17 Novembre 23:03 Covid, Azzolina: “Serve ritorno graduale degli studenti in classe”

"Questa estate io e la comunità scolastica lavoravamo per la riapertura in sicurezza mentre qualcun altro si divertiva un po' di più". Così la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, a Cartabianca su Rai 3. "Credo ci debba essere un ritorno graduale degli studenti. Anche sulla base del colore regionale e va programmato. Bisogna programmare bene: con i Test rapidi, e il commissario Arcuri ne ha acquistati tantissimi, e trasporti. Siamo disponibili a scaglionare ulteriormente gli orari di ingresso. Abbiamo chiesto un programma territorio per territorio" ha spiegato Azzolina

17 Novembre 22:55 Ilaria Capua: “Il virus divide perchè non siamo stati in grado di gestirlo”

"Il virus divide perché noi non siamo stati in grado di gestire questa emergenza. Ma deve insegnarci ad essere più uniti" lo ha dichiarato la virologa Ilaria Capua riprendendo le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che oggi ha invitato all'unione per sconfiggere questa pandemia. "Non siamo riusciti a gestire questa emergenza quando era gestibile" ha dichiarato Capua a Di martedì su La7 ricordando come in vece in passato si sia riusciti a fermare altre pandemie come la Sars e l'ebola.

17 Novembre 22:43 Speranza: “Primi vaccini covid a gennaio, all’Italia il 13,6% di quelli acquistati dall’Ue”

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha confermato l’arrivo delle prime dosi di vaccino a fine gennaio ma ha annunciato anche la sperimentazione sugli anticorpi monoclonali. "Entro la fine di gennaio dovremmo avere le prime dosi del vaccino anti Covid. L'Ema dovrà dare l'autorizzazione ma tutti i dati segnalano che dovremmo averle" ha detto il ministro a Carta bianca su Rai 3 annunciando che "All'Italia andrà il 13,6% di tutta la quantità di vaccini anti Covid acquistata dalla Comunità europea". Infine  "tra qualche settimana dovremmo avere anche un altro strumento: gli anticorpi monoclonali che sono una realtà italiana molto interessante" ha sottolineato Speranza,

17 Novembre 22:30 Gino Strada ed Emergency in Calabria per l’emergenza covid

Dopo giorni di annunci, passi indietro e voci non confermate, Gino Strada ha annunciato ufficialmente che lui ed Emergency scendono in campo in Calabria per l'emergenza covid. Stra però no avrà il ruolo di commissario straordinario a si dedicherà a progetti sanitari nella regione.  "Oggi pomeriggio abbiamo definito un accordo di collaborazione tra EMERGENCY e Protezione civile per contribuire concretamente a rispondere all’emergenza sanitaria in Calabria. Inizieremo domani mattina a lavorare a un progetto da far partire al più presto" ha fatto sapere lo stesso medico, aggiungendo: "Ringrazio il Governo per la stima che ha dimostrato per il lavoro di EMERGENCY e le tante persone che ci hanno dato fiducia, offrendo da subito il loro sostegno"

17 Novembre 21:54 Arcuri: “Le prime dosi di vaccino a fine gennaio”

Domenico Arcuri – commissario straordinario per l'emergenza Covid-19 – ha assicurato che le prime dosi del vaccino Pfizer saranno disponibili a fine gennaio: “Sarà la più grande operazione di vaccinazione di massa della storia e prevede un processo logistico e organizzativo molto complesso. Abbiamo iniziato a lavorarci dallo scorso mercoledì, ma saremo pronti”.

17 Novembre 21:49 Da Speranza no alle regioni che chiedono una revisione delle zone di rischio

"È una valutazione che dovremo fare, ci vuole grande gradualità e prudenza, prima le regioni rosse che chiedono di tornare indietro avevano Rt sopra 2, ora è sceso. Sono per consolidare il risultato, non dobbiamo avere fretta. Attenzione, lì si stanno facendo sacrifici ma sono per avere massima prudenza. Lavoriamo perché le misure possano ridursi ma guai ad avere fretta". A dirlo il ministro della Salute Roberto Speranza a ‘Carta bianca' su Rai 3.

17 Novembre 21:25 In Italia 126.622 bambini hanno contratto il coronavirus

Dall'inizio dell'emergenza sanitaria in Italia sono stati 126.622 i bambini e gli adolescenti risultati positivi al Covid-19, pari a circa il 12% del totale dei contagiati. Di questi 36.622 mila hanno tra 0 e 9 anni e molti di più circa 90.000 tra 10 e 19 anni. A fornire il quadro più completo e aggiornato è la Società Italiana di Pediatria, sulla base dei dati della sorveglianza dell'Istituto Superiore di Sanità, in vista del prossimo congresso. "La maggior parte ha manifestato forme cliniche lievi, con un tasso di letalità bassissimo. Se i contagi dovessero aumentare, soprattutto i fragili, potrebbero andare incontro a problemi importanti", ha spiegato Alberto Villani, presidente Sip. "Evento drammatico e inatteso, questa pandemia ha sconvolto l'intero pianeta al punto da rappresentare uno spartiacque epocale tra ciò che è stata la vita prima del Covid e cosa sarà dopo il Covid", ha aggiunto.

17 Novembre 21:13 Covid, in Calabria 680 casi in poche ore, Sindaco di Catanzaro: “Erano tamponi arretrati”

Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

"L'invito che faccio ai catanzaresi è quello di rimanere calmi: i 680 positivi registrati oggi in tutta la regione Calabria si riferiscono ai circa 4mila tamponi che le aziende territoriali, della nostra come di altre province, hanno fatto processare in laboratori pugliesi per smaltire l'arretrato della settimana scorsa", Lo ha detto il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo, che nelle ultime ore ha ricevuto tantissime telefonate da parte di cittadini preoccupati dopo i numeri del bollettino di oggi. "La percentuale fra tamponi processati e casi positivi è sostanzialmente stabile, oltre al fatto che diversi casi erano già noti alle autorità sanitarie: questo non significa che possiamo abbassare la guardia, ma che bisogna continuare a mantenere i comportamenti corretti, dal distanziamento sociale all'uso delle mascherine" ha spiegato Abramo.

