopo l'annuncio della vittoria di Joe Biden, è stata Kamala Harris, la prima vicepresidente donna, di origini afroasiatiche. "Ci attende molto lavoro. Iniziamo".

07 Novembre 18:18 Le prime parole di Biden: “Grazie America, ora torniamo uniti”

"Sono onorato dalla fiducia che il popolo americano ha riposto in me e nel vicepresidente eletto Harris. Davanti a ostacoli senza precedenti, n numero record di statunitensi ha votato dimostrando ancora una volta che nel cuore profondo dell'America batte la democrazia. Con la fine della campagna elettorale è arrivato il tempo di lasciarci alle spalle rabbia e retorica e di unirci come nazione. È tempo che l'America si unisca, per guarire. Siamo gli Stati Uniti d'America. E non c'è niente che non possiamo fare, se lo facciamo insieme". Sono state queste le prime parole pronunciate dal neo eletto presidente degli USA Joe Biden.

07 Novembre 18:12 Di Maio su Twitter: “Congratulazioni a Biden, pronti a lavorare insieme”

Dall'Italia arrivano le prime reazioni dopo la vittoria alle elezioni presidenziali Usa di Joe Biden. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha twittato in inglese per congratularsi con Biden: "Congratulazioni al presidente eletto Joe Biden. L'amicizia tra Italia e Stati Uniti ha radici profonde e storiche. Pronto a lavorare per rafforzare le nostre relazioni in difesa della pace e della libertà", scrive Di Maio.

07 Novembre 18:07 Joe Biden presidente: chi è la moglie Jill, nuova First lady

Jill Tracy Jacobs, moglie di Joe Biden, è la nuova First lady. Nata nel 1951 nel New Jersey da una famiglia di origini italiane, fin dall’infanzia Jill ha vissuto in Pennsylvania. È una insegnante che, nonostante il matrimonio con un politico, non ha mai voluto rinunciare alla sua professione.

07 Novembre 18:04 Cosa cambia con Biden presidente degli Stati Uniti

Joe Biden ha vinto le elezioni presidenziali Usa contro Donald Trump dopo aver conquistato i 20 grandi elettori della Pennsylvania che gli hanno aperto le porte della Casa Bianca. Ma cosa cambia ora con il nuovo presidente? Dagli accordi sul clima alla pandemia di Covid-19, dalla politica estera all’Obamacare, ecco tutte le azioni che il democratico ha intenzione di mettere in atto.

07 Novembre 17:27 Cnn: Joe Biden eletto Presidente degli Stati Uniti

Joe Biden è stato eletto Presidente degli Stati Uniti. Biden ha conquistato la Pennsylvania ed è il 46mo presidente degli Stati Uniti secondo le proiezioni di Cnn.

07 Novembre 17:24 Trump twitta: “Ho vinto queste elezioni, e di molto”

"Ho vinto queste elezioni, e di molto". Lo ha twittato Donald Trump mentre lo scrutinio è ancora in corso e, anche se ancora non è stato dichiarato un vincitore, manca davvero poco per poter annunciare Biden come prossimo presidente americano.

07 Novembre 16:07 Joe Biden in Pennsylvania avanti di 28.000 voti: è a +0,5%

Joe Biden continua ad allungare in Pennsylvania, dove adesso è avanti di quasi 29.000 voti, per l'esattezza 28.883. L'ex vicepresidente è al 49,6%, Donald Trump invece al 49,1%. La legge dello Stato prevede un nuova conta nel caso in cui il margine di scarto fra i due candidati sia inferiore allo 0,5% dei voti totali.

