27 Gennaio 22:45 Di Battista: “Di Maio premier? Lui direbbe di no, ha già avuto due occasioni”

"Di Maio premier? È una boutade, lui direbbe di noi. Ha avuto due occasioni per essere premier, ne sono testimone oculare": lo ha detto Alessandro Di Battista ad Accordi e Disaccordi.

27 Gennaio 22:31 Castelli: “Il M5s è tutto compatto attorno a Conte”

"Serve dare al Paese, velocemente, un Governo nella pienezza delle funzioni. E il MoVimento 5 Stelle è tutto compatto attorno al Presidente Conte": lo scrive la viceministra dell'economia, Laura Castelli.

27 Gennaio 22:27 Di Battista: “Paese oggi non sta bene, è disonesto minarlo. Renzi resti fuori dalla porta”

L'esponente del Movimento Cinque Stelle Alessandro Di Battista, ospite della trasmissione "Accordi e Disaccordi" su Nove, afferma di augurarsi che Giuseppe Conte si presenti come candidato premier M5s-Pd alle prossime elezioni. Di Battista commenta anche l'attuale situazione politica: "Il Paese non sta bene, oggi è disonesto minarlo, Mi rivolgo anche ai parlamentari di IV, perché per me Renzi è una "cosa", non è neanche un mio problema. Per me Renzi deve restare fuori dalla porta"

27 Gennaio 22:17 Come cambiano i numeri in Senato con il gruppo di Responsabili

In Senato è nato ufficialmente il gruppo dei responsabili pronti a sostenere un Conte ter. Si chiama Europeisti-Maie-Centro Democratico e conta su 10 senatori. Ma questo non cambia gli equilibri a Palazzo Madama, in quanto si tratta di senatori che avevano già votato la fiducia a Giuseppe Conte lo scorso 19 gennaio. Anche aggiungendo un ultimo fuoriuscito da Forza Italia (Luigi Vitali) e un senatore M5s assente il giorno del voto a causa Covid, si arriverebbe a 158. Non abbastanza per la soglia della maggioranza assoluta, fissata a 161.

27 Gennaio 21:56 Bordo (Pd): “Italia Viva la smetta di giocare e pensi seriamente all’Italia”

"Dopo aver aperto una crisi al buio in piena pandemia, ora Italia Viva prova a destabilizzare i partiti della maggioranza con la Bellanova che candida Di Maio a Palazzo Chigi e la Boschi che propone Gentiloni. Nel frattempo dicono pure di non porre nessun veto su Conte. Quanto dobbiamo aspettare ancora perché Italia Viva la smetta di giocare per cominciare seriamente a pensare all’Italia?": lo ha detto il vicecapogruppo del Pd alla Camera, Michele Bordo.

27 Gennaio 21:38 Il senatore Vitali lascia Forza Italia per sostenere Conte

"Cari colleghi, come doverosamente comunicato alla presidente, ho preso la decisione di sostenere il professor Conte. Ho espresso sempre la mia perplessità sulla situazione attuale: è stato un onore lavorare con voi": lo ha detto il senatore di Forza Italia, Luigi Vitali, ai colleghi di Palazzo Madama.

27 Gennaio 21:25 M5s: “Atteggiamento di Renzi ancora incomprensibile e scellerato”

"Prendiamo atto che Matteo Renzi è tornato ad avere lo stesso atteggiamento che ha portato a una crisi incomprensibile e scellerata. La complessità e delicatezza dell'attuale fase politica dovrebbe richiamare tutte le forze politiche alla responsabilità, per il bene dei cittadini italiani": lo ha scritto il Movimento Cinque Stelle in una nota. "Un comportamento che il M5S sta tenendo, insieme ad altre forze politiche. Evidentemente a tutto questo il senatore di Italia Viva non è interessato", si legge ancora.

27 Gennaio 21:15 Marcucci (Pd): “Ci sono le condizioni per maggioranza solida in Parlamento, nessun veto a Iv”

"Ci sono le condizioni per una maggioranza sufficientemente solida nelle aule parlamentari e, come ha detto Zingaretti in modo opportuno, senza veti verso Italia Viva. Il Pd sostiene un reincarico a Conte in una chiave più marcatamente europeista": così il capogruppo dem al Senato, Andrea Marcucci, registrando la puntata di Porta a Porta su Rai1.

27 Gennaio 21:10 Landini (Cgil): “Folle ipotesi di andare al voto ora”

"Io spero che questo Paese possa avere rapidamente un governo nel pieno delle sue funzioni. Trovo folle l'ipotesi di andare al voto e che non si affrontino i veri problemi che abbiamo di fronte. La gente comune non capisce perché non si affrontano seriamente i problemi del Paese e il voto non è la soluzione": lo ha detto il segretario della Cgil, Maurizio Landini, ospite alla trasmissione Otto e mezzo su La7.

27 Gennaio 20:59 Richetti (Azione): “Margini per un governo di unità nazionale ampissimi, ma non con Conte”

"I margini per un Governo di unità nazionale sono enormi, ma non con Conte, Bonafede o quello che c'è. Si metta in campo una responsabilità vera": lo ha detto l'esponente di Azione, Matteo Richetti.

27 Gennaio 20:34 Salvini: “Berlusconi al Governo con Pd-M5S? Rifiuto io per lui, gli voglio troppo bene”

Matteo Salvini esclude categoricamente che Forza Italia possa entrare nella maggioranza dimissionaria, sostituendo di fatto Italia Viva nei numeri: "Mi rifiuto di pensare a un governo Pd-5 Stelle-Leu Boldrini e Forza Italia", ha detto il leader della Lega durante un convegno sulla Giornata della Memoria. "Mi rifiuto io a nome di Forza Italia per il bene che voglio a Silvio Berlusconi, al suo partito e per l'idea del centrodestra che governa la maggioranza dei comuni e delle regioni nel Paese. La domanda non è con chi, ma per fare cosa".