17 Novembre 20:59 Presidente della Fed: “Le persone stanno perdendo fiducia negli sforzi per controllare la pandemia”

"La preoccupazione maggiore ora è che le persone perdano fiducia negli sforzi per controllare la pandemia e… ne stiamo già vedendo i segni" lo ha sottolineato il presidente della Fed Statunitense, Jerome Powell, a un evento di Bloomberg. "In tutto il paese, stiamo assistendo a nuovi casi. Stiamo assistendo all'aumento dei ricoveri. E stiamo assistendo agli Stati che iniziano a imporre alcune limitazioni di attività" ha ricordato Powell, aggiungendo: "Mentre le notizie recenti sul successo delle sperimentazioni sui vaccini sono certamente buone notizie, in particolare a medio termine, nel breve termine ci sono sfide e incertezze significative"

17 Novembre 20:48 Toti: “Escludo Liguria zona rossa, tutti i dati migliorano, passeremo a zona gialla”

"Non vi è alcuna ipotesi di passaggio della Liguria a zona rossa" lo ha dichiarato il governatore Giovanni Toti, nel punto stampa di fine giornata sull'andamento della pandemia assicurando che la situazione della regione è in miglioramento. "Rispetto ai dati che hanno definito la Liguria in zona arancione, tutti gli indicatori dei rapporti successivi sono in miglioramento. Non vi è alcuna ipotesi di passaggio a zona rossa. Al contrario, da qui a un paio di settimane, mi aspetto di poter tornare in zona gialla" ha spiegato il presidente della Regione Liguria, ricordano che  in regione "scende l'incidenza del virus, in particolare a Genova ma anche negli altri capoluoghi: si è invertita la tendenza. Siamo con un Rt sostanzialmente pari a 1"

17 Novembre 20:29 In Usa 151.855 casi di coronavirus e 762 morti per covid in 24 ore

Negli Stati Uniti registrati ulteriori 151.855 casi di coronavirus e 762 vittime covid nelle ultime 24 ore Lo comunica lo Us Centers for disease Control and Prevention spiegando che il bilancio nel Paese dall'inizio della pandemia sale così a 11,136,253 casi di coronavirus e a 246.232 decessi per covid

17 Novembre 20:05 Vaccino covid Pfizer: “Riusciremo a spedirlo dappertutto, pronti contenitori adatti per 5mila dosi”

"Siamo molto fiduciosi sull'efficacia della catena del freddo che ci permetterà di spedirlo dappertutto", così il presidente di Pfizer, Albert Bourla, ha espresso il suo ottimismo sulla rete di distribuzione approntata per il vaccino anti Covid prodotto insieme alla tedesca BioNTech  per cui nei giorni scorsi è stata annunciata una efficacia oltre il 90 per cento. "Abbiamo sviluppato queste scatole criotermiche con un sensore Gps e un termometro interno che ci permettono di sapere in qualsiasi momento dove si trovano le scatole, che possono contenere fino a 5 mila dosi, e se la temperatura scende troppo, caso in cui il vaccino non può essere iniettato" ha spiegato il numero uno di Pfizer durante un evento online in Usa. "Queste scatole possono essere spedite con qualsiasi mezzo, via terra, in aereo o per nave", ha proseguito Bourla, promettendo che in Usa le consegne potranno avvenire nel giro di 24 ore dalla richiesta

17 Novembre 19:45 Brasile: eletto sindaco, muore poche ore dopo per Covid

Non ha avuto neanche il tempo di festeggiare l'elezione a sindaco, Edilson Filgueira, appena scelto come primo cittadino ad Itaguaru, in Brasile, è deceduto per covid. Il 60enne del partito dei lavoratori si era presentato alle comunali per guidare il piccolo centro dello Stato occidentale di Goias ma all'inizio di ottobre è stato ricoverato in ospedale e lunedì sera è  deceduto dopo un peggioramento delle sue condizioni. Il Brasile è  il terzo Paese al mondo per numero di contagi e il secondo per morti. anche se nelle ultime settimane c'è stato un rallentamento dell'epidemia il numero dei ricoveri è risalito, suscitando nuovi timori.

17 Novembre 19:35 La Francia supera i due milioni di casi di coronavirus

La Francia ha superato i 2 milioni di casi di coronavirus.  Lo ha annunciato il direttore generale di Santé Publique France, Jerome Salomon, nella consueta conferenza stampa per aggiornare sull'evoluzione dell'emergenza covid nel Paese. Nelle ultime 24 ore sono stati circa 9mila i nuovi casi positivi registrati in Francia mentre i decessi per Covid sono stati 437 che portano il totale a 46.273. Secondo lo stesso Salomon, però la "tendenza è positiva" dopo il picco di contagi registrati nei giorni scorsi nel Paese.  "Il nostro impegno collettivo sta iniziando a dare i suoi frutti", ha dichiarato Salomon, aggiungendo però che solo "mantenendo un alto livello di vigilanza  potremo trascorrere le vacanze di fine anno con i nostri cari". Son cCirca 33.139 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale con infezione da SARS-CoV-2 in Francia tra cui 4.838 pazienti in terapia intensiva.

17 Novembre 19:23 In Gran Bretagna misure Covid allentate per lavoratori degli allevamenti: “Salvare cenone di Natala”

La Gran Bretagna ha deciso di allentare le misure Covid per i lavoratori stagionali degli allevamenti, compresi quelli provenienti dall'estero per salvare la produzione di carne di tacchino per il cenone di Natale. Da oggi infatti gli addetti dell'industria avicola in arrivo dall'estero potranno iniziare a lavorare subito in modo che i produttori possano "stare al passo con la richiesta di Natale" ha spiegato il ministro dei Trasporti Grant Shapps. La modifica viene incontro alle richieste dei gruppi industriali che avevano lanciato l'allarme per una possibile carenza di tacchini senza la necessaria manodopera per trattare la carne. Per evitare il rischio di contagio da coranavirus, gli stagionali verranno organizzati in gruppi, all'interno dei quali vivranno e lavoreranno senza mischiarsi. "La cena di Natale è  il momento culminante dell'anno per molte famiglie e quest'anno sarà particolarmente significativa", ha fatto presente Shapps, sottolineando che le nuove misure sono a sostegno delle imprese che "hanno affrontato sfide senza precedenti a causa del coronavirus".