07 Novembre 15:35 Washington Post: Trump si prepara alla sconfitta ma senza concedere la vittoria

Donald Trump si prepara a una possibile sconfitta ma non a concedere la vittoria a Joe Biden. Negli ultimi giorni i consiglieri del presidente avrebbero cercato di convincerlo a rilasciare un dichiarazione per impegnarsi a una transizione pacifica nel caso perdesse. Al momento, riporta il Washington Post, non è previsto invece nessun discorso per concedere una possibile vittoria a Biden. Per far andare giù il boccone amaro a Trump il suo staff sta premendo sul fatto che l'elezione non è stato un referendum su di lui, cercando di rendere così la sconfitta più dolce. Fra le molte incertezze sulla possibile reazione del tycoon se la sconfitta dovesse materializzarsi c'è quella di un suo rifiuto di lasciare la Casa Bianca. Un'ipotesi ritenuta "altamente improbabile" da fonti repubblicane: la strada più probabile è che Trump lasci senza concedere la vittoria.

07 Novembre 15:19 Commissione elettorale federale: “Non c’è alcuna prova che ci siano stati brogli”

"Non c'è alcuna prova che ci siano stati brogli" o "voti illegali" alle elezioni americane. Lo dice Ellen Weintraub, componente della Commissione elettorale federale, alla Cnn. Weintraub ha parlato di "pochissime denunce" di eventuali scorrettezze, ma nessuna di queste suffragata da prove.

07 Novembre 14:57 Il numero due della campagna elettorale di Biden: “Happy Saturday, accadrà oggi”

"Happy Saturday, accadrà oggi": cosi il numero due della campagna elettorale di Joe Biden, sembra anticipare che il candidato democratico potrebbe oggi ricevere l'investitura ufficiale per la Casa Bianca. A momenti sono attesi nuovi dati dalla Pennsylvania, che potrebbero dare un'importante indicazione: l'allungo dell'ex vicepresidente potrebbe spingere il vantaggio di Biden a superare lo 0,5%, azzerando quindi la necessità di un riconteggio obbligatorio delle schede e dunque preparando il terreno all'assegnazione definitiva dello Stato e della Casa Bianca. Nella contea di Allegheny, area prevalentemente democratica che include Pittsburgh, le schede per posta scrutinate in queste ore hanno sostenuto in maniera schiacciante Biden.

07 Novembre 14:40 Trump: “In quelle ore successe cose brutte, nei seggi porte bloccate e finestre coperte”

"Decine di migliaia di voti illegali sono stati ricevuti dopo le ore 20 dell'Election Day, cambiando i risultati in Pennsylvania e in altri Stati". Lo scrive in un tweet Donald Trump, sottolineando che a chi era chiamato a monitorare i voti non è stato consentito di farlo per decine di migliaia di schede. "Questo potrebbe cambiare il risultato in molti Stati, inclusa la Pennsylvania, che tutti pensavamo fosse stata vinta facilmente per poi vedere il vantaggio sparire senza poter monitorare per lunghi intervalli temporali cosa stava accadendo" nei seggi. "Durante quelle ore qualcosa di brutto è accaduto. Le porte sono state bloccate e le finestre sono state coperte in modo che chi doveva monitorare non ha potuto farlo".

07 Novembre 13:56 Arizona, Georgia, Nevada e Pennsylvania: quando sapremo qualcosa da questi stati chiave

Sono passati quattro giorni dalle elezioni presidenziali americane ma ancora non abbiamo i risultati finali per dire chi sarà il prossimo inquilino della Casa Bianca. Alcuni stati chiave sono ancora in bilico e sono quelli che determineranno il risultato delle elezioni. Questi stati sono: Arizona, Georgia, Nevada e Pennsylvania. Ecco cosa aspettarsi da questi quattro stati oggi:

Pennsylvania

Ci sono 89.282 voti rimasti da contare in tutto lo stato, ovvero circa il 3,39% di tutte le schede elettorali arrivate per posta. A Filadelfia, secondo un funzionario della città, stanno ancora controllando le ultime 20.000-25.000 schede per posta. Nella Contea di Allegheny il lavoro di oggi si concentrerà in gran parte sulle 29.000 schede "errate", che contengono alcuni "errori". Non è disponibile alcun aggiornamento sulla durata del processo e non è possibile sapere quando la contea rilascerà i nuovi risultati.