27 Gennaio 20:19 M5S: “Chi dice Di Maio premier vuole delegittimarlo per avere un governo tecnico”

Fonti del Movimento 5 Stelle attaccano chi ha parlato di Di Maio come prossimo presidente del Consiglio: "Luigi è una figura di riferimento e una risorsa per il Movimento, ma mettere in mezzo il suo e altri nomi in questo modo, in questo momento, è un chiaro tentativo di delegittimarlo". Il riferimento è alle dichiarazioni di alcuni esponenti politici, tra cui Teresa Bellanova. "Noi non ci caschiamo ma, ad essere maliziosi, viene da pensare che questa operazione sia pensata da chi ha come obiettivo finale quello di arrivare a un governo tecnico".

27 Gennaio 19:58 Salvini: “Conte parentesi del passato, se si fa da parte noi ci siamo”

"A mio modesto avviso Conte non avrà i numeri per andare avanti e quindi da venerdì sarà una parentesi del passato": lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini a margine di un convegno sulla Giornata della memoria. Ribadendo che il centrodestra è pronto, se Conte si facesse da parte, ad assumere il governo: "Se c'è la possibilità di usare questi due anni per fare la riforma della giustizia, fiscale, l'azzeramento del codice appalti…".

27 Gennaio 19:52 Se si andasse ora al voto vincerebbe il centrodestra

Se si andasse ora a elezioni vincerebbe il centrodestra. Lo afferma la Supermedia di YouTrend, che riunisce i risultati dei principali sondaggi della settimana. Al 21 gennaio, con Italia Viva fuori dalla maggioranza, le forze politiche del governo dimissionario otterrebbero il 41,4% contro il 48,5% dell'opposizione di centrodestra.

27 Gennaio 19:40 Dalla direzione del Pd sì unanime alla relazione di Zingaretti

Dalla direzione nazionale del Partito democratico, riunita questo pomeriggio in via telematica per fare il punto sulla situazione politica e sulla crisi di governo, ha espresso all'unanimità un voto favore sulla relazione del segretario Nicola Zingaretti. Il quale ha ribadito il sostegno dei dem a Giuseppe Conte: "Pertanto dà mandato alla delegazione del Partito democratico di proporre al presidente della Repubblica di conferire l'incarico al presidente Conte, raccogliendo il suo appello nella direzione della responsabilità nazionale, per superare la crisi politica determinata da scelte che noi abbiamo giudicato sbagliate e irresponsabili", si legge nella nota.

27 Gennaio 19:30 Boschi (Iv): “Senza di noi il nuovo governo Conte non ha possibilità”

un gruppo che nasce esclusivamente per sostenere Conte. Non trovando dieci senatori, il Pd ha prestato una senatrice. Ma non porta nemmeno un voto in più a un eventuale nuovo governo Conte. Il pallottoliere in Senato è fermo alla scorsa settimana. Nonostante Conte cerchi di aumentare i numeri per fare a meno di Iv, questi numeri non ci sono. Senza Iv non c'è possibilità del nuovo governo Conte": lo ha detto la capogruppo di Italia Viva a Montecitorio, Maria Elena Boschi, parlando al Tg4 riguardo al nuovo gruppo di europeisti formato oggi in Senato.

27 Gennaio 19:12 Toninelli (M5S): “No a Renzi, ma parliamo con i parlamentari di Italia Viva”

Il senatore del Movimento 5 Stelle ed ex ministro ai Trasporti del primo Governo Conte, Danilo Toninelli, ha aperto ai parlamentari di Italia Viva, con cui può esserci un dialogo. Porte chiuse invece, per il leader del partito che ha aperto la crisi di Governo: "Chi ha creato questo disastro non può essere chiamato a risolvere il problema".

27 Gennaio 19:08 I senatori di Cambiamo! smentiscono il coinvolgimento in nuovi gruppi parlamentari

I senatori di Cambiamo, formazione politica guidata dal presidente della Liguria Giovanni Toti, hanno dichiarato di non avere nessuna intenzione di aderire a nuovi gruppi parlamentari: "In merito a notizie di stampa circolate, smentiamo categoricamente ogni coinvolgimento di Cambiamo! nella formazione di nuovi gruppi parlamentari al Senato". I tre senatori sono Massimo Berutti, Gaetano Quagliariello e Paolo Romani.

27 Gennaio 18:58 Mattarella ha sentito Napolitano al telefono nel primo giorno di consultazioni

C'è stata una telefonata tra Mattarella e Napolitano nel primo giorno di consultazioni al Quirinale. Il presidente della Repubblica ha sentito al telefono il presidente emerito nell'ambito delle consultazioni seguite alle dimissioni di Giuseppe Conte da presidente del Consiglio.

27 Gennaio 18:51 Renzi: “L’Italia si sta giocando l’osso del collo: o risolviamo ora o siamo finiti”

"Proprio adesso si gioca il futuro del Paese": lo dice Matteo Renzi in un video messaggio su Facebook rispondendo a chi gli chiede se era proprio necessario aprire la crisi adesso. "L'Italia si sta giocando l'osso del collo: prima di una crisi politica c'è la crisi economica, sanitaria ed educativa. Questa è una situazione tragica ma si può ripartire. O li spendiamo adesso i soldi dell'Europa o sarà troppo tardi. O lo facciamo adesso o siamo finiti: è chiaro perché lo stiamo facendo adesso?", aggiunge il leader di Italia Viva. E ancora: "Non sono problemi che si risolvono con le poltrone. In Parlamento sta accadendo uno scandalo, noi siamo qui a dire che abbiamo rinunciato alle nostre poltrone perché vogliamo far prevalere le nostre idee. Per fare politica occorre studiare e fare delle proposte, quello è ciò che noi cerchiamo di fare. C'è solo una cosa che noi non ci possiamo permettere: è vivere questa crisi come se non fosse la più grande opportunità. Non non vogliamo buttarla via. Noi parliamo di contenuti, mentre  gli altri parlano di poltrone".