17 Novembre 19:07 In Europa superati i 15 milioni di casi di coronavirus

In Europa superati i 15 milioni di casi di coronavirus dall'inizio della pandemia, il calcolo è della France Presse in base ai dati ufficiali dei vari governi. Negli ultimi sette giorni nel Vecchio continente sono stati registrati in media 265.000 nuovi contagi, in calo però rispetto alla settimana precedente. I 52 Paesi del Vecchio Continente restano l’area più colpita al mondo, davanti all’America Latina e i Caraibi (12,1 milioni di casi) e l’Asia (11,5 milioni). In totale sono oltre 55 milioni le persone contagiate nel mondo dal Covid-19 dall’inizio della pandemia.

17 Novembre 19:01 Speranza: “Il dialogo con le regioni è sempre aperto ma sono i 21 parametri e determinare le misure covid”

"Il dialogo con le regioni è sempre aperto ma sono 21 i parametri che indicano l'indice di rischio insieme all'Rt e determinano quali misure attuare sui territori", lo ha ribadito il ministro della Salute Roberto Speranza dopo le richieste da parte di alcune regioni di modificare i meccanismi con cui vengono valutate le aree di rischio che poi portano a decretare le zone rosse, arancioni e gialle.

17 Novembre 18:41 Coronavirus, in Spagna record di decessi nella seconda ondata: 435 morti covid in 24 ore 

In Spagna è record di decessi covid dall'inizio della seconda ondata di contagi da coronavirus. Sono stati 435 i morti covid nelle ultime  24 ore mentre  sono 13.159 nuovi casi registrati dalle autorità sanitarie locali. Dall'Inizio della pandemia la Spagna ha superato il milione e mezzo di casi di coronavirus e i 41mila decessi covid.

17 Novembre 18:32 Didattica a distanza senza consumare Giga, Accordo tra governo e gestori telefonici

Da oggi gli studenti italiani potranno seguire la didattica a distanza senza consumare Giga sul telefono. Lo prevede un accordo siglato tra Governo e i principali gestori telefonici italiani. I Ministri dell'Istruzione Lucia Azzolina, per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e per l'Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano avevano invitato i principali operatori di telefonia mobile a identificare soluzioni che potessero agevolare i  ragazzi nel seguire le lezioni da remoto. Tim, Vodafone e Wind Tre hanno accolto l'invito del Governo ed escluderanno le piattaforme di didattica a distanza dal consumo di gigabyte previsto negli abbonamenti.

17 Novembre 18:24 La pandemia covid rischia di scatenare epidemie di morbillo in decine di Paesi nel mondo

La pandemia covid rischia di scatenare epidemie di morbillo in decine di Paesi nel mondo. Secondo una ricerca del Murdoch Children’s Research Institute pubblicata su The Lancet, infatti, nel 2021 non è escluso che possa verificarsi un’epidemia di morbillo a causa delle mancate vaccinazioni dell’ultimo anno ostacolate dal Covid-19. A rischio vi sono 94 milioni di bambini in 26 paesi del mondo.

17 Novembre 18:15 Ospedali di Genova sotto la soglia dei duecento accessi in contemporanea: prima volta nell’ultimo mese

Gli ospedali di Genova sotto la soglia ‘psicologica' dei duecento accessi in contemporanea. Per la prima volta nell'ultimo mese i principali pronto soccorso del capoluogo ligure infatti hanno fatto registrato un calo degli accessi dopo il picco degli oltre trecento registrato due settimane fa a causa dell'emergenza covid. Nel dettaglio erano  174 i pazienti in corso di visita alle 17.30 nei pronto soccorso degli ospedali San Martino, Galliera e Villa Scassi. Di cui 21 codici rossi, nessuno in attesa, 57 in codice giallo di cui due in attesa, 25 in codice verde e 71 in osservazione breve intensiva. Confermato il trend di diminuzione degli accessi per la seconda settimana consecutiva. Il Villa Scassi, l'ospedale di riferimento covid per il ponente cittadino, oggi pomeriggio ha 45 pazienti in osservazione breve intensiva, meno della metà di due settimane fa.

17 Novembre 18:04 “In Italia attivabili 11.000 posti di terapia intensiva”, l’annuncio di Brusaferro

"In Italia sono attivabili 11.000 posti di terapia intensiva" quando è necessario ma al momento quelli attivi sono 9.931, lo ha precisato il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro durante la conferenza stampa per fare il punto sulla situazione dell'emergenza covid in Italia. "Undicimila sono i letti attivabili in terapia intensiva. Il dato calcolato nel modello di rischio tiene conto dei posti letto attivi e di quelli occupati su quelli attivi. Quando si eccedono le soglie fissate per ricoveri ordinarie e terapie intensive si rischia di ritardare la risposta a pazienti affetti da altre patologie" ha spiegato Brusaferro.

17 Novembre 17:55 Coronavirus Lazio, 2.538 nuovi casi e 59 morti in 24 ore

Sono 2.538 nuovi casi di coronavirus nel Lazio registrati dall'ultimo bollettino di oggi 17 novembre. Nelle ultime 24 ore sono stati elaborati oltre 25mila tamponi (ieri erano stati circa 20mila) e sono morte 59 persone. In regione i pazienti ricoverati in ospedale sono circa 3066 e quelli ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 308.

17 Novembre 17:49 Covid Campania, 3.019 contagi e 19 morti nelle ultime 24 ore

Sono 3.019 i nuovi casi di Coronavirus in Campania, emersi dall’analisi di 16.178 tamponi, come reso noto dall’ultimo bollettino diramato dall’Unità di Crisi della Regione. Nelle ultime 24 ore, inoltre, si segnalano anche 1.788 persone guarite e purtroppo 19 morti. In totale, dall’inizio della pandemia, sono 118.285 le persone risultate positive al Coronavirus in Campania.