Georgia

Dovrebbero esserci circa 12.770 schede ancora in sospeso in tutto lo stato.

Arizona

Secondo il segretario di stato, sono rimasti 173.000 voti da contare in tutto lo stato. Sono incluse 47.000 schede provvisorie che non possono essere conteggiate fino a martedì.

Nevada

Il direttore del Segretario di Stato per le comunicazioni Jennifer Russell ha detto alla CNN che ci sono 124.500 voti in sospeso nello stato. Il 90% delle schede da conteggiare si trova nella contea di Clark.

07 Novembre 13:09 McConnell, capo dei repubblicani al Senato: “Se Biden vince il trasferimento del potere sarà pacifico”

Il trasferimento del potere sarà "pacifico" se Joe Biden dovesse vincere le elezioni. Lo ha detto il capogruppo dei repubblicani al Senato, Mitch McConnell, parlando con i giornalisti in Kentucky, dove è stato confermato al Congresso. "Certamente. Abbiamo una storia di trasferimento pacifico del potere che risale al 1792. Ogni quattro anni siamo passati a una nuova Amministrazione", ha dichiarato il senatore, mentre Trump continua ad accusare i democratici di aver "rubato" le elezioni, annunciando di voler ricorrere alla Corte suprema.

07 Novembre 12:48 Eric Trump, il figlio del presidente USA: “I numeri in vari stati non tornano”

Donald Trump, presidente degli Stati Uniti d'America (Getty).
in foto: Donald Trump, presidente degli Stati Uniti d’America (Getty).

Eric Trump, uno dei figli del presidente americano, continua ad accusare i democratici di brogli elettorali. "C'è qualcosa di seriamente sbagliato con alcuni numeri in vari Stati", ha twittato l'imprenditore, sottolineando di essere molto "sospettoso riguardo le macchine elettroniche utilizzate per votare".

Ieri Eric Trump, insieme al fratello Donald junior, si è scagliato contro il Partito repubblicano, accusandolo di non sostenere abbastanza il presidente nella sua battaglia per la riconferma alla Casa Bianca. "I nostri elettori non dimenticheranno mai se vi comporterete da pecore!", ha scritto in un tweet.

07 Novembre 12:42 Nevada, Biden è in testa con più di 20mila voti di vantaggio

Tra gli stati ancora da assegnare c'è il Nevada, che vale 6 grandi elettori: le schede scrutinate sono attualmente al 92%. Lo stato scelse nel 2016 votò a maggioranza per Hillary Clinton. Attualmente in Nevada il candidato democratico Joe Biden è ancora avanti con il 49,7% dei consensi, contro il 48,1 di Trump. Uno scarto di circa 20.100 voti.

In Nevada i sostenitori del presidente americano Donald Trump stanno protestando davanti al centro dove si effettua lo spoglio delle schede a Las Vegas. "Stop al furto di voti in Nevada", recita su un cartello.

07 Novembre 12:25 Quanto hanno speso Biden e Trump per la campagna elettorale

Al quarto giorno dopo l'Election Day, mentre lo spoglio degli ultimi voti degli Stati americani in bilico prosegue a rilento, la una società statunitense S&P Global ha pubblicato un rapporto che mette in evidenza il modo in cui i due candidati hanno utilizzato le ingenti risorse a disposizione per la loro compagna elettorale. Se Biden ha speso 249,9 milioni di dollari per finanziare i tradizionali spot televisivi, Donald Trump ha speso 174,6 milioni di dollari per lo stesso scopo. I repubblicani hanno investito di più sul digitale, toccando i 201,4 milioni contro i 166,1 milioni dei democratici.