27 Gennaio 18:42 Crisi di governo, si chiude il primo giorno di consultazioni con Mattarella

È terminato il primo giorno di consultazioni, indette dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dopo che Giuseppe Conte ha rassegnato le proprie dimissioni dalla guida del governo. Il capo dello Stato oggi ha incontrato i vertici di Camera e Senato, rispettivamente Roberto Fico ed Elisabetta Casellati.

27 Gennaio 18:33 Fico lascia il Quirinale dopo le consultazioni: “Siamo tutti al lavoro per il bene del Paese”

"Siamo tutti al lavoro per il bene del Paese e auguro buon lavoro anche a voi": così il presidente della Camera Roberto Fico ai cronisti lasciando il Quirinale dopo le consultazioni con il capo dello Stato Sergio Mattarella.

27 Gennaio 18:25 Le deputate Aiello ed Ermellino entrano nel gruppo Misto Centro Democratico

"Dopo un confronto aperto sui temi e le proposte che abbiamo portato avanti fin dall'inizio del nostro mandato parlamentare, abbiamo deciso di aderire alla componente del Gruppo Misto Centro Democratico": lo hanno annunciato le deputate del gruppo Misto (elette nel Movimento Cinque Stelle) Piera Aiello e Alessandra Ermellino. Con questi nuovi arrivi la componente del Misto arriva a quota 15 deputati.

27 Gennaio 18:09 Ciampolillo: “Deciderò tra oggi e domani se sostenere Conte Ter”

"Deciderò tra oggi e domani. In questi giorni sto facendo le mie valutazioni, le mie scelte le saprete quando sarà il momento. Bisogna capire da chi sarà formato e sostenuto un eventuale Conte Ter": lo dice il senatore del gruppo Misto Lello Ciampolillo ospite della trasmissione Un Giorno Da Pecora su Rai Radio 1.

27 Gennaio 17:57 Il presidente della Camera, Roberto Fico, arriva al Quirinale per l’incontro con Mattarella

Il presidente della Camera, Roberto Fico, è appena arrivato al Quirinale per le consultazioni con il capo dello Stato, Sergio Mattarella, sulla crisi di governo.

27 Gennaio 17:45 Zingaretti: “Il Pd ha un nome per la guida del nuovo governo. Quello di Giuseppe Conte”

"Il Partito democratico esprime un nome come possibile guida di un nuovo governo. Quello di Giuseppe Conte. ma tutti dovranno compiere un atto di generosità, per essere all'altezza degli italiani": lo scrive su Twitter Nicola Zingaretti al termine della direzione nazionale del Pd.

27 Gennaio 17:38 La presidente del Senato Casellati esce dal Quirinale dopo l’incontro con Mattarella

La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha lasciato il Quirinale dopo l'incontro con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. A breve dovrebbero iniziare le consultazioni al Colle anche con il presidente della Camera, Roberto Fico.

27 Gennaio 17:17 Consultazioni, la presidente del Senato Casellati è arrivata al Colle: incontro in corso con Mattarella

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella e la Presidente del Senato Elisabetta Casellati
in foto: Il Capo dello Stato Sergio Mattarella e la Presidente del Senato Elisabetta Casellati

La presidente del Senato Casellati è arrivata al Quirinale poco prima delle 17, poi è iniziato l'incontro con il presidente della Repubblica Mattarella. È il primo colloquio delle consultazioni che dureranno fino a venerdì pomeriggio.

27 Gennaio 17:06 Centinaio (Lega): “Vogliamo governo di centrodestra anche con Renzi, se è un responsabile”

Gian Marco Centinaio, senatore della Lega, apre a Matteo Renzi e Italia Viva nel primo giorno di consultazioni: "Siamo disponibili a un governo di centrodestra con chi vuole fare un governo con i nostri responsabili – annuncia – Anche con Renzi se è responsabile e dice che vuole fare un governo con noi. Ma se è davvero responsabile".

27 Gennaio 16:48 Governo, le consultazioni al via dalle ore 17: come seguirle in streaming

Alle 17 iniziano le consultazioni del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Sarà possibile seguire in streaming gli incontri del Capo dello Stato direttamente sul sito del Quirinale o sul canale Youtube. Oggi pomeriggio sono in programma prima il colloquio con la presidente del Senato Casellati, poi quello con il presidente della Camera Fico.

27 Gennaio 16:44 Zingaretti: “Non vogliamo le elezioni, su Italia Viva nessun veto, ma un dubbio legittimo”

"Non abbiamo mai voluto o auspicato elezioni politiche anticipate e non le vogliamo ora". Nicola Zingaretti chiarisce ancora una volta il punto di vista del Partito Democratico nella sua relazione in apertura della direzione del Pd. Lo ha detto Nicola Zingaretti intervenendo alla direzione nazionale del Partito democratico. Il pericolo delle elezioni "è reale", ma "segnalare per la strada il pericolo di una buca è l'esatto opposto della volontà di volerci finire dentro". Su Italia Viva non c'è nessun veto, ma "legittimi dubbi". L'apertura della crisi "da parte di Iv è stata irresponsabile". E ancora il sostegno al presidente del Consiglio: "Negli attuali equilibri parlamentari figli della sconfitta del 2018, Giuseppe Conte, rappresenta un punto di equilibrio credibile".