17 Novembre 17:43 Mattarella: “Il virus tende a dividerci, basta polemiche. Nessuno dica a me non succederà”

"Il virus tende a dividerci, ora basta polemiche perché serve la collaborazione di tutti. Nessuno si lasci ingannare dal pensiero “a me non succederà”: questo modo di pensare si è infranto contro innumerevoli casi di disillusione, di persone che la pensavano così e sono state investite dal coronavirus", lo ha dichiarato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella davanti all’assemblea dell’Anci . "Questo virus tende a dividerci. Tra fasce di età più o meno esposte ai rischi più gravi, tra categorie sociali più o meno colpite dalle conseguenze economiche, tra le stesse istituzioni, chiamate a compiere le scelte necessarie, talvolta impopolari, per ridurre il contagio e garantire la doverosa assistenza a chi ne ha bisogno. Il pluralismo e l'articolazione delle istituzioni repubblicane sono e devono essere moltiplicatori di energie positive, ma questo viene meno se, nell'emergenza ci si divide" ha scandito il Capo dello Stato, aggiungendo: "La libertà rischia di indebolirsi quando si abbassa il grado di coesione di unità tra le parti.  E' questa la prima responsabilità delle istituzioni democratiche, a tutti i livelli, e questa è la lezione che la pandemia ribadisce con durezza".

17 Novembre 17:25 In Lombardia 8.448 contagi e 202 morti in 24 ore: quasi 900 persone in terapia intensiva 

Nelle ultime 24 ore in Lombardia sono stati segnalati 8.448 nuovi contagi di Coronavirus e 202 morti. I ricoveri in ospedale fanno registrare un nuovo forte aumento (più 250 rispetto a ieri) così come quelli in terapia intensiva (più 39 rispetto a ieri, per un totale di 894): il bollettino con i dati di oggi martedì 17 novembre sui contagi Covid in Lombardia.

17 Novembre 17:18 In Italia 3.612 ricoveri totali in terapia intensiva, +120 unità nelle ultime 24 ore

Secondo il bollettino di oggi, martedì 17 novembre sull'emergenza Coronavirus in Italia, sono aumentati nelle ultime 24 ore di 120 unità i ricoveri in terapia intensiva, che portano il totale a 3.612. Cresce anche il numero degli ospedalizzati: +538 pazienti con sintomi ricoverati, che portano il totale a 33.074.

17 Novembre 17:04 In Italia 32.191 nuovi casi e 731 decessi in 24 ore. Rezza: “Verso stabilizzazione della curva”

I nuovi casi in Italia sono oggi sono 32.191, su 208.458 tamponi effettuati. Lo ha annunciato Gianni Rezza durante la conferenza stampa dell'Iss di questo pomeriggio: "Abbiamo sorta di stabilizzazione nel numero di test positivi giornalieri, con tendenza alla diminuzione". I ricoveri in area medica sono 538 in più rispetto a ieri, mentre quelli in terapia intensiva sono aumentati di più di 100 unità. Impennata di decessi: +731 rispetto a ieri, secondo il bollettino di oggi, martedì 17 novembre.

17 Novembre 16:53 Rezza: “Rt parametro fondamentale per predire come sta andando l’epidemia”

"L'Rt è parametro fondamentale per predire come sta andando l'epidemia, perché è il primo indicatore per capire se sta accelerando o meno. Quando ci riferiamo all'Rt valutiamo la trasmissione, quindi se questa aumenta di conseguenza crescerà anche il numero di ricoveri e di decessi, quando decelera tutti i parametri tendono a diminuire. Se l'Rt scende pensiamo che sia tutto ok, ma non è così: l'epidemia cresce sempre, ma ad una velocità inferiore rispetto a prima. Se la scorsa settimana avevamo Rt di 1,4 la settimana precedente era di 1,7. È chiaro però che possiamo non vedere ancora una decrescita del numero dei casi e dei ricoveri, ma non è una cosa contraddittoria. Se oggi fosse 1,2 potremmo essere contenti, frutto di comportamenti più prudenti, però ancora ci troviamo d fronte ad un'epidemia che tende a crescere". Lo ha spiegato Gianni Rezza nel corso della Conferenza stampa dell'Iss sull'andamento epidemiologico in Italia.

17 Novembre 16:45 I vaccini più efficaci al momento contro il Coronavirus

Fra gli oltre 200 vaccini candidati in sperimentazione contro il coronavirus SARS-CoV-2, ce ne sono circa 50 che sono stati già testati sull’uomo, e fra essi una manciata è arrivata alle fasi finali della sperimentazione, con la possibilità che milioni di dosi potrebbero essere distribuite già entro la fine dell’anno. Tra questi, gli antidoti di Pfizer-BioNthec e Moderna.

17 Novembre 16:33 Brusaferro (Iss): “Somma degli indicatori danno stima del rischio”

"La stima di rischio si ottiene con la somma degli indicatori, un sistema che ci accompagna nell'individuare il pericolo che l'epidemia possa correre priva di controllo. Ci dà degli alert rispetto ai quali il sistema ci chiede di intervenire. Il modello è stato sviluppato insieme all'Ecdc. Gli indicatori sono mix di dati che possono essere gestiti in maniera tempestiva, come posti letto e nuovi casi, mentre altri richiedono tempo necessario a raccogliere informazioni a livello individuale, come nel caso delle tempistiche dell'incubazione o della comparsa dei primi sintomi". Lo ha detto il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, all'inizio della consueta conferenza stampa del martedì sull'andamento della pandemia in Italia, commentando i 21 indicatori alla base del cambio di colore delle regioni.

17 Novembre 16:08 In Puglia 1.234 casi e 36 morti nelle ultime 24 ore

In Puglia sono stati registrati 1.234 casi positivi di Coronavirus nelle ultime 24 ore su 6228 tamponi effettuati. 36 invece i decessi in più rispetto a ieri. La provincia più colpita per numero di nuovi contagi è quella di Bari, seguita dalla provincia di Brindisi e Bat.

17 Novembre 16:01 A Sassari ricoverato bimbo di 2 mesi con febbre: è positivo al Coronavirus

Un bambino di due mesi è ricoverato da ieri sera per Covid nel reparto di Malattie infettive per adulti dell'Aou di Sassari. Il piccolo ha la febbre ed è stato ricoverato insieme alla madre, anche lei positiva ma asintomatica. La donna e il figlio sono arrivati da Thiesi al Pronto soccorso pediatrico, dove è stata riscontrata per entrambi la positività al coronavirus. Al momento le sue condizioni non sono ritenute gravi dai medici.