Il rapporto precisa anche su quali mercati le campagne dei due candidati hanno investito più denaro per conquistare voti. In cima alla classifica c'è Phoenix, in Arizona, uno dei ‘battleground States'. Tre dei primi cinque mercati, inoltre, riguardano la Florida e quattro dei primi 15 la Pennsylvania, un altro degli Stati ancora in bilico.

07 Novembre 11:04 Biden vicino alla vittoria, Conte: “Relazioni con Usa restano pilastro nostra azione internazionale”

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, commentando al Corriere della Sera il possibile approdo di Joe Biden alla Casa Bianca, ha detto: "Le relazioni fra Italia e Usa continueranno a costituire un pilastro della nostra azione internazionale, a prescindere dall'esito elettorale. Oggi più che mai dobbiamo lavorare insieme per superare le complesse sfide che ci attendono".

"Attendiamo con rispetto e fiducia la conclusione del complesso processo elettorale. Gli Usa hanno dimostrato ancora una volta la grande vitalità della loro democrazia, a conferma di quei valori comuni su cui è fondato il rapporto transatlantico".

07 Novembre 10:23 Consiglieri della Casa Bianca invitano Trump ad accettare la sconfitta

Il Washington Post racconta che i consiglieri della Casa Bianca hanno suggerito a Trump di accettare sconfitta. Fonti dell'amministrazione Usa hanno riferito che lo staff del presidente non avrebbe ancora delineato un piano di azione dinanzi a una proclamazione di Joe Biden come vincitore. Ma i familiari e più stretti collaboratori di Trump sostengono che debba portare avanti la sua battaglia per contestare la validità del risultato. Dei 270 voti necessari per entrare alla Casa Bianca, Biden ne ha già conquistati 253, mentre Trump è a a 214.

Al momento Biden è in vantaggio negli stati non ancora assegnati, ma lo scarto tra i due non è abbastanza ampio. Il vantaggio di Biden sembra consolidarsi in Pennsylvania (20 grandi elettori), con circa 28 mila voti in più, e in Nevada (6 grandi elettori), 23 mila voti. Più stretto il distacco dell'ex vice presidente in Georgia (16 grandi elettori), circa 7mila voti. Qui è stato già annunciato un riconteggio delle schede. In Arizona (11 grandi elettori) Biden è al 49,6 per cento e Trump al 48,6 per cento.

07 Novembre 10:01 Georgia, aumenta il vantaggio di Biden: è avanti di oltre 7mila voti

Aumenta il vantaggio di Joe Biden su Donald Trump in Georgia, uno dei sei stati ancora da assegnare, che potrebbe essere decisivo per determinare la vittoria del canididato dem. Le autorità locali hanno però già annunciato un riconteggio delle schede perché il margine tra i due è troppo ridotto.

La Cnn ha segnalato che al momento Biden è avanti nello spoglio di 7.248 voti rispetto ai 4.430 dell'ultimo aggiornamento. In Georgia i democratici hanno vinto l'ultima volta alle elezioni presidenziali nel 1992, candidato Bill Clinton. Da solo non basta a Biden per raggiungere i 270 voti necessari, ne servirebbe un altro, e il candidato democratico è avanti anche in Arizona (29.861 di vantaggio), Nevada (avanti di 22.657 voti) e in Pennsylvania (28.833 voti di vantaggio).

Qui i repubblicani sperano anche nel voto dei militari per ribaltare la situazione e assicurarsi i 16 grandi elettori dello stato. Sono infatti migliaia le schede inviate dai militari che si trovano all'estero che ancora devono essere conteggiate e che si ritiene possano favorire il presidente degli Stati Uniti.

07 Novembre 08:57 I risultati definitivi delle Elezioni USA in diretta

Biden è a un passo dalla Casa Bianca. Nel quarto giorno di spoglio il candidato democratico Joe Biden è avanti in Nevada, Pennsylvania, Arizona e Georgia. Da assegnare ci sono ancora 71 punti: chi vince in Pennsylvania si aggiudica 20 grandi elettori, la Georgia ne assegna 16, il North Carolina 15, il Nevada 6, l'Alaska 3, e l'Arizona 11. Nella situazione attuale Biden può contare su 253 grandi elettori, mentre Donald Trump ne ha 214.

Al momento In Pennsylvania il vantaggio di Biden su Trump è di 29 mila voti. Con il 96% delle schede scrutinate, il candidato dem è al 49,6% contro il 49,1% del capo della Casa Bianca. Gli basta vincere in Pennsylvania per diventare presidente. Oppure gli basta aggiudicarsi l'Arizona e il Nevada, oppure la Georgia più un altro stato qualsiasi. Al momento non ci sono tempi certi, per contare tutte le schede potrebbero servire giorni. La legge della Pennsylvania prevede un riconteggio delle schede in caso di margine tra candidati inferiore allo 0,5%. Lo stesso è previsto in Georgia, dove con un margine di 0,5%, un candidato può esigere il ricomputo delle schede. In Alaska ancora il conteggio è al di sotto il 50% delle schede, e i numeri dei voti postali saranno forniti solo il 10 novembre. Ma lo stato sarà assegnato senza sorprese ai repubblicani, e non sarà determinante per determinare l'esito della gara: qui Biden ha appena il 33% dei voti, contro il 62,9% di Trump.

Continuano le denunce di brogli da parte di Trump

Dopo un ricorso presentato dal Partito Repubblicano della Pennsylvania, il giudice della Corte suprema Samuel Alito ha ordinato ai funzionari elettorali di contare in modo separato le schede ricevute dopo l'Election Day, cioè tra il 4 e il 6 novembre. Nella sua ordinanza, Alito ha affermato che la Corte "non è stata informata del fatto che le linee guida emesse il 28 ottobre fossero state modificate". Continuano le polemiche e le accuse di brogli lanciate da Trump, che sembra voler andare avanti a colpi di battaglie legali e ricorsi stato per stato.

Il discorso di Biden alla Nazione

Biden ha fatto un discorso alla Nazione, parlando da vincitore: "La mia responsabilità come presidente sarà quella di rappresentare l'intera nazione e voglio che sappiate che lavorerò tanto per coloro che hanno votato contro di me tanto quanto per quelli che hanno votato per me", ha detto parlando a Wilmington in Delaware. "Supereremo i 300 grandi elettori", ha assicurato. La quota per essere eletti alla Casa Bianca è di 270. "Vinceremo questa gara con una chiara maggioranza", aggiungendo che, per ora, non dichiarerà formalmente la vittoria. "Il vostro voto sarà contato. Non mi interessa quanto tenteranno di impedirlo. Non ci riusciranno". L'ex vice presidente si è detto fiducioso sul verdetto della Pennsylvania, dell'Arizona e del Nevada: "Guardate cosa è successo da ieri. Ventiquattro ore fa eravamo dietro in Georgia, ora siamo avanti e vinceremo lo stato e stiamo vincendo anche in Arizona e in Nevada".

Positivo al Covid il capo gabinetto della Casa Bianca

Il capo dello staff della Casa Bianca, Mark Meadows, è risultato positivo coronavirus. Lo riportano alcuni media Usa. Meadows è stata una delle pochissime persone a restare al fianco di Donald Trump quando il presidente americano ha contratto a sua volta il virus ed era in isolamento alla Casa Bianca. I due sono spesso rimasti insieme a lavorare nella stessa stanza anche nell'ospedale in cui Trump è stato ricoverato. Oltre a lui almeno altri quattro membri dello staff presidente sono risultati positivi al Covid. Ora si teme un focolaio, perché Meadows, ex parlamentare della Carolina del Nord, il giorno delle elezioni era insieme a Donald Trump al quartier generale della campagna elettorale, in presenza di una folla persone senza mascherine. Immagini che girano sui social lo ritraggono tra i 250 invitati al party della Casa Bianca la notte dell'Election Day.