27 Gennaio 16:26 Marcucci (Pd): “Il Partito Democratico non dice o Conte o voto, ma lavora per Conte”

Il capogruppo del Partito Democratico al Senato, Andrea Marcucci, mette in chiaro il punto di vista dei dem: "Il Pd non dice o Conte o voto. Però il Pd lavora per Conte". Marcucci è intervenuto a L'aria che tira su La7 e ha spiegato: "Come è evidente il Pd ha guardato con simpatia e ha aiutato la nascita di questo nuovo gruppo europeista". Ma "se il Capo dello Stato dall'alto della sua saggezza ed equilibrio ci darà un altro nome, gli organismi del Pd si riuniranno. Io mi auguro che ciò non accada e che tutte le forze politiche che potrebbero essere coinvolte nella futura maggioranza, abbiano una spinta verso questo tipo di soluzione".

27 Gennaio 16:10 Tabacci (Cd): “Oggi nuovi ingressi nel gruppo alla Camera, al Senato è più difficile”

Sono ore calde per la ricerca di responsabili da arruolare nei gruppi dei due rami del Parlamento: "Oggi ci saranno nuovi ingressi nel gruppo qui alla Camera, ma sempre nell'ambito della maggioranza", ha annunciato Bruno Tabacci, fondatore di Centro Democratico. Ma al Senato "è più difficile". Sull'ingresso di altri due parlamentari a Palazzo Madama ha invitato a chiedere a Maria Rosaria Rossi, che ha lanciato l'indiscrezione. E sulla possibilità che salgano al Quirinale, per le consultazioni, come gruppo, ha spiegato: "Vediamo, non credo ma questo ora non è importante".

27 Gennaio 16:03 Meloni attacca il governo: “Paese paralizzato, chi prendono in giro? Elezioni subito”

Giorgia Meloni torna ad attaccare il governo dimissionario, in questo caso su Facebook: "Questi signori continuano a ripetere che sarebbe da irresponsabili andare al voto nella fase in cui ci troviamo, eppure in piena crisi hanno paralizzato per mesi l’intera Nazione per i loro litigi, le beghe di Palazzo e le ignobili compravendite di poltrone". Secondo la leader di Fratelli d'Italia la soluzione è sempre la stessa: "Ma chi credono di prendere in giro? Elezioni subito".

27 Gennaio 15:56 Sanificazione, streaming e tamponi: le consultazioni nell’era del Covid-19

Oggi iniziano le consultazioni del presidente della Repubblica, ma per la prima volta si terranno durante una pandemia. Il Covid-19 condizionerà i colloqui tra Mattarella e le delegazioni dei partiti, ma anche il lavoro dei giornalisti che saranno al Quirinale per raccontare il momento chiave per la formazione del prossimo governo. I colloqui si terranno in tre posti diversi: la Sala Arazzi di Lilla, la Sala del Bronzino e l'ufficio privato di Mattarella. Si girerà in questi tre ambienti in modo da poterli sanificare dopo ogni incontro.

I giornalisti non potranno più prendere le dichiarazioni nella nell'anticamera dello studio alla Vetrata, sia perché al momento sono in corso lavori di ristrutturazione, sia perché la calca che siamo stati abituati a vedere non potrà essere autorizzata. I cronisti saranno pochi, estratti a sorteggio e ammessi dopo aver fatto il tampone, potranno prendere le dichiarazioni nella Sala delle feste. Le consultazioni saranno anche trasmesse in streaming sul sito del Quirinale.

27 Gennaio 15:49 Bellanova (Iv): “Non poniamo veti, ma non c’è solo Conte”

"Noi non poniamo veti su Conte e non subiamo veti da nessuno ma sicuramente non c'è solo Conte". Mette le cose in chiaro Teresa Bellanova. La senatrice di Italia Viva risponde a Tgcom24 in vista del giro di consultazioni del presidente Mattarella: "Quello che ci interessa è come si affronta la crisi. Non discutiamo gli uomini , discutiamo prima dell'impianto programmatico".

27 Gennaio 15:33 Taverna (M5S): “I renziani chiedono una figura autorevole? C’è già ed è Giuseppe Conte”

Paola Taverna, senatrice del Movimento 5 Stelle, attacca gli ex alleati di Italia Viva per le dichiarazioni degli ultimi giorni: "Leggo che auspicano confronti costruttivi e figure autorevoli – scrive su Facebook – Mi corre l’obbligo di ricordare a chi ha dato vita a questa crisi assurda, irresponsabile e a mio personalissimo giudizio dettata da egocentrismo che sfocia in un narcisismo patologico, che i confronti costruttivi non contemplano la presenza di distruttori seriali e che la figura autorevole è unanimemente riconosciuta nella persona del Presidente Giuseppe Conte". La senatrice dice di essere convinta che si troverà una soluzione, "ma non sarà a tutti i costi". A Conte "vanno i miei ringraziamenti e tutto il mio supporto per questo ulteriore scoglio da superare. E lo supereremo insieme. Siamo con Lei Presidente".

27 Gennaio 15:16 Binetti (Udc) smentisce il suo ingresso nel gruppo dei responsabili al Senato

La senatrice Paola Binetti, dell'Unione di Centro, ha smentito il suo ingresso nel neonato gruppo a Palazzo Madama Europeisti – Maie – Centro Democratico. Questa mattina la parlamentare era stata avvicinata al gruppo appena formatosi, e da giorni si parla di un suo possibile sostegno ad un nuovo governo guidato da Giuseppe Conte.

27 Gennaio 15:09 Direzione nazionale del Partito Democratico spostata alle 16

L'ufficio stampa del Pd ha fatto sapere che la direzione nazionale del partito è stata spostata alle 16. Inizialmente l'incontro era previsto alle 14 ma è stato rimandato a causa delle votazioni in Parlamento.