17 Novembre 15:56 Lopalco risponde ai medici pugliesi: “Zona rossa qui? Nostri numeri da zona arancione”

"Tutte le categorie di medici stanno spingendo per chiedere la zona rossa e limitare la circolazione del virus, ma se ci atteniamo ai famosi 21 indicatori, noi siamo arancione. I dati sono quelli, c'è poco da fare". Lo ha detto a Un giorno da pecora il professore Pierluigi Lopalco, assessore designato alla Sanità della Regione Puglia. "Gli operatori sanitari, però – ha aggiunto -, sono stanchi, sono molto stressati, quindi qualunque iniziativa che possa allentare la morsa su ospedali e territorio è benvenuta. In Puglia l'Rt è sotto all'1,5, da zona arancione. Ma non è un Rt buono: a livello comunicativo è importante spiegarlo. Ad esempio, il picco influenzale si raggiunge con Rt 1,2, noi siamo a 1,4 per il Covid".

17 Novembre 15:43 Vaccino Moderna, negli Usa già prodotti milioni di dosi

Negli Stati Uniti sono già stati prodotti "diversi milioni di dosi" del vaccino anti-Covid di Moderna. Lo annuncia il Ceo dell'azienda americana, Stéphane Bancel, all'Afp. Sempre Bancel ha poi avvertito l'Europa che il prolungarsi dei negoziati per comprare dosi del suo vaccino rischia di rallentarne la distribuzione, mentre altri Paesi hanno la priorità perché hanno firmato già da mesi. "E' chiaro che il ritardo non limiterà la quantità totale, ma rallenterà la distribuzione", ha detto il Ceo. Gli Stati Uniti hanno prenotato 100 milioni di dosi all'inizio di agosto e "abbiamo già diversi milioni di dosi in magazzino" negli Usa, pronte a essere distribuite non appena ci sarà l'autorizzazione al commercio, presumibilmente a dicembre.

17 Novembre 15:40 Le Regioni: “Rivedere gli indicatori del monitoraggio”

Aggiornare le indicazioni sui tamponi rapidi e molecolari e rivedere i 21 indicatori del monitoraggio. Sono queste le richieste delle Regioni che al termine della Conferenza di questa mattina hanno chiesto un incontro urgente con il ministro della Salute Roberto Speranza e con quello degli Affari Regionali Francesco Boccia. "C'è la necessità – dice il vicepresidente Toti – di rivedere in un'ottica di semplificazione i parametri che sono stati elaborati nella prima fase della pandemia procedendo ad un aggiornamento delle indicazioni sull'utilizzo dei test rapidi antigenici e del test- di biologia molecolare e alla modifica degli indicatori per il monitoraggio ai fini della classificazione".

17 Novembre 15:37 Alla vigilia della zona rossa in Abruzzo si registrano 729 nuovi casi in 24 ore

In Abruzzo sono stati registrati 729 nuovi casi rispetto a ieri  Sono complessivamente 20552 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall'inizio dell'emergenza alla vigilia del passaggio della regione in zona rossa. 13 i morti. Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 14008 (+509 rispetto a ieri). 590 pazienti (+19 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 66 (+7 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 13352 (+483 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

17 Novembre 15:22 In Toscana 2.361 nuovi casi di Coronavirus e 52 decessi in 24 ore

In Toscana frena un po' l'aumento quotidiano dei nuovi positivi, che nelle ultime 24 ore sono stati 2.361, contro i  2.433 dell'ultima rilevazione, su 15.695 tamponi effettuati. L'età media dei nuovi casi è di 49 anni circa. Si registrano anche 52 decessi in più – 28 uomini e 24 donne con un'età media di 83 anni – che portano il totale complessivo a 1.967. I guariti crescono del 7,7% e raggiungono quota 28.078. I ricoverati sono 2.069 (8 in più rispetto a ieri), di cui 277 in terapia intensiva (7 in meno). Complessivamente, 52.083 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi. Altre 47.784 sono sempre isolate perché contatti di contagiati.

17 Novembre 15:16 Boris Johnson negativo al Coronavirus, ma resta in isolamento cautelare

Il premier britannico Boris Johnson è risultato negativo a un test sul Coronavirus, ma resta comunque in isolamento precauzionale per 14 giorni come previsto dalla linee guida del governo sulla pandemia avendo incontrato giovedì scorso un deputato Tory, Lee Anderson, risultato contagiato. Lo ha detto oggi ai giornalisti un portavoce di Downing Street nel suo briefing di giornata, assicurando comunque che il primo ministro risponderà domani alle interrogazioni parlamentari del Question Time del mercoledì, in video collegamento con la Camera dei Comuni. Il fatto che Johnson sia stato già contagiato dal Coronavirus in primavera, quando fu costretto anche a tre giorni di ricovero in terapia intensiva, e sia poi guarito, non gli garantisce infatti l'immunità in base ai risultati delle ricerche mediche più recenti.

17 Novembre 15:02 Lopalco: “Covid non andrà più via, ma diventerà malattia stagionale”

"Ci sarebbe stata comunque una seconda ondata" di Covid-19, anche se avessimo allungato di qualche mese il lockdown del marzo scorso, "perché comunque questo virus continua a circolare in maniera completamente nascosta. Ormai è un virus endemico, non andrà più via". Parola di Pier Luigi Lopalco, epidemiologo e assessore alla Sanità della Regione Puglia, intervenuto a ‘Un giorno da pecora' su Rai Radio 1. Ma quante ondate dobbiamo attenderci? "Non voglio spaventare", ma "l'influenza fa un'ondata l'anno – ha osservato Lopalco – Probabilmente sarà così anche per il coronavirus" Sars-CoV-2: "Diventerà una malattia stagionale autunno-invernale".

17 Novembre 14:57 Galli: “Virus nelle case di riposo? Portato involontariamente da personale”

"Chi credete che lo abbia portato il virus nelle Rsa? Non i parenti dei degenti ma il personale, ovviamente involontariamente": lo ha detto il professor Massimo Galli, ospite di un incontro online organizzato da fondazione Arché. "Ci siamo visti ridurre i nostri organici (ospedalieri, ndr) perché l'amico Fritz può arrivare da qualsiasi parte" ha aggiunto Galli, spiegando che molti sanitari magari si sono infettati perché sono stati i figli adolescenti a portare a casa il virus.

