650 CONDIVISIONI
20 Gennaio 2017
12:16
AGGIORNATO20 Gennaio

Donald Trump si è insediato ufficialmente alla Casa Bianca

650 CONDIVISIONI

A mezzogiorno, ora locale, le sei del pomeriggio in Italia, il neo-presidente degli Stati Uniti d'America Donald Trump si è insediato formalmente alla Casa Bianca, dando vita al nuovo corso presidenziale. Finiscono così gli otto anni di amministrazione Obama. Proteste in tutti gli Usa.

In evidenza
18:32

Il discorso di Trump: "Oggi trasferiamo il potere da Washington a popolo"

Da oggi in po, "dobbiamo ricostruire il paese". Così Donald Trump ha iniziato il suo primo discorso da presidente degli Stati Uniti. "Ci saranno sfide, ma porteremo a casa risultati", ha aggiunto. Subito dopo ha ringraziato "il presidente Obama e al first lady Michelle": "Sono stati magnifici, grazie".

"La cerimonia di oggi ha un significato speciale – ha proseguito Trump – non stiamo solo trasferendo il potere da un partito a un altro, ma lo stiamo passando da Washington D.C. e lo stiamo dando a voi, il popolo. Da oggi cambia tutto, da qui cambia tutto, perché questo momento è il vostro momento". Trump ha poi sottolineato che "fino a questo momento l'establishment ha protetto se stesso, ma non i cittadini della sua nazione".

"Questo momento è vostro, appartiene a voi", ha aggiunto ancora il neopresidente": "E' il vostro giorno, la vostra cerimonia, e gli Usa sono il vostro paese. Ciò che davvero importa non è il partito al governo, ma se il governo è controllato dal popolo. Da oggi sarete di nuovo i veri legislatori. Non sarete più dimenticati. Da oggi sarete di nuovo i veri legislatori. Non sarete più dimenticati. Decine di milioni di persone vogliono far parte di un movimento storico, che il mondo non aveva mai visto. Ma troppi dei nostri cittadini vivono intrappolati nella povertà, imprese che chiudono, l'istruzione che viene meno. E anche i crimini, le droghe che mietono vittime e ci tolgono tanto potenziale. Tutto questo finisce adesso, in questo momento".

"Da oggi in poi sarà solo ‘America first', prima l'America" del resto del mondo, ha dichiarato Trump: "Per decenni abbiamo chiuso alle nostre imprese e non difeso i nostri confini, spendendo all'estero mentre le nostre infrastrutture crollavano e la fiducia nel nostro paese spariva. La middle class è stata tagliata fuori dalla redistribuzione della ricchezza. Ma questo è il passato, ora gurdiamo al futuro".

L'America, ha detto Trump, "riprenderà a vincere come mai prima", "costruiremo nuove autostrade, ponti, stazioni ferroviarie in tutta la nostra grandiosa nazione". "Non c'è paura, saremo sempre protetti dalle forze dell'ordine di questo Paese. E, più importante, da Dio. Infine, dobbiamo pensare e sognare in grande. L'America vive solo se lotta", ha aggiunto il neo presidente, che ha anche promesso "l'eliminazione del radicalismo islamico dal mondo". Poi ha concluso: "Renderemo l'America più forte. Dio benedica voi e gli Stati Uniti d'America".

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
21:26

Il discorso di insediamento di Trump è il più breve dai tempi di Carter

Secondo i dati di "American Presidency Project", il discorso di insediamento del presidente Donald Trump è stato il più breve dai tempi di Jimmy Carter, nel 1977. Trump ha pronunciato 1.433 parole contro le 2.096 pronunicate dal predecessore Barack Obama nel 2013 e le 2.395 nel 2009. Il discorso di insediamento più lungo è quello di Ronald Reagan nel 1985 per il suo secondo mandato, con 2.561 parole. Nel 1977, Carter pronunciò 1.229 parole.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
20:24

Proteste a Washington contro Trump: oltre 90 arresti

Sarebbero al momento circa novanta gli arresti effettuati in seguito alle proteste in corso a Washington nel giorno dell'insediamento di Donald Trump. Lo riporta la stampa statunitense.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
19:01

L'account Twitter ufficiale del presidente Usa passa a Donald Trump

L'account Twitter ufficiale del presidente Usa – @Potus – è passato da Barack Obama a Donald Trump.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
18:09

La polizia sgombera i manifestanti: "Hanno frantumato tutto e sono andati via"

Circa un centinaio di manifestanti sono stati sgomberati dalla polizia in assetto anti-sommossa. Non lontano dalla Casa Bianca, a ridosso della cerimonia di giuramento di Donald Trump, numerosi focolai di protesta sono stati sedati dalle forze dell'ordine dispiegate in tutta la capitale federale. Numerosi i danni, ma non gravi: sostanzialmente al momento si contano alcune vetrine spaccate, ma nulla di strutturale. "Erano circa un centinaio, hanno frantumato tutto e sono andati via rapidamente", ha raccontato un negoziante. Indiscrezioni sostengono che nel corso delle ultime ore siano stati effettuati numerosi fermi e molti manifestanti siano stati arrestati.