27 Gennaio 15:00 Toti: “Fiducia in Mattarella, serve una maggioranza larga”

Giovanni Toti, leader di Cambiamo, ha annunciato su Facebook: "Abbiamo piena fiducia che il Presidente Mattarella saprà dare uno sbocco a questa crisi ben conoscendo le difficoltà e le opportunità che il Paese ha di fronte. Piano di vaccinazione, Recovery, licenziamenti e crisi economica, conti delle Regioni: per affrontare questi temi servono competenza e maggioranze larghe e forti". Il presidente della Liguria ha sottolineato: "No a governi confusi e raccogliticci. Ora è il momento della serietà, della generosità, dell’impegno".

27 Gennaio 14:52 Rosato (Iv): “L’immagine di una caccia sfrenata al senatore è una follia assurda”

"Domani alle 17.30 andremo dal presidente Mattarella, ci saranno Renzi, i capigruppo di Camera e Senato Boschi e Faraone", annuncia Ettore Rosato, deputato e coordinatore di Italia Viva. "Non so se andrò perché la delegazione è di quattro persone e penso che andrà Bellanova". Rosato ha definito una "follia assurda" questa "immagine che qualcuno sta dando di caccia al senatore sfrenata che ha visto ieri un senatore Pd trasferirsi nel gruppo dei Responsabili solo per farlo nascere, ecco noi pensiamo questo non sia utile". Sulla possibilità che sia una donna a guidare il prossimo Governo, Rosato spiega: "Esiste sempre questa possibilità, ci sono donne autorevoli in questo paese che possono farlo".

27 Gennaio 14:34 Il nuovo gruppo Europeisti dirà sì al Conte ter, Merlo: “Saremo quinta gamba del governo”

Il neonato gruppo di responsabili al Senato Europeisti-Maie-Centro Democratico andrà al Quirinale per dire sì al Conte ter. "Questo momento politico è come un tango, che in questo momento possiamo dire stiano ballando Renzi e Conte. Il tango però sta ancora suonando, vedremo come finirà", ha detto Ricardo Merlo, del gruppo europeista, a Un giorno da pecora. Il sottosegretario del governo Conte bis ha aggiunto: "Tecnicamente noi saremmo la quarta gamba? Semmai la quinta gamba, e con cinque gambe si cammina benissimo". Domani "andremo da Mattarella io e Causin a dire che vogliamo il Conte ter", ha annunciato Merlo e per quanto riguarda la senatrice Lonardo Mastella, che non è entrata a far parte del gruppo, ha spiegato che "non c'è stato l'accordo perché lei voleva aggiungere il suo simbolo Noi Campani".

27 Gennaio 14:23 Rampelli (FdI): “La sovranità popolare è nelle mani dei poltronisti”

Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera dei deputati e parlamentare di Fratelli d'Italia, ha scritto un lungo post su Facebook: "Oggi con la crisi di governo, la formazione di un nuovo gruppo parlamentare con i prestiti provenienti anche dal Pd, la responsabilità del Parlamento è altresì evidente, così come è stata evidente in tutte le 66 crisi di governo dalla storia repubblicana".

"La sovranità appartiene al popolo – attacca Rampelli – ma in Italia pare che la democrazia parlamentare non debba essere la modalità con la quale i cittadini esercitano la sovranità. Infatti chi incoraggia i trasformismi, una tipologia ontologicamente corruttiva, si fa piuttosto scudo della democrazia parlamentare, né la esercita né la difende. La vera metastasi della politica italiana è questa abituale consuetudine di vendere parlamentari a chi può comprarli con seggi elettorali. La Repubblica dei poltronisti… Fin quando non si passerà dalla fiducia dei venduti alla democrazia vera, diretta o parlamentare non farebbe differenza, con l’elezione diretta del presidente della Repubblica l’Italia sarà per sempre ostaggio di questi poltronisti.

27 Gennaio 14:11 Di Battista d’accordo con Lezzi, Renzi fuori dal Governo? “Chapeau”

Alessandro Di Battista ha commentato il post in cui Barbara Lezzi, senatrice del Movimento 5 Stelle, chiedeva un nuovo governo Conte ma senza Matteo Renzi. Secco il commento del giornalista grillino: "Chapeau". Nel suo post Lezzi ha scritto: "Renzi ha occupato l'intero palcoscenico mediatico per giorni con il solo scopo di denigrare il Presidente Conte. Non ci sto. Renzi deve restare fuori dal nuovo governo che deve essere presieduto da Conte".

Il commento di Di Battista sotto il post di Barbara Lezzi
in foto: Il commento di Di Battista sotto il post di Barbara Lezzi

27 Gennaio 13:54 Bellanova: “Italia Viva non mette veti, impone temi veri”

Rilanciando la sua intervista al Quotidiano del Sud, l’ex ministra e senatrice di Italia Viva, Teresa Bellanova, sottolinea che il suo partito “non mette veti: impone temi veri, quelli che molti si ostinano a derubricare rincorrendo le formule della politica politicante. E un unico obiettivo: il punto di equilibrio più avanzato nel solo interesse del Paese. Non è una formula astratta: significa lavorare da subito per garantire al Recovery quella qualità che ancora manca, e cambiare passo in modo evidente”.

27 Gennaio 13:27 Lezzi (M5s): “Avanti con Conte e Renzi deve restare fuori dal governo”

La senatrice del Movimento 5 Stelle ed ex ministra, Barbara Lezzi, torna a chiedere che qualsiasi governo nasca lasciando fuori Matteo Renzi: “Non ci sto. Renzi deve restare fuori dal nuovo governo che deve essere presieduto da Conte. Non mi interessano le critiche sui transfughi, su Ciampolillo, su questo o su quello. Abbiamo detto mai più con Renzi e questo deve avere un valore. Deve avere un peso. E deve essere difesa la nostra intenzione”. In un post su Facebook Lezzi continua: “Confesso il mio disagio, il mio disorientamento nell'ascoltare colleghi che, in totale assenza di pudore, aprono a Renzi come se niente fosse successo”.

27 Gennaio 13:14 Salvini: “Disposti a parlare di temi reali con tutti, ma difficile che il Pd lo voglia fare”

Il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando con i cronisti torna a commentare la situazione determinata dalla crisi di governo: “Chi vuole pace fiscale, azzeramento della burocrazia e del codice degli appalti, riforma della giustizia, si siede al tavolo con la Lega e con il centrodestra”. Il segretario del Carroccio prosegue: “Se Conte non avrà i numeri, come non li avrà, siamo disponibili a discutere di temi reali. Via maestra è quella delle elezioni. Chi volesse parlare di temi reali può dialogare con il centrodestra, credo che sia difficile lo voglia il Pd, ma noi siamo curiosi e pronti a dialogare con tutti”.

27 Gennaio 12:42 Governo, a che ora iniziano le consultazioni e dove seguirle: il calendario di oggi

Partiranno alle 17 di oggi, mercoledì 27 gennaio, le consultazioni al Quirinale del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. I colloqui al Colle inizieranno con la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e proseguiranno alle 18 con il presidente della Camera, Roberto Fico. Per i gruppi parlamentari bisognerà attendere domani e dopodomani, quando saliranno al Colle tutti i partiti. Sarà possibile seguire in diretta streaming le consultazioni sul canale YouTube della presidenza della Repubblica e sul sito www.quirinale.it.

27 Gennaio 12:20 Senatrice Rojc passa a gruppo responsabili: “Aiuto costituzione gruppo europeista ma resto nel Pd”

La senatrice Tatjana Rojc è passata dal gruppo del Pd a quello appena costruito degli Europeisti-Male-Centro Democratico. In molti parlano di un ‘prestito’ per consentire la nascita del gruppo e così lei spiega la sua decisione: “In questa fase particolarmente complessa ho dato il mio aiuto tecnico alla costituzione di un gruppo europeista che contribuisca a rafforzare e stabilizzare un nuovo Governo. La mia iscrizione al gruppo Maie è stata concordata con il mio partito, cui resto iscritta e militante. Confido che questo atto possa dare una mano alla costruzione di una maggioranza solida all'altezza dei problemi enormi che il Paese sta affrontando. Confermo immutata l'attenzione al territorio del Friuli Venezia Giulia di cui sono espressione e in particolare alla minoranza slovena in Italia, che ho l'onore di rappresentare in Parlamento”.

27 Gennaio 12:09 Al via le consultazioni, cosa diranno i gruppi parlamentari a Mattarella

Le consultazioni del capo dello Stato, Sergio Mattarella, inizieranno quest'oggi con i presidenti di Camera e Senato. Da domani, giovedì 28 gennaio, toccherà invece ai partiti. Ma cosa chiederanno i gruppi parlamentari al presidente della Repubblica? Quali saranno le posizioni dei partiti di maggioranza e opposizione? Cerchiamo di capire cosa diranno da una parte Movimento 5 Stelle, Pd, Leu e Italia Viva e dall'altra Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Udc e Cambiamo.

27 Gennaio 11:48 Ascani (Pd) ribadisce: “La nostra linea è la stessa, Conte è punto equilibrio più avanzato”

Intervenendo a L’aria che tira, su La7, la viceministra dell’Istruzione ed esponente del Pd, Anna Ascani, ribadisce: “La linea del Pd è sempre stata questa: questa crisi è incomprensibile e Conte è evidentemente il punto di equilibrio più avanzato di una coalizione che deve essere ampliata. È evidente che servono numeri più ampi e queste ore vanno utilizzate anche per questo. Il punto di equilibrio è Conte, è un fatto di buon senso”. Secondo Ascani il punto è che tutti i partiti di maggioranza fanno il nome di Conte, motivo per cui non ha senso considerare altre ipotesi per ora: “La posizione del Pd è questa, verrà ribadita oggi nella direzione nazionale, non è mai cambiata”. In riferimento al dialogo con Matteo Renzi e Italia Viva, Ascani commenta: “Nessun veto, nessun risentimento, però a riaprire le porte e a costruire i ponti deve essere chi li ha tagliati”.

27 Gennaio 11:14 La ricetta di Cottarelli per uscire dalla crisi: “Unica soluzione è un Conte ter”

Secondo Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui Conti pubblici, l’unica soluzione al momento è un Conte ter. Chi spera “in un governo guidato da me resterà deluso”, scherza Cottarelli in un’intervista a La Stampa. “La soluzione è un Conte ter, con una maggioranza simile a quella che ha sostenuto l’ultimo esecutivo. Se non ci riescono, allora vedo le elezioni”, afferma.

27 Gennaio 10:47 Della Vedova (+Europa): “Operazione europeisti sgangherata, serve altro premier e maggioranza ampia”

Benedetto Della Vedova, segretario di +Europa, critica l’idea di un governo europeista dopo la crisi formalizzata dalle dimissioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte: "L’idea di affidare le sorti del governo che affronti con efficienza la più grande vaccinazione di massa e investa non per le prossime elezioni ma per le future generazioni 209 miliardi di risorse europee a un gruppo eterogeneo e litigioso di 9/10 senatori, impegnati in una legittima ma sgangherata operazione trasformista imbellettata dalla nobile etichetta di ‘europeisti' per il Conte ter, dice tutto sulla necessità di un altro Premier e un'altra più ampia maggioranza. È possibile, si provi, si faccia”.

27 Gennaio 10:14 Nasce il gruppo dei responsabili, ma non c’è Sandra Lonardo Mastella: “Sono fuori”

Nel gruppo dei responsabili, ufficialmente costituto al Senato con il nome ‘Europeisti-Male-Centro Democratico’, non ci sarà Sandra Lonardo Mastella. “Sì, in effetti sono fuori dal gruppo che sarebbe nato in Senato. Non ho mai firmato”, conferma la senatrice all’Adnkronos.

27 Gennaio 09:42 Nasce ufficialmente gruppo responsabili al Senato: si chiameranno ‘Europeisti’, presidente è Fantetti

Il gruppo dei responsabili al Senato si è ufficialmente costituito. Si chiamerà Europeisti-Maie-Centro Democratico e il presidente sarà Raffaele Fantetti. Sono stati raggiunti, quindi, i 10 senatori necessari per formare un gruppo a Palazzo Madama. Non ha aderito alla fine Sandra Lonardo Mastella, mentre si sono aggregati due senatori finora appartenenti ad altri gruppi: Gianni Marilotti (ex M5s) delle Autonomie e Tatjana Rojc del Pd. Gli altri componenti del gruppo sono: Maurizio Buccarella, Adriano Cario, Andrea Causin (che è anche vice-presidente), Saverio De Bonis, Gregorio De Falco, Ricardo Merlo e Maria Rosaria Rossi.

27 Gennaio 09:32 Boschi (Italia Viva): “Conte non è riuscito a fare a meno di noi, ma no pregiudiziale su nomi”

Maria Elena Boschi, capogruppo di Italia Viva alla Camera, fa il punto della situazione della crisi di governo con il Messaggero: “Conte ha già provato a fare a meno di noi. Mi pare che non ci sia riuscito. Errare è umano, perseverare è  semplicemente inutile. Buon lavoro al nuovo Gruppo, se mai si costituirà. Mi pare che non stia allargando la maggioranza ma tenendo insieme persone che hanno già votato sì alla fiducia, da Ciampolillo a Maria Rosaria Rossi”. Boschi assicura: “Non poniamo pregiudiziali sui nomi, ma chiediamo una svolta sui contenuti".

27 Gennaio 09:21 Tutti gli scenari della crisi di governo: dal Conte ter al governo di unità nazionale

L'ipotesi più probabile, al momento, resta quella di un Conte ter. Ma la crisi di governo, formalizzata con le dimissioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non sembra avere un esito certo. Con le consultazioni al Quirinale che si aprono oggi pomeriggio potrebbe emergere uno scenario ben diverso: dal governo di unità nazionale a quello istituzionale, da un nuovo premier al voto anticipate, vediamo cosa potrebbe succedere ora e quali sono tutte le ipotesi in campo.

27 Gennaio 08:58 Il commissario Ue Hahn: “Con voto in Italia sarebbe a rischio Recovery, crisi va risolta subito”

La crisi di governo in Italia deve essere risolta “nel giro di qualche giorno”: ne è convinto Johannes Hahn, commissario europeo per il Bilancio, che si occupa della gestione del Next Generation Eu. Alla Stampa Hahn spiega che bisogna evitare le urne e l’incertezza, perché una campagna elettorale potrebbe avere “conseguenze molto gravi” per il Recovery fund. “Ciò che sta succedendo in Italia è decisamente spiacevole, oltre che irresponsabile. In una situazione come quella che stiamo vivendo, tutte le forze politiche ragionevoli, di governo e di opposizione, dovrebbero lavorare per superare le difficoltà”, afferma il commissario.

27 Gennaio 08:32 Molinari (Lega) si dice certo: “Berlusconi non ci tradirà con i grillini”

Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, si dice certo che il centrodestra arriverà compatto al Quirinale per le consultazioni con il capo dello Stato: “Il centrodestra si presenterà dal capo dello Stato con una posizione unica: no ad un governo Conte ter e a pezzi del nostro schieramento nel ruolo di stampella”. Intervistato da La Stampa risponde all’ipotesi che quella di Berlusconi sia un’apertura per l’ingresso di Forza Italia in maggioranza: “Venerdì pomeriggio andremo tutti insieme dal presidente della Repubblica. Anche l'Udc. Per noi il voto è la via maestra. La pandemia è un fatto ma non può diventare un alibi per impedire ai cittadini di esprimersi”. “Se le trattative per formare un Conte ter andranno a vuoto, Forza Italia non sarà disposta a governare con i Cinque Stelle”, assicura ancora il capogruppo della Lega a Montecitorio.

27 Gennaio 08:04 M5s rivuole Renzi in maggioranza, Trizzino: “Riaprire a Iv nell’interesse del Paese”

Dopo le dimissioni di Giuseppe Conte, anche il Movimento 5 Stelle sembra riaprire sempre più esplicitamente al ritorno in maggioranza di Matteo Renzi e Italia Viva. Il deputato pentastellato Giorgio Trizzino lo fa in un’intervista al Corriere della Sera: “È vero che esistono forti remore a riaprire il dialogo con Renzi ma io ritengo che sia corretto farlo nell'interesse del Paese ed anche perché non vedo altra maggioranza possibile al momento”. Su Conte, invece, Trizzino non ha dubbi: “In questo momento l'unico premier riconosciuto dal Movimento è Conte, non lo diciamo solo noi ma tutta la coalizione ed i partner europei che ne hanno apprezzato le doti ed hanno dato fiducia all'Italia. Altra soluzione al momento non è praticabile”.

27 Gennaio 07:50 Casini: “Conte ha sbagliato tutto, teatrino imbarazzante”

In un’intervista al Corriere della Sera Pier Ferdinando Casini non risparmia critiche al presidente del Consiglio dimissionario, Giuseppe Conte: “Partiamo da Conte. Finora ha sbagliato tutto: politicamente, e tecnicamente. Perché sarebbe dovuto salire al Quirinale un minuto dopo aver ricevuto le dimissioni delle due ministre di Italia viva, Bonetti e Bellanova e invece ha detto: ‘Con Renzi mai più'. E ha cominciato a cercare responsabili. Errori blu. Ma come fai, in politica, a dire: con Renzi mai più? Va bene, certo: ti può scappare, e del resto scappava anche a giganti come Craxi e De Mita, quante volte si sono detti una roba così? Per non parlare di Andreotti e Fanfani. Ma poi ricuci. Invece lui s'è intestardito, e ha aperto quel mercato vergognoso cercando i voti di chiunque, compreso quello di Ciampolillo, che io dico, santa miseria…”. Secondo Casini “Conte dovrebbe smettere di ascoltare i suoi pessimi consiglieri e tirare dentro Renzi. A quel punto, quindi, con uno schieramento almeno decoroso, io penso ci sarebbero anche le condizioni per veder arrivare gente come Toti, come la Carfagna”. L’ex presidente della Camera, infine, definisce quello che sta avvenendo come un “teatrino imbarazzante”.