17 Novembre 14:31 Eugenio Gaudio rinuncia all’incarico da commissario per la Sanità nella regione Calabria

Eugenio Gaudio, appena nominato dal Consiglio dei ministri nuovo commissario alla Sanità in Calabria, ha rinunciato al suo incarico. Lo ha annunciato a Repubblica lo stesso Gaudio.: "Motivi personali e familiari me lo impediscono. Mia moglie non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare".

17 Novembre 14:17 Coronavirus Basilicata, oggi 296 nuovi contagi

Sale ancora il numero di nuovi contagi in Basilicata, nelle ultime sono emersi, infatti, 296 nuovi positivi al Coronavirus, a fronte di 2371 tamponi processati. Di questi, una trentina si riferiscono a residenti fuori regione. Tra i nuovi positivi si contano 32 casi a Matera e 29 a Potenza. È quanto fa sapere la Giunta regionale. Quindici, invece, le persone guarite ieri. Sale anche il numero di ricoverati negli ospedali lucani, arrivati a quota 180, di cui trenta nei reparti di terapia intensiva di Potenza e Matera.

17 Novembre 14:12 Foggia, morto il soccorritore Alberto: è il terzo operatore in pochi mesi vittima del Covid

Sanitaservice piange il terzo operatore del 118 in pochi mesi, vittima del Covid. Non ce l'ha fatta Alberto Cavalli, 59 anni, soccorritore nella postazione di Serracapriola.

A darne notizia il segretario dell'Usb di Lecce, Gianni Palazzo, con un commosso messaggio di cordoglio e di vicinanza alla moglie. "Oggi – ha scritto – è il tempo del silenzio e del dolore, non delle strumentalizzazioni e delle polemiche". L'operatore era in prima linea, dalla prima ora, nella battaglia dell'internalizzazione al fianco dell'Unione sindacale di base.

17 Novembre 13:25 Cosa sono i farmaci a Rna e perché sono importanti nella lotta al Coronavirus

Nella lotta contro il Covid stanno risultando molto promettenti i farmaci a RNA, come il vaccino candidato “BNT162” a mRNA sviluppato dalla casa farmaceutica Pfizer e da BioNTech. Speranze si nutrono anche per i cocktail di RNA interferenti (siRNA), in grado di silenziare i geni del patogeno e distruggerlo. In altre parole,

verrebbe stimolata in questo modo la produzione di anticorpi contro la proteina spike di cui il virus Sars-CoV-2 si serve per agganciare le cellule umane e penetrarle.

17 Novembre 13:09 In Veneto 3.124 nuovi casi e 100 morti nelle ultime 24 ore

Sono 3.124 i positivi al Coronavirus in più registrati nelle ultime 24 ore in Veneto. Tra gli attualmente positivi, 28.360 sono in isolamento domiciliare, mentre scende di 3 unità il numero degli ospedalizzati, per un totale di 2.091. In terapia intensiva ci sono 280 pazienti Covid (+15 rispetto a ieri). Balzo in avanti, invece, del numero delle vittime: 100 solo nelle ultime 24 ore. È quanto ha annunciato il presidente della Regione, Luca Zaia, presentando il bollettino regionale odierno.

17 Novembre 12:57 Bari, marito e moglie malati di Covid muoiono a distanza di 4 giorni

Morti a distanza di quattro giorni l’una dall’altro due coniugi di Bitonto, nel Barese, entrambi dopo aver contratto il Covid-19.
Il virus ha strappato alla vita prima lei, 63 anni, nonostante – come riporta la Gazzetta del Mezzogiorno – non avesse altre patologie pregresse, e quattro giorni dopo suo marito le cui condizioni erano apparse subito più gravi. La coppia lascia tre figli, due uomini e una donna, tutti sposati, che non hanno nemmeno potuto stare accanto ai loro genitori negli ultimi istanti della loro vita.

17 Novembre 12:47 La situazione in Campania: contagi calano, a dicembre forse fuori dall’emergenza

Le statistiche aggiornate sul Coronavirus in Campania: la curva teorica che si alimenta degli attuali dati sui contagi indica che a metà dicembre, se le cose andranno avanti così, potremmo arrivare ad avere una percentuale di positivi su tamponi minore del 2%. Significa che saremmo fuori dalla “seconda ondata” del virus.

17 Novembre 12:39 Coronavirus Alto Adige: 9 morti e 258 nuovi casi

Il bilancio della pandemia in Alto Adige registra, nelle ultime 24 ore, ancora 9 vittime e 258 nuovi casi positivi. I decessi complessivi salgono così a 414. I tamponi valutati dai laboratori dell'Azienda sanitaria provinciale sono stati 1.340. Il numero delle persone testate positive dall'inizio dell'emergenza sanitaria è ora di 18.104.

17 Novembre 12:34 Morti 5 medici per Coronavirus, il totale delle vittime sale a 196

Altri 5 medici uccisi dal Coronavirus. Il totale delle vittime tra i camici bianchi sale così a 196. Ne dà notizia Fnomceo, la federazione degli ordini dei medici, che sul suo portale listato a lutto tiene sempre aggiornato l'elenco dei colleghi vittime del Covid

17 Novembre 12:25 La previsione di Pregliasco: “Conviveremo ancora a lungo col Covid”

Il virologo Fabrizio Pregliasco
in foto: Il virologo Fabrizio Pregliasco

Un anno esatto fa, un cinquantacinquenne cinese della provincia dello Hubei fu ricoverato in ospedale a causa di una infezione virale, che gli aveva provocato una “misteriosa polmonite”. All’epoca non si sapeva ancora che si trattava di un caso di COVID-19, il primo in assoluto della pandemia. Per sapere quanto ancora potrebbe durare e quali informazioni ci mancano sulla malattia abbiamo intervistato il virologo Fabrizio Pregliasco.

17 Novembre 12:10 Ilaria Capua: “Covid potrebbe diventare panzoozia e colpire gli animali, ne perderemo controllo”

"Il rischio che il virus circoli negli animali, e soprattutto negli animali selvatici, è che si perda definitivamente il controllo dell’infezione. È impensabile fare sorveglianza e andare a controllare le donnole o le faine nel loro habitat naturale. Il virus chiaramente potrebbe mutare in un’altra specie animale e questo potrebbe minare le nostre possibilità di controllare la pandemia. Le parole d’ordine non possono che essere flessibilità e attenzione, perché il virus sta facendo esattamente ciò che ci si aspetta da lui: si sta endemizzando in tutte le specie ricettive, compresi i mustelidi”. Queste le parole di Ilaria Capua, direttrice del One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, in un'intervista a HuffPost.