A cura di Charlotte Matteini
20 Gennaio
18:03

Trump ha giurato: è il quarantacinquesimo presidente Usa

Donald Trump ha prestato giuramento: è ufficialmente il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
17:57

Il vicepresidente Mike Pence ha giurato

Mike Pence ha prestato giuramento: è ufficialmente il nuovo vicepresidente della Casa Bianca.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
17:55

Attivisti anti Trump offrono marijuana in strada

Mentre procede la cerimonia d'inaugurazione della presidenza Trump, centinaia di attivisti contrari al neo presidente si sono riuniti vicino a Dupont place a Washington per manifestare per la legalizzazione della marijuana. La protesta è stata organizzata dal gruppo Dcmj che ha difeso la legalizzazione della marijuana a Washington.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
17:43

Donald Trump è arrivato al Campidoglio

Donald Trump è arrivato alla cerimonia d'inaugurazione. Il neo presidente ha stretto la mano a Barack e Michelle Obama e salutato la folla. Subito dopo c'è stato il discorso del capo del comitato dell'organizzazione e poi le preghiere.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
17:33

Obama fa il suo ingresso in balconata

Barack Obama e Joe Biden sono arrivati sulla balconata. Insieme a loro, i leader del Congresso. Obama e Biden si sono soffermati a salutare i figli di Donald Trump.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
17:12

Proseguono le proteste anti-Trump: manifestanti a volto coperto si scontrano con polizia

Proseguono le proteste a Washington. Un gruppo di manifestanti, vestiti di nero e con il volto coperto, si stanno scontrando con la polizia in assetto anti-sommossa. Si segnalano danni e vetrine infrante a colpi di mazza. Alcuni manifestanti esibiscono un cartello con scritto ‘Make racist afraid again’, rifacendosi allo slogan usato Donald Trump in campagna elettorale "Make America great again".

La polizia ha usato lo spray al peperoncino contro i manifestanti nel centro di Washington.

A cura di Charlotte Matteini
20 Gennaio
17:09

Hillary Clinton: "Non smetterò mai di credere nel nostro paese e nel suo futuro"

"Sono qui oggi per onorare la nostra democrazia e i suoi eterni valori. Non smetterò mai di credere nel nostro paese e nel suo futuro". L'ha scritto su Twitter Hillary Clinton, poco prima dell'inizio del giuramento del neopresidente degli Stati Uniti Donald Trump.

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
16:37

Famiglia Trump arrivata a Capitol Hill: a breve il giuramento

La famiglia Trump è arrivata al Capitol Hill, dove il neo-presidente degli Stati Uniti d'America giurerà per poi insediarsi e diventare ufficialmente il 45° presidente americano.

Presenti la figlia Ivanka e il marito Jared Kushner, la moglie Melania e anche il figlio minore Barron, unico assente nei primi due eventi della cerimonia inaugurale.

A cura di Charlotte Matteini
20 Gennaio
16:26

Vietate le banane per questioni di sicurezza: si teme possano essere lanciate contro Trump

Per questioni di sicurezza, nella tribuna del giuramento non saranno ammessi ombrelli tascabili. Ai controlli col metal detector la polizia sta provvedendo a sequestrarne molti, perché in un primo momento indiscrezioni i piccoli ombrelli sembravano essere permessi. Vietate anche le banane: si teme che possano essere lanciare contro il neo presidente.

A cura di Charlotte Matteini
20 Gennaio
16:19

Cortei di protesta a Washington contro Trump: due fermati

Mancano poco più di due ore al giuramento del neo-presidente degli Stati Uniti d'America Donald Trump, ma già si assiste a diversi cortei di protesta nel centro di Washington. Nel corso delle ultime ora, piccoli gruppi sparsi hanno inscenato manifestazioni pacifiche per contestare l'insediamento di Trump. Al momento sono due i fermi effettuati nel centro della capitale dalle forze dell'ordine.