27 Gennaio 07:32 Oggi al via consultazioni al Colle, si inizia da Casellati e Fico: il calendario completo

Inizieranno alle 17 di oggi, mercoledì 27 gennaio, le consultazioni al Colle del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Si parte con la presidente del Senato, Elisabetta Casellati, per poi proseguire alle 18 con il presidente della Camera, Roberto Fico. Domani toccherà ai primi gruppi parlamentari: in mattinata le Autonomie e il Gruppo Misto, nel pomeriggio Leu, Italia Viva e Pd. Ultimo giorno del ciclo di consultazioni sarà venerdì 29 gennaio: gli incontri si terranno tutti nel pomeriggio, iniziando dal centrodestra per poi concludere con il Movimento 5 Stelle. Qui il calendario completo delle consultazionial Quirinale:

Mercoledì 27 gennaio (pomeriggio)

ore 17:00

Presidente del Senato della Repubblica, Sen. Avv. Maria Elisabetta Alberti Casellati

ore 18:00

Presidente della Camera dei deputati, On. Dott. Roberto Fico

Giovedì 28 gennaio (mattina)

ore 10.00

Gruppo Parlamentare "Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)" del Senato della Repubblica

ore 10.30-12.30 e ore 16.00-16.45

Rappresentanti dei gruppi Misti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

Giovedì 28 gennaio (pomeriggio)

ore 16.45

Gruppo Parlamentare "Liberi e Uguali" della Camera dei deputati

ore 17.30

Gruppi Parlamentari Italia Viva – PSI del Senato della Repubblica e Italia Viva della Camera dei deputati

ore 18.30

Gruppi Parlamentari "Partito Democratico" del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

La mattina del 29 gennaio si svolgerà la Cerimonia di inaugurazione dell’Anno Giudiziario della Corte Suprema di Cassazione. Le consultazioni seguiranno nel pomeriggio.

Venerdì 29 gennaio (pomeriggio)

ore 16.00

Gruppi Parlamentari "Fratelli d'Italia" del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

Gruppi Parlamentari “Forza Italia – Berlusconi Presidente – UDC” del Senato della Repubblica e “Forza Italia Berlusconi Presidente” della Camera dei deputati

Gruppi Parlamentari “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

Rappresentanti delle componenti “Idea e Cambiamo” del Gruppo Misto del Senato della Repubblica e “Noi con l’Italia – USEI – e Cambiamo” del Gruppo Misto della Camera dei deputati

 ore 17.00

Gruppi Parlamentari "Movimento 5 Stelle" del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

27 Gennaio 07:25 Dimissioni di Conte e crisi di governo, le ultime notizie di oggi 27 gennaio: al via consultazioni al Quirinale

Si inizia oggi pomeriggio, mercoledì 27 gennaio, alle 17. E si prosegue fino al tardo pomeriggio di venerdì: le consultazioni al Quirinale, dopo le dimissioni di Giuseppe Conte, prenderanno il via con la convocazione, da parte del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dei presidenti di Camera e Senato. Toccherà prima, alle 17, a Elisabetta Casellati, presidente dell’Aula di Palazzo Madama. Poi, alle 18, sarà il turno di Roberto Fico, presidente della Camera. Le consultazioni entreranno nel vivo nella giornata di domani, giovedì 28 gennaio, quando al Colle saliranno prima le Autonomie e il Gruppo Misto e poi, nel pomeriggio, Leu, Italia Viva e Pd. Il ciclo di incontri al Quirinale terminerà venerdì pomeriggio con il centrodestra e, a chiudere, il Movimento 5 Stelle.

Dopo le dimissioni di Conte il governo resterà in carica per il disbrigo degli affari correnti. Intanto il presidente del Consiglio uscente si rivolge agli italiani, dopo aver rimesso il mandato nelle mani di Mattarella, con un lungo messaggio su Facebook: “Il profondo disagio sociale e le difficoltà economiche richiedono una prospettiva chiara e un governo che abbia una maggioranza più ampia e sicura. È il momento che emergano in Parlamento le voci che hanno a cuore le sorti della Repubblica. Le mie dimissioni sono al servizio di questa possibilità: la formazione di un nuovo governo che offra una prospettiva di salvezza nazionale. Serve un'alleanza, nelle forme in cui si potrà diversamente realizzare, di chiara lealtà europeista, in grado di attuare le decisioni che premono”.

Al Colle ogni gruppo fornirà le sue indicazioni: da una parte ci sono Pd, Movimento 5 Stelle e Leu che continuano a ritenere centrale la figura di Conte, anche se i dem dicono di non dover pensare solo a un governo Conte “a tutti i costi”; dall’altra Italia Viva annuncia che non farà un nome specifico al Quirinale, quindi neanche quello dello stesso presidente del Consiglio uscente. Forza Italia (che al Colle andrà con Lega e Fratelli d'Italia), invece, continua a chiedere la nascita di un governo di unità nazionale, mentre continuano a rincorrersi le voci di azzurri pronti a entrare nella maggioranza. Al Senato è nato, intanto, il gruppo europeista dei responsabili: è stato raggiunto il numero minimo di dieci senatori e il gruppo si chiamerà ‘Europeisti Maie Centro Democratico’. Ora dovrebbe formarsi anche alla Camera.