17 Novembre 11:59 Pregliasco: “Curva in crescita ma è lineare, forse picco tra 7 giorni”

“La curva è in crescita ma è lineare, il picco potrebbe arrivare tra 7 giorni. L’emergenza negli ospedali non è scavallata ma quasi, siamo nella fase di picco. E se le cose andranno avanti così, ci aspettiamo un calo per la prossima settimana”. Così Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario Irccs Galeazzi di Milano, a Sky Tg24. “In Lombardia si vedono i primi segnali di miglioramento della situazione. Bisogna insistere con il rispetto delle misure. Più lavoriamo bene adesso più saremo sereni a Natale”.

17 Novembre 11:35 L’indice Rt non è più affidabile per monitorare l’emergenza Covid: ecco perché

Diversi scienziati ritengono che l’indicatore Rt, il numero di riproduzione netto che calcola il numero medio di persone che un contagiato dal coronavirus può infettare, è divenuto ormai “inaffidabile” e “irrilevante” per monitorare l’emergenza in corso. La ragione principale risiederebbe nei dati non corretti forniti dalle regioni e nel numero esorbitante di nuovi positivi rilevati nelle ultime settimane, che hanno fatto saltare il sistema di monitoraggio.

17 Novembre 11:14 Coronavirus Marche, oggi 357 nuovi casi di contagio Covid

Sono 357 i positivi al covid rilevati nelle ultime 24 ore, pari al 29% dei 1.229 tamponi testati nel percorso nuove diagnosi e al 16,4% dei 2.176 tamponi testati in totale (che ne comprendono anche 947 nel percorso guariti). Secondo i dati resi noti dal Servizio Sanità della Regione. Il maggior numero di casi, 115, in provincia di Macerata, seguita da Ancona con 77, Pesaro Urbino con 68, Ascoli Piceno con 49, Fermo con 24, oltre a 24 di fuori regione.

17 Novembre 11:10 Russia, dubbi sui numeri dei contagi: le immagini choc dagli ospedali

Mentre i dati ufficiali parlano di 442 nuove morti di persone positive al Covid nelle ultime 24 ore in Russia, numero mai così alto registrato dall’inizio della pandemia, alcuni video in possesso della Cnn getterebbero dubbi sulla veridicità di questi dati, con ospedali sovraffollati e obitori con cadaveri ammucchiati gli uni sugli altri: “Qui è un disastro. I medici rifiutano persino di ammettere pazienti anziani con difficoltà respiratorie. Dicono loro che non c’è bisogno di ricoverarli in ospedale. Ma il vero motivo è che non ci sono abbastanza posti in reparto”.

17 Novembre 10:36 Austria, da oggi è lockdown totale

Dalla mezzanotte di oggi in Austria è scattato il lockdown totale, il secondo dopo quello in primavera. Divieto di uscire 24 ore su 24.. Asili, scuole e negozi restano chiusi per quasi tre settimane, fino al 6 dicembre. Viene comunque garantita l'assistenza dei figli di genitori che svolgono lavori essenziali.

17 Novembre 10:11 Magrini (Aifa): “Il vaccino arriverà a metà gennaio”

17 Novembre 09:58 Moderna: “Col nostro vaccino immunità lunga. Prime dosi solo negli Usa”

Il vaccino di Moderna potrebbe garantire una protezione dal coronavirus di “molti mesi, forse alcuni anni”. A dirlo in un’intervista a Repubblica è Tal Zaks, Chief medical officer dell’azienda di Cambridge, Massachusetts, che però non fa ancora previsioni sullo “sbarco” in Europa: “Non deve sorprendere che le prime dosi, tutte quelle del 2020, siano riservate agli Stati Uniti.

17 Novembre 09:41 Ministro Economia Gualtieri: “Promettenti notizie sui vaccini: vediamo luce alla fine del tunnel”

Con le "promettenti" notizie sui vaccini "si intravede la luce alla fine del tunnel". Lo ha detto il Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri a UnoMattina. "Abbiamo consapevolezza – ha sottolineato – che questo periodo e' difficile ma sappiamo che e' ultimo e che finirà: dobbiamo traghettare e aiutare gli italiani in questo momento difficili e preparare interventi massicci per rilanciare la economia".

17 Novembre 09:25 Shopping per fasce d’età e coprifuoco ritardato: così si riparte a Natale

Il governo continua a valutare l’ipotesi di un nuovo dpcm da emanare in vista delle festività natalizie. L’obiettivo è quello di non penalizzare i consumi, tanto che alcune delle misure allo studio riguardano soprattutto le regole per lo shopping, con l’idea di ingressi nei negozi per fasce d’età e aperture anche serali. Il coprifuoco potrebbe essere spostato più avanti nella serata, mentre gli spostamenti tra Regioni potrebbero essere consentiti anche al di fuori delle zone gialle.

17 Novembre 09:11 Brasile: 13,371 nuovi casi e 216 nuovi decessi in 24 ore

Il Brasile ha registrato nelle ultime 24 ore 13.371 nuovi casi confermati di coronavirus e 216 decessi per COVID-19, ha detto oggi il ministero della Salute. Il Brasile ha totalizzato 5,9 milioni di casi di coronavirus dall'inizio della pandemia, mentre il bilancio ufficiale delle vittime è salito a 166.014, secondo i dati del ministero.

17 Novembre 09:04 Australia: 4mila persone in quarantena dopo test di massa

Le autorità australiane hanno condotto test di massa sul coronavirus e circa 4mila persone sono state poste in quarantena nella speranza di soffocare un nuovo focolaio di Covid-19. Intanto, lo stato dell'Australia Meridionale, riferisce l'agenzia Reuters, ha riproposto ieri nuove restrizioni di distanziamento sociale dopo aver rilevato 21 casi di coronavirus, la maggior parte dei quali acquisiti localmente

17 Novembre 08:57 Oristano, il Pronto soccorso chiude dopo 48 ore: troppi malati Covid

Il Pronto soccorso di Oristano è stato chiuso nuovamente ai malati non covid nella serata di ieri 16 novembre ad appena 48 ore dalla riapertura. Il provvedimento dei responsabili dell’Assl si è reso necessario per la presenza di numerosi malati covid: 14 in tutto. Ciò non consente l’accesso in sicurezza ai malati non covid.

17 Novembre 08:40 Crisanti: “Settimana prossima capiremo se fare altre chiusure in base all’andamento della curva”

Le misure del governo "hanno avuto l'effetto di rallentare andamento della curva", ma solo "la prossima settimana ci dirà se la curva si è stabilizzata o se effettivamente scende". Lo ha detto ad Agora' su Rai3 Andrea Crisanti direttore di Microbiologia e Virologia all'università di Padova.
"Se non scende, è evidente che bisognerà fare qualche altra cosa – ha osservato Crisanti – perchè stiamo pagando un prezzo sociale enorme, sono morte 9.000 persone da quando è iniziata la seconda ondata". L'esperto ha parlato anche dei vaccini: “Non si sa se i vulnerabili sono protetti e se chi è protetto diventa un portatore sano. Comunque occorre costruire un sistema di controllo e tracciamento sul territorio, anche perché immunizzare tutti è uno sforzo logistico immane”.

17 Novembre 08:02 Galli: “Lockdown totale se i contagi non calano”

“Se nelle prossime due settimane non ci sarà una reale diminuzione dei nuovi casi, nuove chiusure saranno inevitabili”. Queste le parole professor Massimo Galli, direttore di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, tra coloro che in estate hanno messo in guardia sul rischio di una seconda ondata…

17 Novembre 07:39 Zona rossa e arancione. Le regioni vogliono cambiare colore, oggi la conferenza dei governatori

Dopo due settimane di misure restrittive per le regioni rosse e arancioni potrebbero essere possibili, nella terza settimana, quella di monitoraggio e verifica, “allentamenti per alcune aree, ma questa cosa va ancora stabilita”. Se la curva dei contagi continuasse a scendere, Lombardia, Piemonte, Calabria e Valle d’Aosta, le regioni in cui è stata firmata l’ordinanza il 6 novembre, potranno uscire dalla zona rossa il 27 novembre. Stessa storia per la Puglia e la Sicilia che potrebbero diventare gialle nella stessa data. "Le prime regioni entrate in zona rossa dovrebbero essere anche le prime a uscirne", conferma Roberto Speranza. Oggi la conferenza dei governatori in cui si discuterà di queste ipotesi.

17 Novembre 07:29 India, 29.163 nuovi casi segnalati nelle ultime 24 ore: è il dato più basso da luglio

Le infezioni giornaliere di coronavirus in India sono scese al minimo da metà luglio, con 29.163 nuovi casi segnalati nelle ultime 24 ore. Il bilancio totale dei contagi nel Paese è ora di 8,87 milioni, ha detto il ministero della Sanità locale. L'India è il secondo Paese più colpito al mondo dalla pandemia, dopo gli Stati Uniti

17 Novembre 07:22 Negli Usa il bilancio dei morti supera quota 247mila

 Il bilancio dei morti da Covid-19 negli Stati Uniti supera quota 247.000. Secondo la Johns Hopkins University dall’inizio della pandemia sono morte 247.101 persone su un totale di 11.188.766 casi nel Paese. Le persone guarite sono 4.185.549.

17 Novembre 07:21 Impennata di casi in Giappone, chiesto lo stato di emergenza

 In Giappone cresce la pressione per imporre lo stato d’emergenza alla luce dell’impennata di casi di coronavirus registrati negli ultimi giorni (sabato sono stati 1.722), in particolare nell’isola settentrionale di Hokkaido e nelle prefetture occidentali di Hyogo e Osaka. Le autorità di Hokkaido hanno fatto sapere che chiederanno agli abitanti di restare a casa, dopo che nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 189 nuovi contagi. In tutto finora sono stati 119.300 i positivi al Covid e oltre 1.900 i morti.

17 Novembre 07:11 Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, 17 novembre

Ieri 27.354 nuovi contagi da Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Italia, (domenica erano stati 33.979), per un totale dall'inizio dell'emergenza sanitaria di 1.205.881 casi. 152.663 i tamponi effettuati Sono gli ultimi dati aggiornati dell'emergenza covid in Italia diffusi dal Ministero della Salute. I guariti dall'inizio della pandemia sono 442.364 (+21554,), i morti Covid invece sono 45.733 (si registra un incremento di 504 decessi nelle ultime 24 ore). La Regione con più casi positivi su base giornaliera è la Lombardia con 4.128 casi, seguita dalla Campania con 4.079 casi. Questi i dati regione per regione:

Lombardia: +4.128

Piemonte: + 3.476

Campania: +4.079

Veneto: +1.966

Emilia Romagna: +2.547

Lazio: +2.407

Toscana: +2.433

Liguria: +365

Sicilia: +1.461

Puglia: +1.044

Marche: +282

Umbria: +283

Abruzzo: +642

Friuli Venezia Giulia: +456

P.A. Bolzano: +544

Sardegna: +411

P.A. Trento: +181

Calabria: +297

Valle d'Aosta: +99

Basilicata: +126

Molise: +128

I casi di Covid nel mondo sono oltre 54 milioni, secondo i dati diffusi dalla Johns Hopkins University, mentre i decessi confermati sono 1.317.140 dall’inizio della pandemia. Il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, ha firmato l’ordinanza n.102 "Ulteriori misure urgenti per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19" che, "allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus del Covid-19 e ferme restando le misure previste nel Dpcm del 3 novembre", stabilisce che "le misure di cui all’articolo 3 del medesimo Dpcm sono applicate in tutto il territorio della regione Abruzzo". Anche la Puglia potrebbe diventare zona rossa: cresce infatti il numero di contagi, le vittime  del coronavirus da marzo ad oggi superano quota mille e aumentano anche i ricoveri: 36 in più rispetto a domenica, 1447 contro 1441. Per questo i medici invocano l’istituzione della "zona rossa". Pessing sul governo di Lombardia e Piemonte che vedono i segnali positivi delle chiusure. Oggi la conferenza dei governatori. "Le prime regioni entrate in zona rossa dovrebbero essere anche le prime a uscirne", conferma Roberto Speranza.