A cura di Charlotte Matteini
20 Gennaio
15:45

Obama ha lasciato lo Studio Ovale per l'ultima volta

Barack Obama ha lasciato per l'ultima volta lo Studio Ovale. Con lui il vice presidnete Joe Biden accompagnato dalla moglie. A breve il presidente e il vice presidente riceveranno Donald Trump e Melania. "È stato il piu' grande onore della mia vita servirvi", ha scritto Obama su Twitter salutando gli americani. "Avete fatto di me un leader migliore e un uomo migliore".

"Non mi fermerò, sarò qui con voi come cittadino, ispirato dalle vostre voci di verità e di giustizia, di buon umore e di amore", ha aggiunto Obama nel suo ultimo tweet da presidente degli Stati Uniti. "Vi chiedo ancora di credere, non sulla mia capacità di generare il cambiamento, ma nella vostra. Io credo nel cambiamento perché credo in voi".

A cura di Claudia Torrisi
20 Gennaio
12:16

Donald Trump si insedia ufficialmente alla Casa Bianca

Da oggi, 20 gennaio 2017, gli Stati Uniti d'America vedranno succedere a Barack Obama il nuovo presidente Usa Donald Trump, eletto lo scorso 13 novembre 2016. A mezzogiorno, ora locale, più o meno le 18 in Italia, Trump giungerà per il tradizionale giuramento, cui seguirà il formale insediamento del 45simo presidente degli Stati Uniti d'America. La cerimonia, secondo indiscrezioni, costerà circa 200 milioni di dollari e al momento risulta essere la più costosa della storia degli Usa. Le misure di sicurezza messe in campo sono imponenti e si prevede prenderanno parte alla manifestazione circa 900.000 persone. "Per ora è stato tutto perfetto, ma il grande momento arriverà domani, intorno alle 12. E non fa niente se pioverà: la gente realizzerà che i miei capelli sono veri", ha dichiarato Trump alla vigilia dell'insediamento, sottolineando che il suo obiettivo sarà quello di portare negli Stati Uniti un reale cambiamento.

 

"Sarà un governo fantastico. Sono molto orgoglioso delle mie scelte", ha spiegato poi Trump rivendicando le nomine finora annunciate, che però sembrano non incontrare il favore del Senato, che al momento risulta averne approvate solamente 2 su 15. Per quanto riguarda la macchina ministeriale, invece, dei 660 posti da riempire, risultano coperte solo 29 caselle – in più Trump ha annunciato all'ultimo minuto che per favorire la continuità di governo, lascerà ai propri posti circa 50 funzionari dell'amministrazione Obama – e per questo motivo i media oltreoceano parlano di "transizione caotica" e rilevano alcune criticità.

Nelle ore precedenti all'insediamento del neo-presidente degli Stati Uniti d'America numerose sono le manifestazioni di protesta organizzate a Washington e in tutti gli Usa. Alla vigilia della cerimonia sono stati registrati tafferugli e tensioni nella capitale, a New York è andata in scena una grande manifestazione anti-Trump, la prima di una lunga serie da tempo annunciata, ma le preoccupazioni delle forze dell'ordine sono più che altro concentrate sugli eventi in programma a Washington nella giornata di oggi. Sono infatti almeno una ventina le manifestazioni annunciate nella sola capitale federale degli Stati Uniti proprio in concomitanza con la cerimonia di insediamento del neo-presidente, manifestazioni che si teme possano creare problemi di ordine pubblico e che saranno soprattutto replicate in tutti i 50 Stati Usa.

La più imponente sarà senz'altro la "Women's March on Washington", organizzata via Facebook dall'avvocatessa Teresa Shook, prevista per sabato 21 gennaio con partenza da Indipendence Avenue, vicino al Congresso. In arrivo con 1200 pullman, sono migliaia di donne che si sono date appuntamento per marciare verso Washington e in questo modo contestare sin dal primo giorno il nuovo corso presidenziale: "La retorica del passato ciclo elettorale ha insultato, demonizzato e minacciato molti tra noi – immigrati di tutti i tipi, musulmani e gente di diverse fedi religiose, coloro che si identificano come Lgbtqia, nativi americani, afro-americani, gente con disabilità e che è sopravvissuta ad attacchi sessuali – le nostre comunità sono colpite e terrorizzate”, si legge nell'annuncio pubblicato su Fb. 

A cura di Adriano Biondi
650 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni